martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
25.02.2021 Usa-Arabia Saudita, passa la linea dura. Ma il nemico è l'Iran
Commento di Francesca Caferri, Anna Lombardi

Testata: La Repubblica
Data: 25 febbraio 2021
Pagina: 16
Autore: Francesca Caferri, Anna Lombardi
Titolo: «Arabia Saudita, la svolta di Biden. La Cia accusa Mbs per Khashoggi»

Riprendiamo da REPUBBLICA di oggi, 25/02/2021, a pag.16 con il titolo "Arabia Saudita, la svolta di Biden. La Cia accusa Mbs per Khashoggi", il commento di Francesca Caferri, Anna Lombardi.

Invece di limitare il pericolo numero uno in Medio Oriente, cioè l'Iran degli ayatollah, gli Stati Uniti prendono di mira l'Arabia Saudita, che certo non è una democrazia ma ha dato prova di pragmatismo negli ultimi anni, e anche di una certa capacità di riformismo. Sarebbe giusto apprezzare i progressi fatti, a cominciare dai rapporti distesi con Israele e con l'Occidente, invece Joe Biden sembra preferire la linea dura con Mbs e il dialogo con Teheran.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Francesca Caferri

Immagine correlata

Anna Lombardi

Risultati immagini per Mohammed Bin Salman
Mohammed
Bin Salman

Una telefonata e la pubblicazione di un rapporto tenuto finora segreto: in due mosse la Casa Bianca chiude l’era dei trionfi di Mohammed Bin Salman e inaugura mesi che si annunciano assai spinosi per il principe ereditario saudita. La telefonata è quella con cui - a ben cinque settimane dall’insediamento - Joe Biden chiama Riad, scegliendo di parlare non con Mbs (come l’erede al trono è chiamato), l’interlocutore privilegiato dell’era Trump, ma con il padre, l’85enne re Salman: «Unica sua controparte», come sottolinea la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki, nonostante l’anziano sovrano abbia da tempo abdicato alla gestione quotidiana del regno. La telefonata arriva alla vigilia della diffusione del rapporto della Cia sulla morte del giornalista Jamal Khashoggi, attesa per le prossime ore: un rapporto che – secondo anticipazioni note da tempo ma mai direttamente confermate – punta il dito sul principe ereditario come mandante dell’assassinio nel consolato saudita di Istanbul nel 2018 del giornalista dissidente. Un rapporto che Trump aveva sempre tenuto riservato e che ora la direttrice della National Intelligence Avril Haines si è impegnata a rendere pubblico, mettendo fine una volta per tutte ai privilegi di cui il principe ha goduto negli ultimi quattro anni. Confermato dallo stesso Trump, pronto a dichiarare al giornalista Bob Woodward: «Gli ho salvato la pelle». E da suo genero, Jared Kushner, che con Mbs aveva creato un rapporto personale gestito via Whatsapp, lontano dai tradizionali canali diplomatici. La posizione pubblica del principe è stata aggravata dalla pubblicazione ieri su Cnn di documenti giudiziari canadesi in cui Mbs è messo in collegamento diretto con la compagnia area titolare del jet privato usato dal commando che uccise Khashoggi. La causa è quella intentata contro Mbs da Saad al Jabri, ex capo dell’antiterrorismo saudita in esilio in Canada, i cui figli adolescenti sono stati tenuti bloccati in Arabia Saudita da quando l’uomo ha rifiutato di tornare in patria per paura di Mbs. Proprio sui destini di al Jabri e del suo ex capo, ex ministro dell’Interno ed ex principe ereditario Mohammed Bin Nayef, per 15 anni uomo di riferimento di Washington ora agli arresti domiciliari per ordine di Mbs, si centrano alcune delle possibili richieste Usa. Biden potrebbe pretendere il rilascio dei figli del primo e la liberazione del secondo: il nuovo leader americano già in campagna elettorale aveva minacciato di trattare i sauditi come "paria", per via delle troppe violazioni dei diritti umani. Col ritiro dell’appoggio nella guerra in Yemen e lo stop alla vendita di armi l’Amministrazione aveva già fatto capire che l’impunità garantita da Trump non sarebbe stata tollerata. Mbs lo sa e da mesi tenta una correzione di rotta: ha ricucito con il Qatar dopo uno strappo diplomatico durato tre anni. Ha liberato – ma tenendola sotto inchiesta e vietandole di viaggiare – Loujain al Hathloul, la più famosa dissidente del regno. Ha incontrato il premier israeliano Benjamin Netanyahu per discutere del possibile allargamento degli accordi di Abramo al regno saudita. Basterà? Difficile saperlo ora. Gli americani non pensano di osteggiare l’ascesa del principe, come dimostra la chiamata che questi ha ricevuto dal ministro della Difesa americano, il generale Lloyd Austin: ma a Riad chiedono un deciso cambio di rotta.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT