lunedi` 22 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
06.04.2022 Ecco chi sostiene Putin in Italia
Commento di Francesco Merlo

Testata: La Repubblica
Data: 06 aprile 2022
Pagina: 16
Autore: Francesco Merlo
Titolo: «Da destra a sinistra, la Cosa negazionista che fa il gioco di Putin»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 06/04/2022, a pag. 16 il commento di Francesco Merlo dal titolo "Da destra a sinistra, la Cosa negazionista che fa il gioco di Putin".

Rai, Francesco Merlo da Repubblica a vice di Verdelli - Affaritaliani.it
Francesco Merlo

Clément Beaune: «Contro Vladimir Putin e la Russia serve una stretta  ulteriore» - L'Espresso
Vladimir Putin

Nel laboratorio dove Putin, in vista delle elezioni ormai vicine, rimescola la politica italiana, sta prendendo forma la “Federazione dei negazionisti e degli equidistanti” che è un po’ una sòla, come a Roma si chiama la patacca, e un po’ è l’Ulivo dei Né Né. E visto che non sarà facile trovargli un nome, ispirandoci al tormento onomastico di Occhetto, potremmo battezzarla “la Cosa Putiniana”, o meglio ancora, la “Gioiosa Macchina Antiguerra”. Il leader predestinato, di nuovo “quasi” leader, è Giuseppe Conte, che da sempre vede se stesso come il federatore, il Prodi del populismo italiano, domatore di estremisti come già fu nel suo primo governo quando ad Angela Merkel, preoccupata per le intemperanze di Salvini e Di Maio, diceva: «A quelli ci penso io». L’equidistanza tra Putin e la Nato, Conte l’ha esibita, nel suo ormai famoso linguaggio dell’“inderloguzione pretermessa”, a Francesco Bei che lo intervistava, con un altro saggio di non sense: «La nostra scelta atlantista è fuori discussione» ha premesso. Ma poi: «Dobbiamo liberarci del vetero atlantismo», che non significa niente, ma certifica un antiamericanismo, questo sì vetero, travestito di equilibrio. Con Conte che, un attimo prima è descamisado, batte i pugni e promette che «mai e poi mai voteremo l’aumento delle spese militari », e un attimo dopo, “ricamisado”, va da Mattarella e promette che mai e poi mai farebbe cadere il governo, il populismo dunque si riorganizza nel negazionismo e tenta un nuovo assalto alla democrazia, in sintonia con la guerra di aggressione che Putin ha sferrato proprio alla democrazia. E sono, i nostri negazionisti, pittoreschi e umorali come lo erano agli esordi quelli di Grillo. Orsini fa “il guerriero culturale” come Dibba faceva il tupamaros e Freccero ipotizza che Mairupol sia “una fiction” come a quel tempo Sibilia giurava che lo sbarco sulla Luna era stata una simulazione, una balla. Presto organizzeranno il No Bucha Day come allora ci fu il Vaffa Day. E sembra già di vederlo il Rassemblement dei movimenti che non se la bevono, la Federazione di quelli non si fidano del satellite del New York Times e delle immagini della Bbc perché, come ha detto Massimo Cacciari dopo il massacro di Bucha :«In guerra le fake news sono la regola. Per difendersi bisogna studiare.» A volte capita al pensiero sregolato di andare in aceto, ma non bisogna credere che questa sia la commedia di un Balanzone nietzschiano. È invece un progetto politico filorusso e trasversale che si vergogna di se stesso, visto che il dubbio di Cacciari non rimanda né a Cartesio né ad Amleto ma alle bugie di Putin: «Le immagini di Bucha sono state costruite a tavolino da Kiev a beneficio dei media occidentali». Bisogna, dunque, studiare, ci ammonisce Putin con Cacciari. Di sicuro non si può pensare di liquidare il negazionismo con l’irrisione per poi, troppo tardi, scoprire che riempe la piazza, speculando sui buoni sentimenti, sul pacifismo del Papa e sull’utopia infantile dove si moltiplicano i dubbi e si smarrisce anche la Cgil di Landini, che non vuole, che non può e non deve diventare la fortezza dell’ideologia contro “gli americani” toccandosi di gomito con la destra che almeno a Putin, si sa, deve pagare qualche sonante debito. Salvini e Meloni, i leader delle due destre, hanno l’ungherese Orban come modello e infatti a lui si sono stretti ora che ha vinto le elezioni «anche contro Zelensky e contro Bruxelles». Ma l’atlantismo della Meloni è solido e non è nemmeno una sorpresa perché non c’era la Russia nel retrobottega missino, e non ci sono scampagnate di Meloni sulla Piazza Rossa ma solo quelle generiche affinità - da “No agli immigrati” a “Dio, patria e famiglia” - che uniscono tutte le destre del mondo. Nel corto circuito destra-sinistra sono invece uno spettacolo il Conte che sbatte i pugni e imita Salvini che, a sua volta, imita Conte parlando come lui per metafore, allusioni e “interlocuzioni pretermesse”. Ad unirli c’è la doppia goffaggine di non nominare mai Putin: sempre più spesso la guerra diventa per entrambi una cattiva azione senza autore, proprio come scrive su uno dei giornali di riferimento della “Gioiosa macchina antiguerra” Marco Travaglio che probabilmente aspira a diventarne l’autista: «sapremo tutto, forse, da un’inchiesta internazionale alla fine della guerra (e molto dipenderà da chi l’avrà vinta). Ma francamente importa poco chi li abbia uccisi, e dove, e quando». E va bene ridere della prosa di Travaglio, ma un po’ di sdegno verso l’Anpi bisognerà tirarlo fuori, non più limitandosi a segnalare che l’associazione, in mano a un ceto di impiegati, si è allontanata dai partigiani. A Gianfranco Pagliarulo che fu assistente di Cossutta, va ricordato che l’Armando mai e poi mai si sarebbe schierato con i Né Né, con quelli che si sentono neutrali tra la Russia e l’Ucraina. Cossutta, che abbiamo conosciuto bene, disprezzava i Né Né : lui stava e anche oggi sarebbe stato con la Russia. Il discepolo Pagliarulo invece se ne vergona, e chiede una commissione di Paesi neutrali «per appurare cosa davvero è avvenuto, perché è avvenuto, chi sono i responsabili. Questa terribile vicenda conferma l’urgenza di porre fine all’orrore della guerra e al furore bellicistico che cresce ogni giorno di più». Via, Pagliarulo: un po’ più di coraggio. Meglio i mattoidi No Vax che apertamente dubitano della guerra come dubitarono dei vaccini, e meglio i leghisti che si sfogano liberamente nelle chat filorusse e su Telegram. Quale sarà il programma politico di questo Rassemblement? Per adesso è il No che, soprattutto quando è declamato, decora le coscienze mentre il sì rimanda alla sottomissione di Gertrude. Dunque: No Nato, No Vax, No War, No Riarmo, No Green Pass , No Global… Sono attratti dal No pure Leu, Articolo 21, Sinistra italiana, i centri sociali dai quali provengono “compagni“ come Bozambo, che ha combattuto ed è morto per Putin. In nessun altro paese d’Europa la disinformazione russa sta trovando così tanti utili idioti. Ma se nulla si può fare con i negazionisti di destra, qualcosa nella sinistra Enrico Letta può tentarla. Ha la statura morale per cacciarli via dalla sinistra come furono cacciati i mercanti dal tempio.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT