martedi` 17 maggio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I musulmani sono infelici nei paesi in cui vivono, in uno solo sono felici, quale? (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
19.04.2021 Quale futuro per la Siria?
Analisi di Gianni Vernetti

Testata: La Repubblica
Data: 19 aprile 2021
Pagina: 26
Autore: Gianni Vernetti
Titolo: «Quale futuro per la Siria»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi 19/04/2021, a pag.26 con il titolo "Quale futuro per la Siria", l'analisi di Gianni Vernetti.

Immagine correlata 
Gianni Vernetti

Siria, sotto accusa per crimini di guerra Asma Assad, moglie del presidente  Bashar. Rischia di perdere la cittadinanza britannica - Open
Asma e Bashar Assad

Ieri il regime di Damasco ha fissato le elezioni presidenziali per il prossimo 26 maggio, senza alcuna intesa né con le opposizioni curde e arabe, né con la comunità internazionale. Una farsa che vedrà Bashar al Assad eletto per la terza volta, esattamente dieci anni dopo la tragedia di un conflitto di proporzioni inaudite: oltre 470mila morti e 100mila scomparsi; violenze, stupri di massa e il genocidio della minoranza yazida; 11 milioni fra sfollati e rifugiati in Iraq, Turchia, Giordania e Libano; un'economia in caduta libera e il 90% della popolazione al di sotto della soglia di povertà; metà degli ospedali e delle scuole distrutte; il 70% della popolazione senza accesso all'acqua potabile. Bashar al Assad ha vinto e regna su uno stato fallito e in rovina, grazie al sostegno della Russia di Vladimir Putin, delle milizie Hezbollah di Hassan Nasrallah e all'Iran dell'ayatollah Khamenei. La Turchia di Erdogan, con l'operazione Scudo dell'Eufrate governa direttamente una porzione del nord della Siria, usando anche le milizie islamiste di Hayat Tahrir al-Sham vicine ad Al Qaeda, con l'unico obiettivo di attaccare e contenere i curdi del Rojava, l'unico vero alleato dell'occidente nel lungo conflitto siriano. Il recente viaggio di Papa Francesco nel vicino Iraq ha mostrato al mondo un Paese ancora con mille difficoltà, ma con i segni evidenti della ricostruzione a Erbil, e Mosul e Qaraqosh, nel cuore della piana di Ninive.

Immagine correlata
Idlib, Siria

Nella Siria di Assad pacificata con il terrore, invece nulla: nessuna ricostruzione e nessuna speranza. E gli alleati del regime di Damasco, Russia e Iran, non sono certo nella condizione di finanziare alcun progetto post bellico di rinascita del Paese. L'Europa può essere dunque la chiave per il futuro della Siria. Pochi giorni fa si è conclusa a Bruxelles la 5" Conferenza sul futuro della Siria con delegati di 55 Paesi. In due giorni sono stati raccolti 5,3 miliardi di dollari per la ricostruzione, ma l'assenza di una vera transizione politica a Damasco e le sanzioni ancora in vigore, rendono praticamente impossibili investimenti diretti nel Paese. È urgente dunque una nuova azione della comunità internazionale per riprendere il dialogo politico fra tutti le parti coinvolte nel conflitto, come indicato dalla Risoluzione 2254 del Consiglio di Sicurezza: una nuova costituzione per una Siria federale sotto la supervisore delle Nazioni Unite, elezioni libere, giustizia per i crimini di guerra commessi. In attesa che questo processo prenda l'avvio, Europa e Usa potrebbero però fin da subito iniziare a finanziare progetti di ricostruzione nelle aree non controllate del regime, a cominciare dall'area curda del nord della Siria (Rojava), governata dalle Sdf (Syrian Democratic Force), la coalizione fra curdi, arabi e assiri che ha svolto un ruolo fondamentale nella sconfitta di Isis. In questo quadro, l'Italia potrebbe avere un ruolo importante anche alla luce dei nuovi impegni che assumerà il prossimo anno con la guida della missione Nato in Iraq e per la grande esperienza maturata nelle iniziative di ricostruzione post bellica in molte aree del mondo.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT