lunedi` 15 agosto 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer smaschera l'antisemitismo dell'Unrwa (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Domani Rassegna Stampa
22.08.2021 Afghanistan, editoriale 3: esportare democrazia e diritti rimane un dovere
di Stefano Feltri

Testata: Domani
Data: 22 agosto 2021
Pagina: 1
Autore: Stefano Feltri
Titolo: «Esportare democrazia e diritti rimane un dovere»
Riprendiamo da DOMANI di oggi, 22/08/2021, a pag. 1, l'editoriale di Stefano Feltri dal titolo "Esportare democrazia e diritti rimane un dovere".

Stefano Feltri - Wikipedia
Stefano Feltri

What can we learn from the failed U.S. intervention in Afghanistan? – GIS  Reports

Esportare la democrazia, per chi i può farlo, non è solo una facoltà ma un dovere morale. Leggete le testimonianze delle donne da Kabul, guardate i video delle corse in aeroporto e pensate a quanta deve essere disperato chi si appende a un aereo sapendo die morirà cadendo e chiedetevi se il relativismo culturale, pervaso di razzismo appena mascherato, è una opzione. E infatti l'idea della democrazia da esportare matura in ambienti progressisti, che poi trovano nella vocazione militarista della destra la sponda per passare dall'auspicio all'azione Esportare una cultura di diritti, dunque, si può e si deve. Ogni ambizioso slancio progressista — diciamo pure di sinistra — è universalista: dal pacifismo alla critica alla globalizzazione di ventanni fa all'ambientalismo di oggi. E non è vero che si tratti di una missione velleitaria o destinata al fallimento: l'Unione europea ha esportato democrazia e diritti ai suoi confini per un quindicennio cruciale, dopo la caduta dell'Urss. I problemi originano quando tale esportazione, pacifica ed economica, è troppo cauta o incerta, vedi i casi di Polonia e Ungheria (o i tentativi incompiuti in Ucraina e, soprattutto, Turchia). Talvolta il sostegno convinto ai nostri valori può anche richiedere il ricorso allo strumento militare andatelo a dire ai cittadini di Srebrenica che si erano affidati della protezione Onu che l'uso della forza è sempre sbagliato, o ai kosovari che non sono stati massacrati soltanto grazie alle forze internazionali. o ai curdi che chiedevano sostegno mentre combattevano, per conto nostro, con i tagliagole dell'Isis in Siria e Iraq.

Tutto questo per dire che certe contrapposizioni manichee vanno bene per le polemiche via Twitter, non nel mondo reale. La tragedia dell'Afghanistan non ha radici in un'idea sbagliata, l'universalità dei diritti umani, ma nella sua applicazione. L'intervento militare di vent'anni fa teneva insieme desideri di vendetta —per reagire all'attacco di Al Qaida — e velleità di ridisegnare il medio oriente a misura delle ambizioni di gruppi neoconservatori di Washington. Tutto questo è fallito ma, come la bancarotta di una azienda non implica che il capitalismo sia al capolinea, così una campagna militare gestita al peggio non può spingere alla rassegnazione sul dovere dell'occidente di diffondere i diritti e difendere i suoi valori. In questi ventanni abbiamo sviluppato molti strumenti per esportare la democrazia senza le bombe i trattati commerciali, le sanzioni a singoli individui in paesi stranieri, l'esclusione dai circuiti finanziari globali, la pressione di una opinione pubblica ora davvero planetaria. Le bombe e l'occupazione hanno solo peggiorato la situazione, come molti avevano avvertito, a cominciare da Gino Strada, dunque è il momento di combattere con altri strumenti, più efficaci e coerenti. Ma si tratta di una campagna che continua con altre, si spera più efficaci, armi. Non di una resa di fronte alla violenza oscurantista, con buona pace di Giuseppe Conte e della sua fretta di accettare subito l'Afghanistan talebano come nuova normalità.

Per inviare la propria opinione a Domani, cliccare sulla email

lettori@editorialedomani.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT