giovedi` 02 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il popolo palestinese non esiste (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
21.11.2021 Il consigliere leghista evoca Segre con il numero del Lager
Cronaca di Zita Dazzi

Testata: La Repubblica
Data: 21 novembre 2021
Pagina: 6
Autore: Zita Dazzi
Titolo: «'Mancava lei, numero 75190'. Contro Segre il leghista evoca il lager»

Riprendiamo dalla REPUBBLICA, a pag. 6, con il titolo " 'Mancava lei, numero 75190'. Contro Segre il leghista evoca il lager", la cronaca di Zita Dazzi.

Immagine correlata
Zita Dazzi

Liliana Segre al Quirinale, la risposta della senatrice: Ho 91 anni e non  ho le competenze
Liliana Segre

«Mancava lei... 75190». Il numero che venne tatuato dai nazisti sulla pelle di Liliana Segre, quando a 14 anni arrivò ad Auschwitz, è quello usato in un post su Facebook dal capogruppo della Lega a Lissone, Fabio Meroni, consigliere provinciale ed ex deputato brianzolo, No Vax convinto. L’attacco alla senatrice a vita, rea di aver appoggiato la campagna vaccinale contro il Covid, ha suscitato un’ondata di indignazione tale che ha spinto persino il capogruppo del Carroccio alla Camera Fabrizio Cecchetti a minacciare provvedimenti. L’unica a tacere e a chiedere ancora una volta un doloroso silenzio di fronte a queste nefandezze è Liliana Segre, nelle ultime settimane bersagliata da attacchi feroci dai leader No Vax. Meroni, accortosi del passo falso, ha cancellato il post e cercato tardivamente di chiedere scusa: «In questo clima d’odio purtroppo anch’io mi sono lasciato coinvolgere e in modo totalmente sbagliato ho cercato di esprimere il mio pensiero. Voglio chiedere scusa, che non intendevo in nessun modo offendere. Ribadisco la mia stima nei suoi confronti».

Consigliere leghista si rivolge a Liliana Segre usando il numero  identificativo di Auschwitz
Fabio Meroni con Matteo Salvini


La richiesta di espulsione dalla Lega viene chiesta dal deputato Emanuele Fiano (Pd), figlio di Nedo, morto l’anno scorso, grande amico di Segre, con la quale per anni ha condiviso l’onere di testimoniare la Shoah davanti a decine di migliaia di italiani di tutte le età. Sdegno e richiesta di allontanamento dalle istituzioni arrivano dal presidente della Comunità ebraica milanese, Walker Meghnagi: «La spersonalizzazione degli ebrei durante la Shoah tramite la loro identificazione numerica è stata una specificità del regime nazifascista. Non è tollerabile che un soggetto investito di una carica pubblica possa utilizzare un simile vile espediente per chi ha patito sulla propria pelle l’orrore delle leggi razziali. Non bastano le scuse, tra le fila delle istituzioni democratiche è indegno che siedano persone che non ne hanno alcun rispetto, uno sfregio alla storia e alla democrazia». Solidarietà arriva da Anpi e Aned. «È lo stesso linguaggio con cui i nazisti annullavano la personalità di chi finiva nel campo di sterminio “per la sola colpa di essere nati”. È inaccettabile e vergognoso», scrive il presidente dell’associazione partigiani di Milano, Roberto Cenati. La sindaca di Lissone, Concetta Monguzzi, è indignata: «La città non si riconosce in quelle parole sciagurate». Esprimono sdegno e solidarietà Nicola Fratoianni (Sinistra Italiana) e la presidente dei senatori di Forza Italia Anna Maria Bernini: «Un attacco vergognoso e indegno per chi ricopre un ruolo nelle istituzioni. Siamo purtroppo abituati alle farneticazioni antiscientifiche, ma sfregiare una donna simbolo di libertà per accostare i vaccini agli orrori nazisti è aberrante».

Per inviare la propria opinione alla Repubblica, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT