giovedi` 30 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Tutti uniti contro l'accusa di Israele 'Paese di apartheid' 26/06/2022


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
17.05.2022 Le forze di Kiev liberano il confine. Sempre più disertori tra i russi
Cronaca di Daniele Raineri

Testata: La Repubblica
Data: 17 maggio 2022
Pagina: 2
Autore: Daniele Raineri
Titolo: «Le forze di Kiev liberano il confine. Sempre più disertori tra i russi»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 17/05/2022 a pag.2 con il titolo "Le forze di Kiev liberano il confine. Sempre più disertori tra i russi" la cronaca di Daniele Raineri.

Festival Internazionale del Giornalismo
Daniele Raineri


«Ce l’abbiamo fatta presidente, ci siamo arrivati». Il caposquadra dei soldati ucraini guarda in camera e si rivolge in via diretta al presidente Zelensky, perché sa che il valore simbolico del momento è fortissimo. «Abbiamo raggiunto il confine russo. Qui con noi c’è una guardia di frontiera, da adesso passiamo il controllo di questa posizione a lui». Domenica un gruppo di militari ucraini della Difesa territoriale – 127ma brigata, non un’unità speciale, ma la manovalanza di questo conflitto – ha raggiunto il confine a nord di Kharkiv, nella zona di Ternova e con un telefonino ha girato un video per annunciare: abbiamo cacciato i russi da dove sono venuti. Il presidente Zelensky, che riconosce al volo un buon colpo d’immagine, ha subito risposto ai soldati con molti ringraziamenti. Il tono degli ucraini ricorda il celebre bollettino della vittoria scritto dall’esercito italiano alla fine della Prima guerra mondiale: «I resti di quello che fu uno dei più potenti eserciti del mondo risalgono in disordine e senza speranza le valli che avevano discese con orgogliosa sicurezza», basta sostituire la Russia di Vladimir Putin al posto dell’Impero austro-ungarico e le pianure verdi a Nord di Kharkiv al posto delle valli. Fatte le debite proporzioni, il risultato è significativo per l’Ucraina. Ottanta giorni fa le due irruzioni dal confine Nord da parte dei soldati russi erano state le più forti, sopra Kiev e sopra Kharkiv. Ora entrambe possono essere dichiarate fallite e le due città non sono mai state conquistate. Dal punto di vista della strategia, gli ucraini che toccano il confine russo sopra Ternova di fatto tagliano le forze nemiche nella regione di Kharkiv in due pezzi. A Est di Ternova i russi sono ancora connessi al grosso delle loro forze, ma a Ovest di Ternova si è venuta a creare una sacca isolata di soldati russi che alle sue spalle ha la Russia e in questi giorni cannoneggia con disperazione per tenere lontani i soldati di Kiev. Il loro destino è chiaro: o si fanno distruggere dagli ucraini che hanno circondato la sacca e che si riprendono ogni giorno un altro po’ di terreno oppure indietreggiano verso il confine fino a quando la sacca non sarà riassorbita dalla Russia. In prima linea tra i soldati che incalzano i russi ci sono anche i veterani dell’unità “Kraken” (come la piovra di dimensioni mostruose delle leggende, capace di affondare un veliero con i suoi tentacoli), un sottogruppo del reggimentoAzov – lo stesso degli uomini assediati dentro l’acciaeria Azovstal di Mariupol – che è formato da combattenti che hanno fatto esperienza nel Donbass in questi anni. Le loro macchine coperte da uno strato fai da te di vernice verde con lo stemma triangolare della piovra sulle portiere sfrecciano da e verso il fronte. Il filmato celebrativo degli ucraini coincide con il crollo generalizzato del morale dei combattenti russi. Gli episodi reali e le voci si accumulano. Si parla di carristi che versano nei prati il carburante contenuto nei serbatoi dei loro mezzi per non essere costretti ad avanzare, di ufficiali che finiscono i feriti con un colpo di pistola – è un racconto che i soldati russi si passano al telefono, è spuntato nelle intercettazioni – oppure che si sparano a un piede per essere rimpatriati. Da due giorni circola un video di alcuni separatisti diLugansk – i cosiddetti mobiks, perché sono stati arruolati nel corso della recente mobilitazione di massa – che tentano di passare il confine russo a Nord di Kharkiv ma sono respinti dalle guardie di frontiera: in teoria sono le preziose truppe locali dei russi, in pratica sono trattati come stranieri senza permesso. Le loro mogli a Lugansk ieri hanno protestato in piazza per riaverli a casa – si intende riaverli con un lungo giro che passa dal territorio russo perché da quello ucraino la via è sbarrata. Dal Donbass arriva il video di una squadra di soldati russi che rifiuta di obbedire agli ordini perché le perdite in combattimento in quella zona sono troppo alte e dalla regione occupata a sud di Zaporizhia – secondo il bollettino ucraino di notizie Hrodmadske – arriva la notizia che l’esercito russo sta aprendo alcuni centri detentivi da usare per i soldati che non vogliono più combattere. Per i militari russi che ancora non sono stati mandati al fronte c’è uno stratagemma semplice, scrive ilGuardian: possono rifiutarsi di andare a combattere in Ucraina e rischiano soltanto pene molto lievi perché dal punto di vista formale non c’è alcuna guerra, ma soltanto una “operazione speciale” e quindi la loro condotta non è grave come la diserzione.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT