sabato 25 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
22.05.2022 Ucraina: diplomazia e aiuti militari
Cronaca e intervista di Fabio Tonacci

Testata: La Repubblica
Data: 22 maggio 2022
Pagina: 4
Autore: Fabio Tonacci
Titolo: «Zelensky: tutto finirà con la diplomazia. E telefona a Draghi - Il capitano Juice: 'Addestrato in California ad abbattere i caccia russi'»

Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 22/05/2022, a pag. 4, con il titolo 'Zelensky: tutto finirà con la diplomazia. E telefona a Draghi', la cronaca di Fabio Tonacci; a pag. 7, la sua intervista dal titolo "Il capitano Juice: 'Addestrato in California ad abbattere i caccia russi' ".

Ecco gli articoli:

"Zelensky: tutto finirà con la diplomazia. E telefona a Draghi"


Fabio Tonacci

Odessa Serenella Mattera, Roma - I combattenti usciti dal ventre buio dell’Azovstal non sono prigionieri come gli altri, lo sanno a Kiev e lo sanno a Mosca. E infatti, per la prima volta dal 24 febbraio la sorte di un gruppo di soldati catturati sul campo di battaglia piomba sul tavolo del negoziato. Per gli ucraini i difensori di Mariupol sono eroi nazionali. Hanno resistito per tre mesi nella città martire, bloccando la più numerosa armata russa cui si sono consegnati solo dopo esplicito ordine dei loro vertici militari. Zelensky, che ieri è stato chiamato dal premier Draghi per discutere una proposta italiana sullo sminamento delle acque, è apparso sulla tv ucraina in compagnia della moglie Olena. È la seconda volta che i due si fanno vedere insieme dall’inizio della guerra. «Li riporteremo tutti a casa», promette Zelensky. «Il ritiro dall’Azovstal sarà completato a breve. Per ora sono al sicuro ma devono essere scambiati. La ripresa delle trattative dipenderà da questo ». Il presidente ucraino ricorda le responsabilità che Onu, Croce Rossa internazionale e Russia si sono prese sull’Azovstal e chiosa ponendo l’accento, più del solito, sulla soluzione negoziale. «La vittoria sarà difficile e sanguinosa, ma la conclusione è racchiusa nella diplomazia, ne sono sicuro». L’elemento che più lo fa sperare di rivedere i difensori di Mariupol in realtà è poco diplomatico e molto concreto: nelle carceri ucraine ci sono centinaia di prigioneri della Federazione. Anche Putin, dunque, ha il problema di riportare a casa i propri soldati. Zelensky tira in ballo l’Onu, che sottotraccia sta agevolando il dialogo tra i due. A Repubblica Stephane Dujarric, portavoce del segretario generale, spiega però che l’Onu «non ha alcun ruolo operativo nell’evacuazione dell’acciaieria». Dall’altra parte, Putin tiene in pugno non solo gli eroi dell’Ucraina, ma anche un potentissimo elemento per la propaganda interna.

Tra i 2.439 usciti dall’acciaieria (il numero è diffuso dal Cremlino ma il think tank American Institue for War Studies sostiene che potrebbe essere volutamente sovrastimato), ci sono infatti i militari del Reggimento Azov, nemici numero uno dei separatisti del Donbass e dal presidente russo additati come la ragione principale di quella che lui continua a chiamare “operazione speciale di denazificazione dell’Ucraina”. La tentazione è creare uno maxi show giudiziario, portandoli in tribunale con l’accusa di terrorismo o nazismo. Leonid Slutsky, presidente della Commissione per gli affari esteri della Duma, ha prima diffuso, poi ritrattato, l’ipotesi di uno scambio con l’oligarca amico di Putin, Medvedchuk. La telefonata di Draghi a Zelensky è arrivata in serata. La premura del premier italiano è data dalla necessità di sbloccare i porti ucraini e permettere il passaggio di milioni di tonnellate di grano. Ne ha parlato dieci giorni fa a Joe Biden durante il colloquio alla Casa Bianca. Ritiene, come ha ribadito a Zelensky, che su questo si possa e si debba aprire un canale di dialogo col Cremlino. L’Italia, attraverso il ministro della Difesa Guerini, si è detta disposta a mandare una nave cacciamine della Marina, per sminare i bacini e permettere il passaggio dei cargo, ma prima devono crearsi le condizioni, a partire dall’apertura degli stretti sul Mar Nero. L’impegno rafforza la mediazione su cui Draghi intende continuare a lavorare. Roma - ha rassicurato Draghi - non smetterà di sostenere Kiev e spingerà perché l’Ue approvi il sesto pacchetto di sanzioni a Mosca che include anche il petrolio. Il presidente ucraino lo ringrazia e sottolinea il supporto dell’Italia «al cammino dell’Ucraina verso l’Ue», perché è«incondizionato».

"Il capitano Juice: 'Addestrato in California ad abbattere i caccia russi' "

Il capitano Juice:
Il capitano Juice

«I piloti russi per nostra fortuna volano come negli anni Settanta e combattono come nella Seconda Guerra Mondiale. In California abbiamo imparato il segreto per abbatterli: usare la creatività». Il capitano Juice, nomen omen, va al succo della questione e offre la sua spiegazione al grande interrogativo sul cielo d’Ucraina: perché Mosca, che ha un numero di caccia 15 volte superiore a quello di Kiev (1.435 contro 98), non stravince? Il top gun ucraino, 29 anni, originario dell’Est del Paese, accetta di parlare con Repubblica a patto di non rivelare l’identità e la base in cui si trova. Durante l’intervista indossa il casco che usa quando vola col suo Mig-29. La visiera è abbassata, vediamo solo la barba fulva. Il nome di battaglia è anch’esso una storia interessante, per il luogo e le circostanze in cui gli è stato affibbiato.

Perché Juice? «Premessa: io sono astemio, condizione assai rara nella comunità dei piloti militari. Nel 2019 ero a Fresno nella base degli americani (il 144 esimo stormo della California Air National Guard, ndr ). Alla festa di fine corso hanno visto che ordinavo solo succo di frutta, niente birra o whisky, ed erano stupiti. Hanno voluto organizzare una cerimonia di “battesimo” per dare agli ospiti ucraini il nome, prassi che qui da noi non avevamo. Da allora sono Juice».

Quanti piloti ucraini eravate in California? «Non posso rivelarlo» È stato utile? «Utilissimo, ci hanno cambiato la mentalità insegnandoci come colpire i caccia russi e facendoci vedere dei trucchi per personalizzare le tattiche. I nostri Mig sono troppo vecchi per seguire le loro, quindi ci hanno detto: arrangiatevi con la creatività».

Come? «Quando siamo lassù mescoliamo la vecchia scuola di volo sovietica con l’esperienza maturata in Donbass e i consigli ricevuti a Fresno. Puoi essere creativo nelle manovre, ad esempio. Invece di ingaggiare il dog fight (il duello aereo, ndr )dove siamo in svantaggio perché i radar dei nostri Mig-29 risalgono acinquant’anni fa, ci facciamo inseguire dai Sukoi attirandoli nel nostro spazio e poi li distruggiamo con i missili da terra. I russi faticano a capirci perché ragionano come negli anni Settanta».

Tutto questo l’avete imparato in California? «Anche l’esercitazione “Clear Sky” del 2018 con gli F-15, la più grande in Ucraina dal crollo dell’Urss, è stata fondamentale. Vi ha partecipato il 30 per cento dei nostri piloti. È lì che abbiamo imparato a comunicare in inglese come fanno nella Nato».

Intende la comunicazione in missione aerea? «Sì. Fino al 2018 usavamo l’ucraino, da quel momento abbiamo cambiato lingua. One is ready, two is ready, turn in, fight is on, fox 2 fox 2 quando spariamo un missile. Oppure guns guns guns per il mitragliatore. Knock it off è il segnale di ritirata».

Trucchi, tattiche americane, il gergo: tutte cose utili, ma la flotta russa ha pur sempre quindici volte i vostri caccia. Come stanno le cose? «Ci sono tre zone non vaste, a Mariupol e nel sud-est, dove la superiorità ce l’hanno eccome. Per controllare tutto il cielo dell’Ucraina, però, i numeri non bastano: serve la qualità di piloti e comandanti. Abbiamo capito che non sono bravi come pensavamo. In Siria erano i numeri uno, ma volavano senza veri avversari e sisono abituati a missioni col bel tempo guidate dal gps. In Ucraina hanno trovato nuvole, tempo brutto e noi».

Cosa ha capito del modo di combattere dei suoi nemici? «I piloti prendono ordini dai generali di fanteria, come nel 1940. Invece di fare missioni indipendenti, seguono l’avanzata delle truppe. È un modo antiquato e poco efficace». Quanti caccia russi avete distrutto? «I dati ufficiali dicono 200».

E voi quanti ne avete persi? «Segreto militare»

Quanto è diverso il Mig-29 dall’F-15 con cui ha volato a Fresno? «Poco nel modo di volare, ma hanno sistemi elettronici potenti. Se i Paesi occidentali ce li danno, nell’arco di uno-due mesi sapremo utilizzarli. Ci servono F-15, F-16 o F-18 se vogliamo cambiare le sorti della guerra, con i Mig non ci facciamo più niente. E al momento, per colpa delle perdite, abbiamo più piloti che velivoli».

La Nato vi aiuta a individuare gli attacchi in aria? «Ricevo le informazioni dal mio comando, non so da dove esse arrivino». Perché non riuscite a intercettare i missili cruise lanciati dai Tupolev sulle vostre città? «Partono dal territorio della Federazione russa e non li prendiamo per colpa dei nostri sistemi radar antiquati. Io per colpire un obiettivo in aria o a terra con un missile devo rimanere sulla traiettoria perché altrimenti perdo il tracciamento, i più moderni Sukoi di Mosca hanno sistemi fire and forget ,possono sparare da lontano e virare subito».

Quindi siete costretti ad avvicinarvi all’obiettivo... «È fottutamente pericoloso! Ma accade di rado, per fortuna. Dopo il Vietnam, i caccia combattono da lontano usando missili a lunga gittata. Non è quasi mai come nel film Top Gun...».

Sa che esce il seguito? «Non vedo l’ora di vederlo. Il primo l’ho visto non so quante volte. Anzi, dico a Tom Cruise: vieni qui in Ucraina per girare Top Gun 3!».

Per inviare la propria opinione alla Repubblica, telefonare 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT