venerdi 25 giugno 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'AutoritÓ palestinese insegna ai giovani che i terroristi sono 'martiri' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
05.06.2021 'FedeltÓ e tradimento', di Chaim Grade
Recensione di Susanna Nirenstein

Testata: La Repubblica
Data: 05 giugno 2021
Pagina: 13
Autore: Susanna Nirenstein
Titolo: «L'ebreo errante e il suo doppio»
Riprendiamo da REPUBBLICA di oggi, 05/06/2021 a pag.13, con il titolo "L'ebreo errante e il suo doppio", la recensione di Susanna Nirenstein.

Risultati immagini per susanna nirenstein repubblica
Susanna Nirenstein

FedeltÓ e tradimento - Chaim Grade - Libro - Giuntina - Diaspora | IBS
La copertina (Giuntina ed.)

Elie Wiesel diceva che Chaim Grade era tra i pi¨ importanti scrittori yiddish, senz'altro "il pi¨ autentico", e nell'affermarlo faceva sicuramente riferimento ai funambolici diavoletti di Isaac Bashevis Singer. Nato nel 1910 a Vilnius (chiamata la Gerusalemme del Nord per la vivacitÓ degli studi rabbinici dalle molteplici tendenze), scomparso nel 1982 a New York dove era arrivato nel 1948, Grade, con talento, impeto ed estremo realismo, fece quel che andava fatto: descrisse con poesie e prose un mondo che era stato cancellato, il suo mondo, le yeshivah dove si approfondivano la Torah e il Talmud e i contrasti che le incendiavano (come nel bestseller La moglie del rabbino, Giuntina), le cittadine polacche e lituane dove gli ebrei affollavano interi quartieri divisi tra ortodossi, comunisti, sionisti..., il modo in cui vestivano, mangiavano, si sposavano, crescevano i figli mentre la modernitÓ faceva il suo ingresso. E certamente lo smarrimento e gli interrogativi dei sopravvissuti alla Shoah. Educato nei primi anni da un padre maskil, illuminista, che morý presto, mandato poi dalla madre nella severa yeshivah di Novaredok intossicata dall'ossessione della purezza fino a forme di ascesi quasi autopunitive che lasci˛ stremato per cercare la strada della laicitÓ e di un moderato insurrezionalismo (con i nazisti alle porte si rifugi˛ in Unione Sovietica sperando, a torto, che i tedeschi non avrebbero toccato la moglie e la madre, per venirne via nel '46 e approdare prima brevemente a Parigi e poi in America), in lui soprattutto non cessarono mai il dialogo interiore, le domande sulla contrapposizione tra religione e non osservanza, tra fede e contemporaneitÓ, su come l'ebraismo dovesse accogliere i laici dentro di sÚ, sulla sostanza dell'identitÓ ebraica.

Ed ecco allora due fulminanti esempi di questo eterno rovello di Chaim Grade, due lunghi racconti tradotti con amore da Anna Linda Callow e raccolti sotto il calzante titolo scelto dalla Giuntina, FedeltÓ e tradimento. Nel primo, Il giuramento, lo scrittore poeta ci porta accanto a un mercante benestante sul letto di morte che strappa ai figli due promesse: al maschio che lascerÓ l'universitÓ di agraria, dove l'aveva lui stesso indirizzato, per dedicare la vita allo studio della Torah e del Talmud con un rebbe che vive appartato dal mondo, alla femmina invece che sposerÓ uno studente di yeshivah: quell'uomo pio in fin di vita si Ŕ pentito della sua esistenza mondana, per quanto religiosa, e vuole che la prole ritorni sulla retta via. Ma siamo nei primi decenni del Novecento, scienza e rivoluzione ballano valzer trascinanti, e i due ragazzi, per quanto provino a essere fedeli alla promessa, sono comunque attratti dal mondo secolare. Ma Ŕ il secondo titolo, uno dei pi¨ famosi del bifronte Grade, portato anche in teatro e sullo schermo, La mia contesa con Hersh Rasseyner, del 1952, a scuoterci nel profondo. Uno dei due protagonisti, Chaim Vilner, Ŕ modellato totalmente sull'autore, che 23enne se ne era andato dalla dura yeshivah per diventare un poeta. Ma che tipo di prosa Ŕ, una storia, una memoria, un saggio? Qualsiasi cosa sia, Ŕ chiaro, come ha scritto la grande critica yiddishista Ruth Wisse, che Grade ha creato una sua speciale forma letteraria per contenere le guerre che lo abitavano, uno spaccato autobiografico che traspone le lotte ai tempi dello studentato rabbinico in un aspro scontro postbellico tra due sopravvissuti, Chaim appunto, e Hersh, ex compagno della casa di studio. Ci sono tre momenti in cui si incontrano, nel 1937 a Byalistok, nel 1939 a Vilnius e nel 1948 a Parigi. Nel primo si incolpano a vicenda di non possedere la veritÓ, per Grade il religioso non si Ŕ isolato dal mondo, Ŕ solo pieno di orgoglio e non di santitÓ, per Hersch invece Chaim e il suo umanesimo non vogliono dire che perdizione. Al secondo, Vilnius Ŕ occupata dai sovietici e Hersch accusa Chaim delle sue simpatie comuniste. Ma Ŕ il terzo confronto ad essere il pi¨ forte e destabilizzante: siamo all'indomani della Shoah, ambedue hanno perso tutta la famiglia, Hersch Ŕ stato in un lager, eppure riprendono subito a puntarsi l'indice contro come se si fossero lasciati il giorno prima. Ora c'Ŕ una domanda in pi¨ per ciascuno dei due: come fa Hersh a credere ancora in un Dio che ha permesso la Shoah? E come fa Chaim a credere ancora nella cultura europea in cui sono cresciuti il nazismo e i suoi crimini? Ambedue sono Chaim Grade: queste domande deve essersele poste fino all'ultimo giorno della sua vita.

Per inviare la propria opinione alla Repubblica, telefonare 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT