domenica 25 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Theodor Herzl: l'uomo e il simbolo (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
05.11.2016 Cecità a sinistra: 'Bendati contro l'islamismo'
Il libro di Gilles Kepel, recensito da Anais Ginori

Testata: La Repubblica
Data: 05 novembre 2016
Pagina: 9
Autore: Anais Ginori
Titolo: «'Bendati contro il jihadismo': un libro accusa la 'gauche'»

Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 05/11/2016, a pag. 9, con il titolo " 'Bendati contro il jihadismo': un libro accusa la 'gauche' ", la recensione di Anais Ginori al libro "La fracture", di Gilles Kepel.

Sembra che finalmente anche Gilles Kepel si accorga della cecità di una certa sinistra di fronte al terrorismo islamico e al jihadismo in genere. E' questo l'ennesimo segno della confusione che imperversa a sinistra sul pericolo islamista, oppure quello di una maggiore consapevolezza?

Una domanda ai nostri 'grossi' editori: che cosa aspettate a tradurlo ? oppure farete come con tanti altri autori che raccontano le verità come fa Kepel nel suo nuovo libro?
E il libro di Jean Birnbaum citato nell'articolo, nessun editore che lo pubblichi? Eppure è una firma importante del Monde,  dove dirige il supplemento libri. Forza, un po' di coraggio!

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Anais Ginori

Immagine correlata
Gilles Kepel

Una parte della sinistra francese tenta di occultare il legame tra jihadismo e Islam in nome di valori antichi come l’antirazzismo e il relativismo culturale. È la pesante accusa che fa Gilles Kepel nel suo nuovo saggio pubblicato da Gallimard, “La Fracture”. Il noto orientalista, direttore della cattedra di Medio Oriente e Mediterraneo all’École Normale Supérieure, paventa una “frattura” sempre più profonda nella società francese tra un «nuovo proletariato di figli di immigrati manipolati contro le classi medie».

Ma non solo. Il rischio, secondo Kepel, è «procedere bendati», con una «cecità criminale» nella nuova battaglia contro il terrorismo perché certa sinistra tenterebbe di «minimizzare » la matrice islamica del jihadismo, non volendo riconoscere che esiste un problema dentro alla religione. In nome di valori di sinistra, come l’antirazzismo, Kepel sostiene che molti intellettuali e dirigenti politici tentano di occultare il fanatismo che si sta sviluppando nel mondo islamico, mettendo la testa sotto la terra con la «strategia dello struzzo».

Sono quelli che Kepel definisce «islamo-gauchistes», un’accusa che ricorda i “fiancheggiatori” negli anni del terrorismo rosso. Le contraddizioni rilevate da Kepel sono tante, da François Hollande che a lungo non ha voluto parlare di «terrorismo islamico » ai partiti di estrema sinistra che candidano donne con il velo. Un atteggiamento — continua Kepel — che scaturirebbe dalla storia coloniale della Francia e dal senso di colpa ereditato nei confronti delle popolazioni immigrate due o tre generazioni fa. Un meccanismo «perverso » — continua lo studioso — che impedisce di affrontare «la sfida mortale del jihadismo nel nostro paese».

Immagine correlata
La copertina

L’allarme di Kepel è stato ripreso in copertina dell’Obs, storico settimanale della sinistra, alimentando un dibattito che va avanti da mesi. Anche il giornalista di Le Monde, Jean Birenbaum, aveva denunciato nel gennaio scorso il «silenzio religioso» (titolo del suo saggio) di certa sinistra francese. Birenbaum mette in luce contraddizioni nella teoria marxista sulle religioni come “oppio del popolo”, mentre il comunismo “è a sua volta una Chiesa”. Il saggista ricorda anche i casi di intellettuali di sinistra che hanno appoggiato rivolte popolari strumentalizzate dalla religione, dalla rivoluzione in Iran alla guerra di liberazione in Algeria. Mentre la destra non ha tabù sul tema, la sinistra è ancora divisa sul riconoscere o meno una matrice religiosa del terrorismo che ha colpito il paese nell’ultimo anno e mezzo. Kepel ricorda come una parte di politici e intellettuali si ostinino a spiegare il jihadismo con ragioni sociologiche — la povertà, la segregazione — e psichiatriche nei casi dei giovani più fragili e vulnerabili.

È il punto di vista espresso da Olivier Roy, specialista dell’Islam politico e professore all’Istituto universitario di Fiesole, che pubblica anche lui un nuovo saggio, “La Djihad et la mort”, nel quale sostiene che i giovani jihadisti esprimono prima di tutto una forma di dissidenza sociale, un nichilismo folle e violento che ha poco a che vedere con moschee e religione. È quella che Roy chiama «l’islamizzazione della radicalità»: l’ideologia dell’Isis non farebbe altro che «nobilitare» comportamenti di «sbandati», marginali che possono riciclarsi in martiri. Una tesi agli antipodi di quella di Kepel, che mette invece al primo posto la “radicalizzazione dell’Islam”. I due studiosi francesi continueranno ad affrontarsi in interviste e in libreria, rappresentando opposte fazioni.

Per inviare la propria opinione alla Repubblica, telefonare 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT