martedi` 28 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
30.05.2022 Europa/Inghilterra: due approcci diversi verso la Russia di Putin
Commento di Antonello Guerrera

Testata: La Repubblica
Data: 30 maggio 2022
Pagina: 4
Autore: Antonello Guerrera
Titolo: «'Negoziati trappola'. Boris Johnson guida i 'falchi'»

Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 30/05/2022, a pag.4, con il titolo " 'Negoziati trappola'. Boris Johnson guida i 'falchi' " il commento di Antonello Guerrera.

Immagine correlata
Antonello Guerrera

Partygate: Boris Johnson looking safe - for now - BBC News
Boris Johnson

Mentre Francia, Germania e Italia parlano in questi giorni con Putin e provano a negoziare un complicato accordo su grano e armi, a Londra si è molto più circospetti. Del resto, Boris Johnson ha detto fino allo sfinimento che «Putin deve perdere in Ucraina ». Addirittura, qualche settimana fa, sognava una riconquista della penisola di Crimea da parte di Kiev. Ora la realtà è più dura, come dimostra la battaglia nel Donbass. Ma di certo i britannici temono che i maggiori Paesi europei cadano in qualche “trappola negoziale” della Russia e le recenti parole del presidente francese Emmanuel Macron («Non è necessario umiliare Putin») hanno destato irritazione oltremanica. Addirittura, secondo ilFinancial Times , gli inglesi - che hanno un legame militare storico con Kiev - sarebbero ancora più falchi degli stessi americani. Che pure qualche giorno fa hanno promesso missili a lungo raggio, ma che allo stesso tempo temono un’escalation pericolosa. Di certo, per Washington e Londra - e per lo stesso presidente ucraino Volodymyr Zelensky - Putin non deve uscire da questa guerra da vincitore. Uno dei motivi è sempre lo stesso: gli Stati Uniti e il Regno Unito si sono decisamente impegnati nel risiko dell’Indo-pacifico, da dove è appena tornato il presidente Biden. Ogni plateale concessione, anche territoriale, a Mosca potrebbe rappresentare il lasciapassare per azioni ostili di Pechino. L’altro giorno era eloquente l’editoriale della direzione del Times , spesso allineato alla linea militare britannica sull’Ucraina: «Ascoltiamo sirene preoccupanti da qualcuno in Occidente che vorrebbe negoziare con Putin. La strada giusta, invece, è quella di aiutare Kiev a vincere». In allarme anche i Paesi baltici, da sempre i più falchi contro la Russia per il pericolo che questa rappresenta. Durissimo ieri, tra gli altri, il vicepremier lettone Artis Pabriks: «Sembra che alcuni leader occidentali vogliano farsi umiliare, oltre a essere totalmente disconnessi dalla realtà». Insomma, si staglia una divaricazione nel blocco euroatlantico. Qualcosa di nuovo dal fronte occidentale,che inquieta Londra.

Per inviare la propria opinione alla Repubblica, telefonare 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT