venerdi 25 giugno 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Autorità palestinese insegna ai giovani che i terroristi sono 'martiri' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
01.06.2021 Hamas, Israele e la mediazione dell'Egitto
Commento di Sharon Nizza

Testata: La Repubblica
Data: 01 giugno 2021
Pagina: 15
Autore: Sharon Nizza
Titolo: «Hamas: 'Pronti a consegnare gli ostaggi'»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 01/06/2021, a pag. 15, l'articolo di Sharon Nizza dal titolo "Hamas: 'Pronti a consegnare gli ostaggi' ".

A destra, la vignetta di Dry Bones: le notizie che nessuno riporta: più di 1000 arabi israeliani si sono arruolati nell'esercito... e circa 700 arabi dei cosiddetti "Stati nemici" hanno dichiarato di volersi arruolare.

Immagine correlata
Sharon Nizza

La mediazione egiziana per consolidare la tregua tra Israele e Hamas potrebbe portare a una svolta anche rispetto alla trattativa in corso da anni tra le parti su uno scambio di prigionieri. Israele pone come condizione che, nei negoziati in corso, vengano consegnati i corpi dei soldati Oron Shaul e Hadar Goldin — uccisi a Gaza nel 2014 — nonché il rilascio di Avera Mengistu e Hisham al-Sayed, due civili mentalmente instabili che hanno attraversato il confine con Gaza e sono detenuti in ostaggio da anni. Hamas finora si è rifiutato di legare la questione alle trattative per la ricostruzione di Gaza in seguito all’ultimo conflitto, sostenendo che faccia parte di un dossier separato che deve includere il rilascio di prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane. Negli anni sono fallite numerose mediazioni. Negli ultimi giorni, che hanno visto un picco di intensità nell’interventismo del Cairo per cementare il cessate il fuoco, la questione sembra essere tornata di primo piano. Ieri il leader di Hamas a Gaza, Yahya Sinwar, ha affermato che Hamas è pronto a condurre negoziati immediati e indiretti con Israele in merito a un accordo per lo scambio di prigionieri. «Ricordatevi il numero 1111», ha detto Sinwar, in un chiaro riferimento al "Shalit deal", con il quale nel 2011 Israele ha rilasciato 1,027 prigionieri palestinesi, in cambio del soldato Gilad Shalit, rapito nel 2006. Secondo fonti riportate dal canale israeliano Kan 11, Israele avrebbe consegnato ad Hamas un mese e mezzo fa un elenco con nomi di prigionieri che sarebbe disposto a rilasciare come parte di un nuovo accordo, senza ricevere riscontro. L’elenco comprendeva «più di qualche dozzina e meno di centinaia di prigionieri ». Non è noto se includesse prigionieri «con sangue sulle mani». Sinwar sostiene che i contatti si sono interrotti a causa dello stallo politico in cui si trova Israele da mesi.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT