venerdi 01 luglio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Tutti uniti contro l'accusa di Israele 'Paese di apartheid' 26/06/2022


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
07.06.2022 Bloccò le news della tv di Putin: 'Ora mi credono una spia russa'
Analisi di Fabio Tonacci

Testata: La Repubblica
Data: 07 giugno 2022
Pagina: 9
Autore: Fabio Tonacci
Titolo: «Bloccò le news della tv di Putin: 'Ora mi credono una spia russa'»

Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 07/06/2022, a pag. 6, con il titolo "Bloccò le news della tv di Putin: 'Ora mi credono una spia russa' ", l'analisi di Fabio Tonacci.


Fabio Tonacci

La giornalista russa Marina Ovsjannikova denuncia al tg le
Marina Ovsjannikova

Non si trova un ucraino che creda alla buona fede di Marina Ovsjannikova. La reputano una spia dell’Fsb. Ritengono che ogni sua dichiarazione pubblica sia costruita ad arte sul tavolino della propaganda di Mosca. La producer 43 enne, diventata famosa il 14 marzo quando interruppe il telegiornale russo di Channel One mostrando in diretta un cartello contro la guerra, non la vogliono proprio. «Sono arrivata in Ucraina il 27 maggio volevo intervistare Zelensky, mostrare alla Russia gli orrori di Bucha e il male che sta facendo Putin al popolo ucraino... il 31 sono dovuta scappare perché la scorta era molto preoccupata per la mia incolumità».

Scappare, incolumità. Usa questi termine al telefono con Repubblica , poco prima di commuoversi. Ovsjannikova, nata ad Odessa, è per metà ucraina e per metà russa. Giornalisti e opinion leader ucraini la considerano, nella migliore delle ipotesi, la testa di ponte di una «operazione speciale informativa-psicologica pianificata dai servizi segreti russi». Il nodo della discordia è questo: pur dicendo tutto il male possibile di Putin e del suo governo, Ovsjannikova più volte ha separato le sorti del presidente della Federazione da quelle del popolo, sostenendo che le sanzioni dovrebbero colpire solo lui e gli oligarchi, risparmiando quindi l’economia della Russia. Lo ha detto a Fabio Fazio durante l’intervista su Rai Tre .«Esattamente la narrativa di cui ha bisogno il Cremlino per farsi togliere le sanzioni», scrive su Facebook Dima Replianchuk, giornalista investigativo che collabora con la procura generale di Kiev per identificare gli autori dei crimini di guerra. Il viaggio di Ovsjannikova tra Kiev e Odessa a fine maggio, poi, è diventato un caso nazionale, ne parlano tutti e tutti allo stesso modo: una raffinatissima missione di propaganda dell’Fsb camuffata da coraggiosa dissidenza. La sua stessa presenza in Ucraina e i suoi spostamenti sono stati messi in dubbio. «Ho video e foto della trasferta», ribatte la producer. Per dimostrarlo, ci ha inviato una foto e lo spezzone del suo reportage, non ancora uscito in Germania (lavora come freelance per Die Welt )in cui la si vede davanti a uno degli alberghi di Odessa distrutti da un bombardamento. «Devono venire fuori i nomi di chi le ha permesso di entrare in Ucraina», ha protestato Ayder Izzet-Oglu Muzhdabaev, influente vice direttore generale di Atm, Tv tatara basata in Crimea. Il tenore dei commenti, grosso modo, è stato questo.

«È tutto folle», si difende lei. «In Ucraina mi odiano e mi credono una spia dell’Fsb, in Russia pensano che sia una spia britannica... quelle frasi sulle sanzioni le ho dette prima di aver visto il massacro di Bucha, ora ho cambiato idea! Ora sono convinta che la guerra sia una responsabilità collettiva dei russi e che la comunità internazionale debba colpire laFederazione con più sanzioni di quante ne ha già approvate. Ero pronta a spiegarlo di persona, però non me ne è stata data la possibilità ». Il riferimento è a un episodio dai contorni poco limpidi. L’agenzia stampa Interfax-Ucraina annunciaper il 31 maggio a Kiev una conferenza stampa dal titolo: “Rivelazioni di Marina Ovsyannikova: come funziona la propaganda russa”. In pochissimi minuti la notizia fa il giro dei social e si alza il polverone dell’indignazione. La responsabile dell’osservatorio sulla trasparenza dei media, Natalia Lyhachova, invita a ignorare l’evento. Che, nel giro di poche ore, viene cancellato. «Era stata un’idea mia, in collaborazione con Die Welte due ong, una americana e una olandese», spiega la producer. «Sono stati i vertici diInterfax-Russia a chiamare e a ordinare di annullare la conferenza». Almeno ufficialmente, tuttavia, la filiale ucraina si è staccata dalla sede di Mosca dopo Euromaidan. «Ero disponibile a rispondere a ogni domanda, anche a ripetere per l’ennesima volta che sono uscita dalla Russia non perché sono una spia ma solo grazie all’aiuto della comunità internazionale, soprattutto Stati Uniti e Francia. Zelensky allora si era congratulato con me. Adesso vivo a Berlino, da sola. Ho perso tutto per sostenere gli ucraini: i miei figli sono come prigionieri in Russia e non li posso abbracciare, non ho più la mia casa, non ho più il mio lavoro. Eppure, in Ucraina, mi odiano».

Per inviare la propria opinione alla Repubblica, telefonare 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT