sabato 25 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
22.05.2022 Putin taglia il gas alla Finlandia. Da Estonia e Usa forniture alternative
Commento di Tonia Mastrobuoni

Testata: La Repubblica
Data: 22 maggio 2022
Pagina: 8
Autore: Tonia Mastrobuoni
Titolo: «Putin taglia il gas alla Finlandia. Da Estonia e Usa forniture alternative»

Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 22/05/2022, a pag. 8, con il titolo "Putin taglia il gas alla Finlandia. Da Estonia e Usa forniture alternative", il commento di Tonia Mastrobuoni.

Risultati immagini per tonia mastrobuoni repubblica

Tonia Mastrobuoni

Chi è Sanna Marin, premier porta Finlandia in Nato - Adnkronos.com
Sanna Marin

La Finlandia ha adottato, contrariamente a Italia e Germania, la linea del rigore. Non pagherà il gas russo in rubli. E Mosca ha reagito tagliando tutte le forniture di metano a Helsinki. L’impresa finlandese Gasum, che compra l’energia per soddisfare il fabbisogno della Finlandia, ha comunicato che da oggi il metano sarà, intanto, garantito dal gasdotto che collega il Paese scandinavo all’Estonia, Balticconnector. IlCremlino ha puntualizzato che «nessuno fornirà niente gratis». In realtà la disputa con l’Europa è nata dalla richiesta senza precedenti di Mosca di ricevere pagamenti in rubli. Un modo di proteggere una valuta finita sotto attacco per l’isolamento della Banca centrale russa; mossa che le ha reso le ampie riserve in dollari ed euro inaccessibili. Ma all’inizio di aprile la Finlandia e l’Estonia avevano già annunciato la costruzione di un rigassificatore galleggiante al largo delle coste finlandesi: un modo per far arrivare il metano via nave ed emanciparsi dai gasdotti russi. L’accordo firmato con l’americana Excelerate Energy, secondo la ministra delle Finanze Annika Saarikko, «ci consentirà di liberarci dal gas russo». La decisione drastica del Cremlino di congelare il gas a Helsinki non è solo motivata dal rifiuto di pagarlo in rubli, ma anche dalla storica decisione di aderire alla Nato. La richiesta ufficiale è arrivata questa settimana insiemealla Svezia. E Putin ha subito minacciato ritorsioni. In totale, Helsinki importa il 34% dell’energia da Mosca, secondo dati dell’Istituto di statistica. E consuma appena il 5% di gas, che proviene però quasi tutto dalla Russia. Le forniture di metano sono cruciali per l’industria finlandese. Tanto che il ministro dell’Energia ha messo in guardia già una settimana fa che il taglio delle forniture «sarebbe un colpo molto duro per l’industria finlandese che rischierebbe di spazzare via centinaia di posti di lavoro». Helsinki mette in conto anche un’impennata dei prezzi del metano che verrà ora importato dall’Estonia. La premier Sanna Marin aveva già espresso ad aprile il desiderio di «liberarsi delle fonti fossili russe». E un sondaggio di Greenpeace ha rivelato che una travolgente maggioranza di finlandesi - il 78% - vuole che Helsinki smetta di comprare energia da Putin, anche se significa pagare bollette più alte. Sulla scia dellecrescenti tensioni, anche il progetto per una centrale nucleare russo-finlandese nato da una partnership tra Rosatom e Fortum è stato cancellato. E le importazioni di petrolio sono state tagliate del 70% già a marzo, nel primo mese dell’invasione dell’Ucraina, sostituite con prodotto norvegese. Helsinki ha agito rapida per tagliare il cordone ombelicale con la Russia. Ma per privarsene del tutto ci vorrà ancora del tempo. Una prima ritorsione russa aveva colpito la Finlandia già la scorsa settimana: l’azienda Rao Nordic controllata da Mosca aveva tagliato del tutto le esportazioni di energia elettrica alla Finlandia. Ma quel 10% di fabbisogno è stato facilmente sostituito. Per il gas sarà più complicato, non impossibile. Per azi ende come Neste, Metsa e altre attive nei settori cruciali del legno, della chimica e dell’alimentare dovranno essere trovate rapidamente delle alternative. Il governo di Sanna Marin ci sta lavorando.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT