mercoledi` 28 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
01.05.2022 Missili su Odessa
Cronaca di Brunella Giovara

Testata: La Repubblica
Data: 01 maggio 2022
Pagina: 6
Autore: Brunella Giovara
Titolo: «Un missile sull’aeroporto di Odessa, via da Mariupol 20 dell’acciaieria»

Riprendiamo da REPUBBLICA di oggi, 01/05/2022, a pag.6, con il titolo "Un missile sull’aeroporto di Odessa, via da Mariupol 20 dell’acciaieria", il commento di Brunella Giovara.

Russian Soldier's Wife Gave Permission to Rape Women in Ukraine: Audio |  PEOPLE.com

Tre missili lanciati dalla Crimea, uno che colpisce e distrugge la pista dell’aeroporto di Odessa, e «grazie a Dio non ci sono vittime», ha commentato Martin Martchenko, che è governatore di questa regione affacciata sul mar Nero. Però è un colpo duro per l’orgoglio ucraino, visto che giusto ieri mattina il portavoce dell’amministrazione militare aveva annunciato l’arrivo di nuovi sistemi di difesa aerea proprio a Odessa. Non sono serviti. Alle 18.04 tre grandi esplosioni hanno scosso la città, e per quel che si sa un solo missile è andato a bersaglio, e gli altri due forse sono finiti in mare. L’attacco arriva a una settimana esatta dal precedente, dove invece ci sono stati otto morti e molti feriti. Sei i missili lanciati, di cui due intercettati prima che si abbattessero sulla città, due su strutture militari non meglio identificate dagli ucraini, e due su condomini nella prima periferia. Una famiglia distrutta, quella di Yuri Glodan, che ha perso la moglie Valeria e la figlia Kira, di 3 mesi. E sabato scorso la Russia aveva subito rivendicato l’attacco, partito probabilmente dal mar Caspio, spiegando di aver usato missili ad alta precisione per distruggere una base logistica militare nell’aeroporto. Anzi, un importante deposito di armi spedite in Ucraina dagli Stati Uniti e dall’Europa.

Odessa, la città nel mirino dei russi è una piccola Italia: fondata da un  napoletano, qui fu scritta O sole mio
Odessa

Ieri la Cnn ha raccolto la testimonianza di un cittadino che avrebbe visto almeno un aereo da combattimento russo passare su Odessa poco prima delle esplosioni. Ma il governatore Martchenko ha dichiarato che «si tratta di missili Bastion della difesa costiera russa», partiti dalla Crimea. Secondo alcuni esperti, i russi li starebbero utilizzando per carenza dei cruise Kalibr, certo è che gli effetti sono ugualmente devastanti. La pista dell’aeroporto è distrutta, ed era pure nuova, ultimata appena tre anni fa. Il comando operativo dell’esercito ucraino nel Sud del Paese ha confermato i danni. Dunque, un tiro a segno dal mare, una prova di potenza da parte dei russi, che ogni giorno sfoggiano novità sui loro armamenti, come i missili sparati da un sottomarino, probabilmente quelli che l’altro giorno hanno danneggiato in due riprese il ponte Zatoka. Dalla parte di Mariupol assediata arriva invece la notizia di una prima evacuazione dai sotterranei dell’acciaieria Azovstal, dove sono asserragliati ormai pochi militari ucraini, molti dei quali gravemente feriti, e molti civili. Un piccolo gruppo di donne e bambini, venti persone in tutto, sono finalmente usciti all’aria aperta, come ha comunicato il Battaglione Azov. Il Comune di Mariupol aveva annunciato «una speranza per l’evacuazione dei residenti nel territorio controllato dall’Ucraina », riferendosi a ieri. Non si è saputo molto di più, e resta il dubbio se questa operazione riguarderà tutti, compresi quanti sono ancora nei bunker dello stabilimento, nella speranza che sia solo l’inizio di una vera evacuazione.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/ 49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT