venerdi 28 gennaio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La guerra dei sei giorni: Israele si difende e vince (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Confessioni elvetiche Rassegna Stampa
05.09.2021 Arrestata in Germania: 'Collabora con lo Stato islamico'
Commento di Stefano Piazza

Testata: Confessioni elvetiche
Data: 05 settembre 2021
Pagina: 1
Autore: Stefano Piazza
Titolo: «Arrestata in Germania: 'Collabora con lo Stato islamico'»
Arrestata in Germania: 'Collabora con lo Stato islamico'
Commento di Stefano Piazza

Immagine correlata
Stefano Piazza

Germany: Don′t panic over ′Islamic State′ returnees′ arrival | Germany |  News and in-depth reporting from Berlin and beyond | DW | 14.11.2019

Secondo quanto riferito dall’Associated Press (AP) negli scorsi giorni a Berlino, è stata arrestata una cittadina tedesca recentemente convertitasi all’islam con l’accusa “di aver cercato di trasferire denaro ai militanti dello Stato islamico. La donna identificata come Denise S., è stata arrestata a Geretsried, una località vicino a Monaco di Baviera e ora rischia l’accusa “di sostenere un’organizzazione terroristica straniera”.

Western female jihadis deploy 'soft-power' of Isis online | Financial Times

È anche accusata di sostenere Aymen A.-J., un cittadino iracheno arrestato nel gennaio scorso. Aymen A.-J. è accusato di aver trasferito almeno $ 12.000 in Siria e Libano tra giugno e settembre 2020 per aiutare i combattenti dell’IS. I pubblici ministeri tedeschi affermano che è stato arrestato al confine svizzero-tedesco a gennaio mentre partiva per lasciare il paese per combattere per l’ISIS in Siria o in Africa. Secondo gli investigatori il compito principale della donna “era quello di stabilire un contatto con i membri di sesso femminile dello Stato islamico” e per questo le teneva aggiornate sui trasferimenti di denaro che stava lei stessa stava preparando. Denise S. è anche accusata di aver organizzato una raccolta fondi per un membro dello Stato islamico che avrebbe dovuto essere liberato da un campo profughi curdo. I pubblici ministeri durante una conferenza stampa hanno affermato che Denise S., “ha una visione del mondo estremista e islamista” e che voleva a tutti i costi “sostenere gli obiettivi dell’IS e in particolare di promuovere la lotta armata del gruppo”.

https://www.confessioni-elvetiche.ch/

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT