lunedi` 03 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
24.03.2022 Afghanistan: nel regime dei talebani niente scuola per le bambine
Commento di Marjana Sadat

Testata: La Repubblica
Data: 24 marzo 2022
Pagina: 18
Autore: Marjana Sadat
Titolo: «La beffa dei talebani, scuole negate alle bimbe il giorno della riapertura»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 24/03/2022, a pag. 18, con il titolo "La beffa dei talebani, scuole negate alle bimbe il giorno della riapertura" la cronaca di Marjana Sadat.

Afghanistan: Girls excluded as Afghan secondary schools reopen - BBC News

Sotto le pressioni della comunità internazionale, i talebani avevano annunciato che tutte le scuole femminili sarebbero state riaperte con l’inizio del nuovo anno scolastico. Oggi, però, hanno diffuso un comunicato nel quale si dice che le ragazze non possono andare a scuola fino a nuovo ordine. La decisione ha suscitato una lunga serie di reazioni interne e internazionali. «Mia nipote era la migliore della sua classe, ma oggi non può andare a scuola. Maledetti talebani», ha detto Habib Tutakhel, giornalista afghano contrariato dalla decisione dei talebani. Ian McCary, incaricato d’affari degli Stati Uniti in Afghanistan, in risposta alla nuova disposizione dei talebani, ha twittato: «È una grande delusione che contraddice molte delle promesse e dichiarazioni dei talebani». Il diplomatico ha inoltre sottolineato che tutti i giovani afghani meritano di essere istruiti. Anche il delegato Onu in Afghanistan ha condannato il divieto di tornare a scuola per le studentesse oltre la sesta classe. Heather Barr, co-direttrice dell’Ufficio per i diritti delle donne di Human Rights Watch, ha definito la decisione dei talebani «straordinariamente crudele» e in un tweet ha scritto: «È difficile pensare a qualsiasi spiegazione se non a una crudeltà intenzionale». A sua volta, Farkhunda Zahra Naderi, già componente dell’Alto consiglio per la riconciliazione nazionale dell’Afghanistan, rivolgendosi ai talebani ha detto: «Guardate queste ragazze coraggiose, hanno superato le loro paure per andare a scuola nella speranza di costruire un futuro migliore, ma voi le avete deluse». L’ex capo della Sicurezza nazionale, Rahmatullah Nabil, era a Kabul durante la precedente esperienza di governo dei talebani e per cinque anni ha cercato di convincerli a non opporsi all’istruzione delle ragazze e ad altri diritti fondamentali del popolo afghano, ma loro hanno inesorabilmente ignorato ogni considerazione ritenendo quei valori contrari al loro modo di intendere la Sharia e la religione. Tutte queste reazioni sono state suscitate dall’annuncio del ministero dell’Istruzione talebano per il quale le ragazze oltre il sesto grado non possono tornare a scuola fino a nuovo ordine. Il ministero ha aggiunto che il governo talebano riaprirà le scuole soltanto quando il codice di abbigliamento delle ragazze sarà consono alla legge della Sharia e alla cultura afghana.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT