martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
11.03.2022 Pagliarulo: dimettiti
Le parole del presidente Anpi sull'Ucraina

Testata: La Repubblica
Data: 11 marzo 2022
Pagina: 39
Autore: Gianfranco Pagliarulo
Titolo: «Il no alle armi firmato Anpi»

Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 11/03/2022, a pag. 39, con il titolo "Il no alle armi firmato Anpi" la lettera di Gianfranco Pagliarulo.

Gianfranco Pagliarulo è il nuovo Presidente nazionale ANPI - IskraeIskrae
Gianfranco Pagliarulo

Luigi Manconi contesta il dissenso espresso dall’Anpi sull’invio di armamenti in Ucraina e si chiede quale sia la differenza tra l’invio di armi degli Alleati ai partigiani e l’invio di armi alla resistenza ucraina dal nostro Paese. La differenza è molto semplice: mentre gli Alleati erano in guerra da anni col blocco nazifascista, l’Italia non è in guerra con la Russia. Ciò non cambia di una virgola la legittimità e la necessità della resistenza ucraina, ma rende questo paragone pericolosissimo perché l’invio di armi in Ucraina potrebbe essere letto come un atto di cobelligeranza. La domanda da porsi, nell’ambito degli aiuti da inviare ai resistenti ucraini, è quale sia la linea rossa da non superare, oltre la quale c’è il rischio di un’espansione della guerra. Questa linea rossa può essere l’invio di armamenti e ciò metterebbe in pericolo la sicurezza dell’Italia (e dell’Europa).

ANPI | Associazione Nazionale Partigiani d'Italia

Da tutti i sondaggi emerge che, in difformità dalla scelta del parlamento, la maggioranza degli italiani non condivide l’invio di armi all’Ucraina. Manconi, a proposito di vie diplomatiche, aggiunge: “tentato tutto questo, perché mai non dovremmo sostenere anche attraverso la fornitura di armi gli ucraini?”. Perché purtroppo non è stato tentato affatto. La via negoziale è in mano a Putin e Zelensky, con meritori tentativi diplomatici di Macron e Scholz. Ma l’Unione Europea in quanto tale è assente. Noi pensiamo che l’avvio di un negoziato con un ruolo positivo anche dell’Ue sia l’unica strada per sventare il rischio di un’estensione della guerra. Nel dramma che attraversa oggi l’Ucraina e nel pericolo, sia pur lontano, che scoppi – parliamoci chiaro – la terza guerra mondiale, dovremmo avere cuore caldo e mente fredda, e dovremmo chiedere a tutti il massimo di responsabilità e di ragionevolezza e il minimo di propaganda.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT