venerdi 01 luglio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Tutti uniti contro l'accusa di Israele 'Paese di apartheid' 26/06/2022


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
17.06.2022 La Russia adesso minaccia anche la Moldavia
Cronaca di Rosalba Castelletti

Testata: La Repubblica
Data: 17 giugno 2022
Pagina: 2
Autore: Rosalba Castelletti
Titolo: «Lavrov: 'La Moldavia? Una seconda Ucraina'»

Riprendiamo da REPUBBLICA di oggi, 17/06/2022, a pag.2, l'analisi di Rosalba Castelletti dal titolo "Lavrov: 'La Moldavia? Una seconda Ucraina' ".

Immagine correlata
Rosalba Castelletti

Putin riconosce Donbass:
Vladimir Putin

La Commissione europea non si è ancora pronunciata sullo status di candidato all’adesione alla Ue a Ucraina e Moldavia, ma Mosca va già al contrattacco. La Ue, commenta il ministro degli Esteri Sergej Lavrov intervistato daNtv ,«opera in modo molto grossolano, costringendo questi nemmeno candidati ad aprire un secondo fronte ». Se dirà sì a Kiev, precisa, vuol dire che «ancora una volta è pronta a chiudere un occhio su tutti i suoi criteri », ma soprattutto che «è pronta a lasciarsi guidare esclusivamente da considerazioni geopolitiche». Quanto alla Moldavia, il capo della diplomazia russa non ha dubbi: l’Occidente «sta chiaramente cercando di farne una seconda Ucraina», mentre le autorità di Chisinau hanno adottato un «approccio consumistico» cheLavrov arriva a definire «accattonaggio » o «estorsione». Mendicano sulle forniture di gas, sostiene, chiedendo uno sconto sui pagamenti in cambio di un rallentamento del cammino di accesso all’Unione Europea.

Lavrov: kans op Derde Wereldoorlog is reëel - NRC
Sergej Lavrov

Tra un incontro con il primo ministro centrafricano e uno con il vicepremier cubano a margine del Forum economico di San Pietroburgo, Lavrov non risparmia nessuno. Intervistato da Tass, non vede un accordo a conclusione della cosiddetta “operazione militare speciale” in Ucraina, perché è Kiev ad aver rinunciato alla piattaforma di negoziati concordata a Istanbul opponendo il «silenzio assoluto» alle proposte russe. Lavrov sottolinea inoltre l’attivismo di Paesi come Polonia, Ungheria e Romania che rilasciano passaporti in Ucraina da anni senza che nessuno si scandalizzi. Mentre, ai microfoni di Bbc,alza il tiro: «Trascinare l’Ucraina nella Nato è un atto criminale». Il comune denominatore, alla fine, è sempre l’Occidente. Nel giorno in cui Mario Draghi, Olaf Scholz ed Emmanuel Macron visitano Kiev, torna alla carica anche l’ex presidente e premier Dmitrij Medvedev, oramai saettatore seriale: «Agli appassionati europei di rane, salsicce di fegato e spaghetti, piace visitare Kiev. Con zero utilità». L’attuale vice del Consiglio di sicurezza scrive che i leader Ue prometteranno a Kiev «l’adesione all’Ue e vecchi obici, si leccheranno i baffi con l’horilka », una vodka ucraina, e torneranno a casa in treno «come 100 anni fa», ma «non avvicineranno l’Ucraina alla pace». Il portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov si augura invece che i tre leader non «pompino ulteriormente armi» perché «è assolutamente inutile» e «infliggerà più danni », ma che adottino uno «sguardo realistico allo stato delle cose». Toni più moderati, ma la sostanza non cambia.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/ 49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT