lunedi` 15 agosto 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer smaschera l'antisemitismo dell'Unrwa (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
23.07.2021 L'appello a non vaccinarsi equivale a un appello a morire o a far morire
Commento di Maurizio Molinari

Testata: La Repubblica
Data: 23 luglio 2021
Pagina: 1
Autore: Maurizio Molinari
Titolo: «L'appello a non vaccinarsi equivale a un appello a morire o a far morire»

Riprendiamo da Repubblica di oggi 23/7/2021 dal commento del direttore Maurizio Molinari la parte che riguarda l'obbligatorietà del Green Pass. Lo titoliamo " L'appello a non vaccinarsi  equivale a un appello a non morire o a far morire"
(IC direzione)

Assedio all'Occidente”: Maurizio Molinari oggi al Broletto di Novara  analizza le sfide alle democrazie - La Stampa
Maurizio Molinari

Green pass

Prima pagina Cara abbonata, caro abbonato,
al termine di un consiglio dei ministri che vara il decreto che, dal 6 agosto, rende obbligatorio il Green Pass (con almeno una dose di vaccino) per l’accesso a locali al chiuso (bar e ristoranti), ai cinema, ai musei, a eventi sportivi, palestre, convegni, fiere e rimodula i criteri delle zone di rischio in ragione del tasso di ospedalizzazione e riempimento delle terapie intensive, il premier Draghi decide di mettere pubblicamente in fuorigioco le ambiguità politiche di Salvini e Meloni definendo “l’appello a non vaccinarsi” equivalente a “un appello a morire o a far morire”. L’uscita – di particolare forza dialettica ed emotiva – con cui abbiamo scelto di aprire il giornale, è con tutta evidenza meditata, sorretta dai dati incoraggianti di una campagna di immunizzazione che ha visto raggiunto nel mese di luglio l’obiettivo del 60% di italiani vaccinati, e immaginata non solo per incoraggiare chi ancora non lo ha fatto “a vaccinarsi e a farlo presto”. A convincere il Paese che il vaccino è la sola strada “per non richiudere tutto” (compresi i cinema, di cui scrive la nostra Natalia Aspesi). Ma anche per richiamare l’intera maggioranza a un metodo che immagina il percorso della messa in sicurezza del Paese e delle riforme di cui ha bisogno lungo un sentiero di inclusione, convergenza e mediazione che non contempla strappi, fughe in avanti, o ambiguità di “lotta e di governo”.


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT