giovedi` 09 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Jewish Lives Matter': il libro di Fiamma Nirenstein presentato al Congresso dell'Unione di Associazioni Italia Israele (video di Radio Radicale adattato da Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
23.11.2021 Così la Francia aiuta l'Egitto a bombardare i trafficanti d’uomini
Cronaca di Gianluca Di Feo, Anais Ginori

Testata: La Repubblica
Data: 23 novembre 2021
Pagina: 19
Autore: Gianluca Di Feo, Anais Ginori
Titolo: «Così Parigi aiuta Al Sisi a bombardare i trafficanti d’uomini»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 23/11/2021, a pag.19, con il titolo "Così Parigi aiuta Al Sisi a bombardare i trafficanti d’uomini", il commento di Gianluca Di Feo.

Immagine correlata
Gianluca Di Feo

Immagine correlata
Anais Ginori

Dall’inizio del 2016 la Francia conduce una missione segreta assieme all’Egitto sulla frontiera libica: un’operazione di sorveglianza elettronica che ha portato ad almeno 19 bombardamenti del Cairo contro trafficanti di uomini e contrabbandieri, provocando centinaia di vittime civili tra cui probabilmente diverse persone finite per errore nel mirino. L’Operation Sirli è stata rivelata dal sito investigativo Disclose che ha documentano con foto e atti ufficiali della Difesa di Parigi l’attività portata avanti dall’intelligence militare sulla base di una accordo con Abdel Fatah Al Sisi, firmato dal presidente François Hollande e proseguito da Emmanuel Macron. Una spedizione top secret che ha iniziato a muoversi in Egitto nel gennaio 2016, pochi giorni dopo il sequestro e l’uccisione di Giulio Regeni. Disclose descrive nel dettaglio i voli di un aereo spia Merlin III noleggiato ai servizi segreti militari francesi da una società del Lussemburgo per pattugliare la sterminata fascia di deserto al confine tra Libia ed Egitto. Oltre agli ufficiali di Parigi, a bordo era presente un colonnello del Cairo che si occupava di tradurre le conversazioni intercettate e indirizzare le ricognizioni. L’accordo tra le due nazioni prevedeva che la sorveglianza si occupasse di terrorismo islamista, ma gli agenti francesi segnalano subito ai vertici politici di non trovare tracce di jihadisti mentre l’interesse egiziano era diretto quasi esclusivamente verso i trafficanti di esseri umani e i contrabbandieri che varcavano la frontiera in colonne di camioncini pick up. Non solo. Le carovane individuate dal velivolo francese venivano poi colpite da raid dell’aviazione del Cairo.

Regeni e Zaki: quando all'Eliseo Macron fa il
Abdel F. Al Sisi con Emmanuel Macron

Le foto mostrano i bombardieri in arrivo e poi i veicoli in fiamme dopo i raid. Più volte Parigi viene informata degli assalti, non previsti dall’accordo iniziale: «È stata accertata la distruzione dei bersagli. È importante ricordare al nostro partner che il nostro strumento non serve per individuare gli obiettivi». Nelle relazioni si fa presente pure che le informazioni raccolte dal bimotore francese sono insufficienti per considerare i veicoli a terra «una minaccia». Mentre invece ogni avvistamento si trasforma in attacco letale: «I risultati ottenuti finora grazie alla missione di ricognizione elettronica — riporta un’informativa del 6 giugno 2019 — sono eccezionali. In un anno hanno permesso l’intercettazione e la distruzione di più di mille fuoristrada che avevano attraversato illegalmente la frontiera». Almeno in un caso, stando a Disclose , per errore finiscono sotto le bombe 3 operai arabi che stanno riparando una strada. Il vertice dell’intelligence continua a essere preoccupato per la missione che di fatto si è trasformata in un’operazione clandestina di guerra contro civili. Quando Macron e il ministro della Difesa all’inizio del 2019 si recano in visita al Cairo, nei fascicoli preparatori della trasferta c’è una nota che sottolinea la «necessità » di un accordo che garantisca «una solida base giudiziaria» all’attività segreta. Stando al sito investigativo, però, non cambia nulla: i voli francesi proseguono ancora oggi. «Questi documenti mettono in luce gli eccessi della missione e sollevano la questione della responsabilità della Francia nei crimini della dittatura di Al Sisi», scrive Disclose : Macron e il suo predecessore «sono stati periodicamente informati degli abusi commessi dall’alleato egiziano », ma hanno deciso di continuare a «impegnare la responsabilità dello Stato e dell’esercito francese al suo fianco». La ministra della Difesa Florence Parly ha chiesto l’apertura di un’indagine interna sulle informazioni diffuse da Disclose . Il ministero ha rifiutato di entrare nel merito delle rivelazioni per «ragioni di sicurezza». «L’Egitto è un partner della Francia — commenta un portavoce — con il quale manteniamo relazioni nel campo dell’intelligence e della lotta al terrorismo». Già due anni fa un’inchiesta del sito sulle vendite di armi ai sauditi aveva provocato un’istruttoria, poi archiviata, contro tre reporter per “violazione del segreto militare”. E anche questa volta la testata invoca la libertà di stampa davanti al “segreto militare”: «Tutte le notizie sono di grande interesse pubblico perché la cooperazione militare con il regime egiziano non è soggetta ad alcun controllo democratico ».

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT