sabato 18 settembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cos'è Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
11.07.2021 La buia notte del Libano
Cronaca di Vincenzo Nigro

Testata: La Repubblica
Data: 11 luglio 2021
Pagina: 27
Autore: Vincenzo Nigro
Titolo: «La notte del Libano, niente più soldi per elettricità e farmaci»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 11/07/2021, a pag. 27, con il titolo "La notte del Libano, niente più soldi per elettricità e farmaci", la cronaca di Vincenzo Nigro.

Risultati immagini per vincenzo nigro repubblica
Vincenzo Nigro

sh-electricite-du-liban (1) – Jonathan Luke Austin

LA NOTTE del Libano è sempre più buia, profonda e pericolosa. La crisi economica e politica che è esplosa da 2 anni è arrivata a un punto di svolta: da venerdì le centrali elettriche sono ferme, senza gasolio. La lira libanese è crollata, le riserve in dollari della Banca centrale sono prosciugate, e chi vende petrolio al Libano non accetta se non pagamenti immediati per ogni carico. Due petroliere cariche di benzina e gasolio sono ferme al largo del porto di Beirut: non scaricano perché il Libano non può pagare. Da venerdì notte, Electricite Du Liban (Edl) ha annunciato lo stop delle centrali di Deir Ammar e Zahrani, che insieme forniscono circa il 40% dell’elettricità del Paese. Il Libano di fatto può fare conto solo sui generatori elettrici privati, perché presto si bloccheranno anche le altre centrali che già lavorano a singhiozzo. Da decenni, non dagli ultimi mesi, il Libano ha sempre convissuto con la crisi elettrica: in ogni città una rete di commercianti e trafficanti vende quote di elettricità prodotta da generatori privati ai cittadini, a interi condomini. I rifornimenti di gasolio per quei generatori sono garantiti da un traffico di carburanti di contrabbando che aggira ogni legge e si poggia sulle varie mafie. Ma chi vende elettricità paga in dollari per il diesel, e i cittadini libanesi non hanno più soldi per pagare l’elettricità "privata". Venerdì anche le farmacie sono entrate in sciopero per protestare contro le carenze diffuse di medicinali, in particolare di antibiotici. I rivenditori di medicine che si aspettano che i sussidi sui medicinali possano essere aboliti molto presto. E allora fanno scorte di medicine in attesa dell’aumento dei prezzi. Il Paese è alla fame, i cittadini con i loro stipendi in lire libanesi svalutati del 300% non hanno potere d’acquisto per il cibo, la carne, il pesce, persino le verdure. Alcuni studi hanno rilevato che la popolazione sta abbandonando in massa il consumo di carne di vitello e anche di pollo, «non siamo diventati vegani: non abbiamo più soldi», titolava l’altro giorno un giornale. Secondo le Nazioni Unite più della metà della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà. Alla crisi sociale, si aggiunge quella politica. Dopo l’esplosione al porto di Beirut dell’agosto 2020, i gruppi politici e settari non sono riusciti a mettersi d’accordo su un nuovo governo. Le pressioni internazionali sono fortissime: Stati Uniti e Francia con Arabia Saudita ed Emirati sono schierati con i sunniti e una parte dei cristiani. Iran, Russia, e Siria favoriscono l’altra metà del fronte cristiano e soprattutto i gruppi sciiti antioccidentali, Hezbollah e Amal.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT