martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
10.03.2022 Ucraina: la Cina dà i numeri
Cronaca di Gianluca Modolo

Testata: La Repubblica
Data: 10 marzo 2022
Pagina: 12
Autore: Gianluca Modolo
Titolo: «Pechino torna all’attacco: 'È tutta colpa di Usa e Nato'»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 10/03/2022, a pag. 12, con il titolo "Pechino torna all’attacco: 'È tutta colpa di Usa e Nato' " la cronaca di Gianluca Modolo.

Risultati immagini per Xi Jinping
Xi Jinping

Mentre il presidente Xi Jinping dialoga con i leader del Vecchio Continente (il francese Emmanuel Macron e il tedesco Olaf Scholz) promettendo un ruolo attivo nella risoluzione del conflitto assieme alla comunità internazionale, Pechino continua a portare avanti parallelamente la narrazione che la crisi ucraina sia il frutto del militarismo statunitense e della Nato. L’appoggio alle «ragionevoli preoccupazioni russe» sull’allargamento a Est dell’Alleanza atlantica sono state del resto ribadite già ben prima dell’invasione, nel “patto a cinque cerchi” siglato alle Olimpiadi con Vladimir Putin. Da una parte cerca di presentarsi come il più neutrale possibile, dall’altra con Mosca va a braccetto nella critica all’Occidente. Rispondendo ad una domanda sulle indiscrezioni uscite qualche giorno fa sul New York Times secondo le quali la Cina era a conoscenza di un’operazione militare russa, il portavoce del ministero degli Esteri ha ribadito la linea tenuta fin dall’inizio del conflitto: «Le mosse della Nato guidata dagli Stati Uniti hanno spinto la tensione Russia- Ucraina al punto di rottura. Mentre distoglie lo sguardo dalla propria responsabilità, l’America critica la posizione della Cina sull’Ucraina per cercare di sopprimere contemporaneamente la Cina e la Russia, al fine di mantenere la propria egemonia». Una retorica anti-Nato e anti-Usa («Ha ancora un debito di sangue con il popolo cinese», ripete spesso, ricordando il bombardamento della sua ambasciata a Belgrado nel ’99) che al Partito fa comodo per i propri interessi, quelli più vicini. «Il vero scopo della strategia degli Stati Uniti nell’Indo-Pacifico è di creare una Nato asiatica», diceva lunedì il capo della diplomazia Wang Yi. La Cina continua a sentirsi accerchiata nei “suoi” mari, così come la Russia si sente accerchiata ai suoi confini. Per questo è impossibile per Pechino condannare esplicitamente quella russa come un’invasione. Dopo l’annuncio di Joe Biden di fermare le importazioni di gas e petrolio russo, Pechino è tornata, infine, a condannare le sanzioni, preoccupata com’è di non finirci invischiata e di compromettere la sua crescita e la sua stabilità. Dentro e fuori la Muraglia. Lo scambio commerciale con Mosca però, assicura, continuerà normalmente: «compresi il petrolio e il gas». Che, da queste parti, servono come il pane.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT