domenica 26 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
09.05.2022 Zelensky: 'Il male è tornato, Mosca si deve ritirare da tutta l’Ucraina'
Cronaca di Paolo Brera

Testata: La Repubblica
Data: 09 maggio 2022
Pagina: 3
Autore: Paolo Brera
Titolo: «L’offensiva di Zelensky: 'Il male è tornato Mosca si deve ritirare da tutta l’Ucraina'»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 09/05/2022, a pag. 3, con il titolo "L’offensiva di Zelensky: 'Il male è tornato Mosca si deve ritirare da tutta l’Ucraina' ", l'analisi di Paolo Brera.

A destra: Volodymyr Zelensky

Quindici minuti in bianco e nero, in un video tra i palazzi sventrati e anneriti di Borodyanka, e il presidente Zelensky ha riportato indietro la ruota del tempo. Eccolo, il giorno della Memoria ucraino. Lo stesso terrore del ‘43, le stesse città distrutte, il vento tra le macerie, il silenzio della morte. Ieri i nazisti, oggi i russi. «Ogni anno — dice il presidente in pantaloni e maglietta nera e una scritta bianca sul petto, “sono ucraino” — l’8 maggio, con l’intero mondo onoriamo chiunque abbia difeso il pianeta dal nazismo nella Seconda guerra mondiale. Milioni di vite perdute e di ragioni per dire “mai più”. Non sapevamo che quest’anno non è un’esclamazione, c’è un punto di domanda: “Mai più?”». Quelli che vogliono «denazificare » l’Ucraina, oggi festeggiano la “Grande guerra patriottica” sulla Piazza Rossa di Mosca, gustandosi la parata dei carri e dei lanciamissili che stanno sgretolando città e mietendo anime in Ucraina.

If war with Russia is not ′imminent,′ why is Ukraine asking for weapons? |  Europe | News and current affairs from around the continent | DW |  05.02.2022

«Il male è tornato», dice Zelensky in bianco e nero come in un vecchio documentario postbellico: «Durante i due anni di occupazione i nazisti uccisero 10 mila civili. In due mesi,la Russia ne ha uccisi 20 mila. In Ucraina è stata organizzata una sanguinosa ricostruzione del nazismo. Una ripetizione fanatica di questo regime: delle sue idee, azioni, parole e simboli. Una riproduzione dettagliata, maniacale delle sue atrocità. Una ripetizione dei suoi crimini e persino tentativi di superare il maestro e toglierlo dal piedistallo del più grande male della Storia. È un nuovo record mondiale di xenofobia, odio, razzismo e vittime che possono causare». Di tutti gli errori che ha commesso il presidente Putin, sottovalutare il suo interlocutore a Kiev è forse il più grave. Pochi mesi fa Zelensky annaspava in un governo in precipitoso calo di consensi, ma pare passata una vita. Oggi passa dal bianco e nero di Borodyanka ai colori del G7, dove ieri ha esordito in videoconferenza insieme ai grandi del mondo dove ha ribadito che «l’obiettivo finale è il ritiro totale delle forze armate russe».ù«Zelensky — dice Gennadi Maksak, presidente del think tank Prisma — ha capito che deve tenersi alla larga dalle questioni militari e impegnarsi nella diplomazia internazionale, e in questo momento è molto forte. Il suo modello funziona, è efficace e l’Ucraina ha ottenuto una grande solidarietà». La sua formazione di uomo d’immagine e di televisione gli ha dato gli strumenti e i collaboratori giusti per ottenere quello che serve all’Ucraina in guerra: «Lui raccoglie i finanziamenti — spiega Maksak — e delega interamente la gestione militare al generale Valerii Fedorovych Zaluzhnyi, il capo delle forze armate. Questo rafforza lui come leader ed è ottimo per la divisione dei poteri. Ha conquistatoun’immagine di serietà, sia internamente che con le istituzioni internazionali». Nonostante sia una capitale in guerra, a Kiev c’è la corsa dei leader a stringergli la mano a palazzo delle Chimere. Le mimetiche e la voce rauca, la stanchezza e la determinazione, il gioco attento dei sorrisi lesinati sono un format che replica di messaggio in messaggio, ogni giorno sprona gli ucraini e avverte il mondo che non può distrarsi. La consacrazione internazionale è ormai incassata. «Il 29 aprile — dice l’analista e consigliere parlamentare Mykola Volkivskyi — Zelensky è stato invitato a partecipare al vertice del G20 di Bali dal presidente indonesiano Joko Widodo. È la prima volta nella storia dell’indipendenza ucraina».

Street fighting erupts in battle for Ukraine's capital Kyiv | Russia-Ukraine  war News | Al Jazeera

Ma il bianco e nero è una stoccata tremenda. Il discorso è potente, e anche se la musica di sottofondo e la leziosità della regia sono un po’ forzate, il messaggio è forte e chiaro. «Il male è tornato», dice il presidente in bianco e nero, e il mondo lo sta già riconoscendo. Non può dimenticarlo «la Polonia, dove i nazisti hanno cominciato. Si ricordano che hanno distrutto Varsavia e vedono Mariupol. I britannici pensano a Coventry bombardata 41 volte, Londra bombardata per 57 giorni e vedono Kharkiv. Belfast, Portsmputh e Liverpool» sono «Mikolaiv, Kramatorsk e Chernikiv». Tutta Europa lo ha già conosciuto, il nazismo, il male. «Le 97 tonnellate di bombe a Rotterdam — ricorda il presidente tra qui due palazzi di nove piani che sono l’immagine indimenticabile della guerra a Borodyanka — e le fosse comuni di Tulle, il massacro di Ascq... Sono le nostre Bucha, Irpin e Borodyanka».

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT