martedi` 16 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
31.01.2022 Crisi Ucraina, la Nato: 'Non invieremo truppe a Kiev'
Cronaca di Anna Lombardi

Testata: La Repubblica
Data: 31 gennaio 2022
Pagina: 17
Autore: Anna Lombardi
Titolo: «La Nato non invierà truppe a Kiev. I russi: 'Niente guerra, ma garanzie'»

Riprendiamo da REPUBBLICA di oggi, 31/01/2022, a pag.17 con il titolo "La Nato non invierà truppe a Kiev. I russi: 'Niente guerra, ma garanzie' ", la cronaca di Anna Lombardi.

Immagine correlata

Anna Lombardi

Zelensky, il comico presidente dell'Ucraina che ha spiazzato il mondo
Volodimir Zelenskij

Diplomazia e sanzioni. Mentre il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg, che fino ad ora aveva mostrato i muscoli, fa sapere: «Non schierereremo truppe Nato nemmeno se la Russia invaderà l’Ucraina. Daremo supporto. Con prontezza a imporre sanzioni», chiarendo che c’è differenza «fra essere un Paese membro dell’Alleanza e un partner come Kiev», si moltiplicano gli appelli a Mosca affinché «si astenga da aggressioni e si impegni nei negoziati ».

NATO - Tab Risk viewTab Risk view

Lo ribadisce pure il premier britannico Boris Johnson, mentre la sua ministra degli Esteri Liz Truss definisce «improbabile» la possibilità di inviare truppe da affiancare agli ucraini. Semmai la Gran Bretagna è pronta «a dure sanzioni» contro gli oligarchi perché non possano più «nascondersi». Strada che stanno per intraprendere anche gli Stati uniti: i leader della commissione Esteri del Senato hanno fatto sapere che si è vicini all’accordo per approvare «la madre di tutte le sanzioni». Da applicare direttamente contro il presidente russo Vladimir Putin. Kiev torna a esortare Mosca a ritirare le truppe al confine e proseguire il dialogo. «Se è seria sulla de-escalation continui l’impegno diplomatico », twitta il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba. Ma intanto Usa e Ue lavorano su rotte alternative per le forniture di gas naturale all’Europa nel caso la situazione precipiti. «Chiediamo relazioni rispettose e egualitarie», ribadisce da Mosca il ministro degli Esteri russo Serghej Lavrov che ha inviato una «richiesta ufficiale a Nato e Osce su come intendano ottemperare agli impegni di sicurezza» e che la settimana prossima potrebbe tornare a incontrare l’omologo Usa Antony Blinken. «Non vogliamo la guerra e non ne abbiamo bisogno», sintetizza il segretario del Consiglio di sicurezza russo Nikolaj Patrushev. Accusando l’Occidente «di egoistiche invenzioni ».

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT