mercoledi` 05 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
18.03.2022 'Annientare gli ebrei'. Ecco l'odio neonazista su Telegram
Chiusa la chat antisemita

Testata: La Repubblica
Data: 18 marzo 2022
Pagina: 6
Autore: C.Ro.
Titolo: «'Annientare gli ebrei'. Smantellata la chat neonazista su telegram»

Riprendiamo dalla REPUBBLICA - Torino di oggi, 18/03/2022, a pag. 6, con il titolo "'Annientare gli ebrei'. Smantellata la chat neonazista su telegram", la cronaca a firma C.Ro.

Neo-nazista reatino denunciato dalla Digos: perquisizione in casa, aderiva  a gruppo Telegram antisemita e razzista - Rieti Life

«Organizzatevi e lasciate a terra più gente possibile, comunisti ed ebrei». Parlano così i nove indagati che frequentano la chat Telegram "Fratellanza di Thule" e un gruppo di discussione legato alla chat che si chiama "Il mio onore si chiama lealtà", finito nel mirino di un'indagine della procura di Torino. «Dovete fargli vedere chi comanda. I comunisti e gli ebrei vanno annientati, uccisi o presi a mazzate» sono i messaggi che gli investigatori della digos e della polizia postale di Tormo hanno isolato sul gruppo creato da un calabrese di 36 anni originario di Scilla residente a Aalen m Germania, tra gli indagati dalla procura. Sono tutti insospettabili: un geometra, un impiegato edile e una parrucchiera di Alessandria, uno studente di 18 anni di Lodi, un disoccupato No Vax già denunciato per aver preso parte alle manifestazioni No Green Pass di Trieste e Genova, un vigilante privato di 53 anni di Montalto Dora (Torino), vicino alla "comunità politica" di Avanguardia, gruppo di estrema destra. Sono tutti indagati per riorganizzazione del disciolto partito fascista, propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale. A casa loro la Digos, che questa mattina ha fatto scattare le perquisizioni a Torino, Alessandria Brescia, Brindisi, Rieti e Lodi ha trovato bandiere con le svastiche, busti di Mussolini, manganelli, tirapugni, baionette e altre anni (tutte detenute legalmente) che sono state sequestrate. La polizia italiana, con la collaborazione di quella tedesca, ha perquisito anche la casa dell'amministratore della chat all'interno della quale le discussioni spaziano dai deliri che inneggiano alla pulizia etnica degli ebrei, alle proteste No Vax. «Onore ai camerati per liberare il mondo dai giudei», scrivono i partecipanti. E ancora: «Hitler ci ha messo in guardia. Gli ebrei vogliono comandare il mondo, la gente non lo capisce».

Per inviare la propria opinione alla Repubblica, telefonare 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT