lunedi` 03 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
31.03.2022 Ucraina: la mediazione è possibile?
Cronaca di Paolo Rodari

Testata: La Repubblica
Data: 31 marzo 2022
Pagina: 7
Autore: Paolo Rodari
Titolo: «Il Papa incontrerà il patriarca Kirill. Spunta la mediazione del Vaticano»
Riprendiamo da REPUBBLICA di oggi, 31/03/2022, a pag. 7, con il titolo "Il Papa incontrerà il patriarca Kirill. Spunta la mediazione del Vaticano", il commento di Paolo Rodari.

Papa Francesco ai fedeli:
Papa Bergoglio

L’incontro avverrà entro quest’anno, si dice addirittura prima dell’estate, con ogni probabilità in territorio neutro. Non a Roma e nemmeno a Mosca, quindi. La notizia viene di fatto confermata dall’ambasciata russa presso la Santa Sede che rilancia un articolo di “Ria Novosti” nel quale il metropolita Hilarion, responsabile delle relazioni internazionali del patriarcato di Mosca, dice che «si sta lavorando » a un incontro fra il patriarca ortodosso Kirill e Papa Francesco anche se a causa dello sviluppo degli eventi in Ucraina i due leader spirituali hanno già avuto bisogno di comunicare a distanza. L’annuncio non è da poco. Soprattutto per il momento in cui è stato dato. «È un segnale importante», confermano non a caso Oltretevere. Fino a oggi la Santa Sede non ha potuto mediare per il “no” di Mosca. Ma la mossa di Kirill, vicinissimo a Putin, dice che forse uno spiraglio si sta aprendo e che le cose potrebbero cambiare fattivamente nei prossimi giorni. Del resto, appena prima che il conflitto scoppiasse, era già stato l’arcivescovo cattolico di Mosca monsignor Paolo Pezzi a dire a Repubblica che «anche se è una strada non facile da percorrere, l’ipotesi della mediazione non è assolutamente astratta». E ancora: «Basta ricordare che cosa ha fatto il Papa e che cosa ha fatto la Santa Sede per incrementare i processi di pace, ad esempio in Sud Sudan, quando ha invitato i due leader del Paese in Vaticano e, rompendo il protocollo, ha baciato loro i piedi. O quanto ha fatto per il Centrafrica, l’incontro in Vaticano con Shimon Peres e Abu Mazen, il lavoro per la fine del conflitto in Colombia». Hilarion dice che «è stato molto importante» l’incontro avvenuto in video il 16 marzo scorso tra Kirill e Papa Bergoglio. Già in quell’occasione i due hanno parlato diffusamente della crisi in Ucraina. Francesco ha detto che non spetta alla Chiesa una mediazione politica e ha manifestato la necessità di fare di tutto per promuovere percorsi di pace. Eppure, la disponibilità a mediare da parte sua resta, come rimane la disponibilità a compiere un viaggio lampo a Kiev dopo l’invito di Zelensky se le condizioni dovessero permetterlo. «È necessario compiere ogni sforzo affinché le divergenze si risolvano pacificamente», avevano convenuto i due nella conversazione. Ma «la Chiesa non deve usare la lingua della politica, ma il linguaggio di Gesù», aveva spiegato in una nota la Santa Sede. In Vaticano c’è molta preoccupazione per gli sviluppi del conflitto. La Segreteria di Stato tiene aperte tutte e porte, ma al momento uno scambio reale e fattivo con Mosca non c’è. I veri interlocutori sono gli ortodossi e insieme l’ambasciata russa presso la Santa Sede guidata dall’amico del Papa Alexander Avdeev. Ci sono rapporti con la Chiesa ortodossa ucraina ma i dissapori di quest’ultima con Kirill non permettono di costruire ponti importanti. Francesco da Casa Santa Marta segue giorno dopo giorno gli sviluppi del conflitto con particolare attenzione. Fra due giorni partirà per un viaggio a Malta da dove con ogni probabilità non mancherà di parlare ancora una volta della necessità di raggiungere una tregua. Le sue parole in queste settimana sono state sempre più importanti ed allarmate in merito. Ancora ieri, al termine dell’udienza generale ha rivolto «un saluto particolarmente affettuoso» ai bambini ucraini ospitati dalla Fondazione “Aiutiamoli a vivere”. «E con questo saluto ai bambini torniamo a pensare a questa mostruosità della guerra e rinnoviamo le preghiere perché si fermi questa crudeltà selvaggia che è la guerra», ha detto.

Per inviare la propria opinione alla Repubblica, telefonare 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT