giovedi` 02 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il popolo palestinese non esiste (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
08.11.2021 Ucei: alla presidenza confermata Noemi Di Segni
La intervista Emanuele Lauria

Testata: La Repubblica
Data: 08 novembre 2021
Pagina: 7
Autore: Emanuele Lauria
Titolo: «Di Segni: 'Rafforzare il reato di apologia del fascismo' - Ucei: alla presidenza confermata Noemi Di Segni»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 08/11/2021, a pag. 7, l'intervista di Emanuele Lauria dal titolo "Di Segni: 'Rafforzare il reato di apologia del fascismo' ".

Memoria, Ucei:
Noemi Di Segni

«Le piazze No Vax alimentano l’antisemitismo». La pandemia ha lasciato ferite brucianti, sul corpo della comunità ebraica. Che oltre all’emergenza sanitaria ed economica si trova ora ad affrontare il ritorno del pregiudizio, di un clima di intolleranza e odio «che sono la cifra più brutta delle manifestazioni di questi giorni contro il Green Pass». Il grido d’allarme è di Noemi Di Segni, 51 anni, riconfermata ieri presidente dell’Unione delle comunità ebraiche italiane. Di Segni, al secondo mandato, è stata eletta con oltre il 60% dei voti. In questa intervista fa il punto su un cammino difficile, sui «ponti da lanciare fra le 21 comunità che rappresentano «la realtà complessa dell’ebraismo italiano», sulla sfida demografica «che è anche culturale» e sui rigurgiti neofascisti «davanti ai quali alcune forze politiche non si mostrano coerenti».

Cosa porta con sé dei primi cinque anni alla guida della comunità degli ebrei italiani? «Il senso di un impegno quotidiano per preservare un bagaglio millenario, per tutelare le competenze religiose e culturali dell’ebraismo italiano. E lo sforzo costante di creare ponti per collegare realtà diverse tra loro: in Italia ci sono 21 comunità, ciascuna con una propria complessità e articolazioni a sua volta complesse».

Qual è la sfida più difficile che la attende? «Probabilmente quella demografica. I giovani si sposano meno, molti vanno via per mancanza di lavoro, tanti guardano a Israele. Stimiamo una perdita di un centinaio di iscritti l’anno. Il problema non è soltanto la mancanza di lavoro. Dobbiamo affrontare questa sfida garantendo qualità della partecipazione alla vita ebraica e senso di appartenenza. C’è un tema identitario molto forte, legato alla conoscenza dei testi e della cultura ebraica».

Come è cambiata la comunità in questi cinque anni? «La pandemia ha condizionato la vita della componente ebraica come di tutta la società italiana. Ha avuto un forte impatto psicologico, economico, sociale. Ma ha anche accentuato il lato protettivo della comunità, che è diventato un punto di riferimento cui rivolgersi per consigli, informazioni, servizi. Se c’è un aspetto positivo, è quello di aver consentito alle molte comunità che fanno solitamente vita autonoma di entrare in rete, di partecipare a eventi comuni. La pandemia ha consolidato, in qualche modo, il senso di vicinanza, di condivisione degli ebrei italiani. Poi, purtroppo, ha generato anche fenomeni deteriori».

Quali? «La pandemia ha visto anche il ritorno dell’antisemitismo: prima il complottismo ebraico sul virus, poi sul vaccino, adesso il peggio con l’accaparramento, da parte di gruppi No-Vax, di simboli, termini, persino indumenti che riconducono alla Shoah. Penso, per ultimo, alla manifestazione di Novara in cui c’era gente vestita da deportata. O all’uso della stella gialla, di appellativi come “nazista” rivolti al capo del governo. Persone che fanno queste equivalenze allucinanti si dissociano e si disinteressano della Shoah, ma alimentano il clima d’odio verso gli altri che c’è nel Paese. Di cui gli ebrei, purtroppo lo dice la storia, finiscono per essere vittime».

La campagna elettorale è stata segnata da un’aspra contrapposizione sui temi dell’antifascismo. Come l’avete vissuta? «Siamo molto preoccupati. In alcuni raduni politici, nelle manifestazioni di piazza c’è gente che non sa neppure a quali personaggi, a quali sistemi di vita inneggia. E riteniamo grave l’abuso del diritto costituzionale: quello di manifestare, di unirsi in assemblea non può degenerare nel libero arbitrio di alimentare odio ed esclusione. E va cambiato il reato di apologia del fascismo».

In che modo? «Per sanzionarlo bisogna andare oltre la finalità della ricostituzione del partito fascista. Quella norma è un caposaldo ma è grave anche, e va punito, l’atteggiamento nostalgico che ispira gruppi che diffondono odio. Con Forza Nuova è stato fatto solo un primo passo».

In Europa si consolidano le destre sovraniste e nostalgiche. «Con i partiti, con il governo e le università, stiamo portando avanti un importante lavoro comune. Ma noto una mancanza di coerenza da parte di alcune forze politiche: si difende la memoria della Shoah ma non Israele nelle sedi dell’Onu, oppure si difende Israele ma si fa amicizia con gruppi di estrema destra di cui si accettano i voti. L’apprezzamento della cultura ebraica è un unicum fatto di tanti pezzettini. Non si può scegliere un solo pezzettino».

Ucei: alla presidenza confermata Noemi Di Segni
Ecco la composizione della giunta

L'Ucei ricerca Educatori per attività giovanili ebraiche - Mosaico

L’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane si è riunita ieri a Roma ed ha eletto Noemi Di Segni a Presidente per il prossimo quadriennio. Accanto a lei è stata designata la giunta che sarà composta da: Milo Hasbani (Milano), vicepresidente con delega ad Affari Sociali e Casherut; Giulio Disegni (Torino), vicepresidente con delega agli Affari legali, Amministrazione, Rapporti con il Meridione; Davide Romanin Jacur (Padova) al Bilancio, Otto per mille e Organizzazione interna; Sara Cividalli (Firenze), delegata al Raccordo tra progetti UCEI e progetti comunità e supporto piccole e medie Comunità; Simone Mortara (Milano) ai Giovani; Livia Ottolenghi (Roma), all'Educazione, Scuole, Talmudei torà, Progetti educativi e Memoria; David Jona Falco (Roma) al Coordinamento Comunicazione e campagna Otto per mille; rav Giuseppe Momigliano (Genova) delegato alle Questioni cultuali, Casherut, Formazione rabbinica. Ad integrare la Giunta sonos tati chiamati i consiglieri Gloria Arbib (Roma), Roberto Jarach (Milano), Guido Coen (Roma), Gadi Schoenheit (Milano), David Menasci (Bologna).


Noemi Di Segni era stata eletta Presidente nel 2016, ha 51 anni, è specializzata in diritto comunitario delle professioni ed è responsabile della segreteria della presidenza del Consiglio nazionale dei Commercialisti. È membro del comitato esecutivo del World Jewish Congress. In passato, sotto la presidenza di Renzo Gattegna, è stata assessore UCEI al Bilancio e Otto per Mille.
 Nel discorso che ha pronunciato in apertura di seduta ha tra l’altro detto "Non sono solo io oggi a candidarmi, ma è un'intera squadra che ha lavorato assieme e intende proseguire un lavoro basato anzitutto sull'impegno a favore dell'ente che ci rappresenta tutti". Solo lavorando assieme e con la diversità di idee messe a confronto per una progettualità condivisa, ha poi sottolineato, "potremo essere utili ai nostri correligionari, alle Comunità, allo Stato di Israele e alla società civile che conta sul contributo ebraico per crescere e maturare".


In apertura di riunione sono stati inoltre eletti i tre membri di spettanza dell'Assemblea rabbinica italiana: rav Ariel Di Porto, rav Giuseppe Momigliano e rav Daniel Touitou.
Nel corso del Consiglio si è svolta anche l'elezione dei nuovi Probiviri: sono stati eletti Daniela Dawan, Claudia De Benedetti, Giuseppe Di Chio, Fabiana Di Porto, Ugo Limentani, Enzo Ottolenghi e Giuditta Servi.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT