sabato 28 gennaio 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco l'Israele che non ti aspetti (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Confessioni elvetiche Rassegna Stampa
05.09.2021 Arrestata in Germania: 'Collabora con lo Stato islamico'
Commento di Stefano Piazza

Testata: Confessioni elvetiche
Data: 05 settembre 2021
Pagina: 1
Autore: Stefano Piazza
Titolo: «Arrestata in Germania: 'Collabora con lo Stato islamico'»
Arrestata in Germania: 'Collabora con lo Stato islamico'
Commento di Stefano Piazza

Immagine correlata
Stefano Piazza

Germany: Don′t panic over ′Islamic State′ returnees′ arrival | Germany |  News and in-depth reporting from Berlin and beyond | DW | 14.11.2019

Secondo quanto riferito dall’Associated Press (AP) negli scorsi giorni a Berlino, è stata arrestata una cittadina tedesca recentemente convertitasi all’islam con l’accusa “di aver cercato di trasferire denaro ai militanti dello Stato islamico. La donna identificata come Denise S., è stata arrestata a Geretsried, una località vicino a Monaco di Baviera e ora rischia l’accusa “di sostenere un’organizzazione terroristica straniera”.

Western female jihadis deploy 'soft-power' of Isis online | Financial Times

È anche accusata di sostenere Aymen A.-J., un cittadino iracheno arrestato nel gennaio scorso. Aymen A.-J. è accusato di aver trasferito almeno $ 12.000 in Siria e Libano tra giugno e settembre 2020 per aiutare i combattenti dell’IS. I pubblici ministeri tedeschi affermano che è stato arrestato al confine svizzero-tedesco a gennaio mentre partiva per lasciare il paese per combattere per l’ISIS in Siria o in Africa. Secondo gli investigatori il compito principale della donna “era quello di stabilire un contatto con i membri di sesso femminile dello Stato islamico” e per questo le teneva aggiornate sui trasferimenti di denaro che stava lei stessa stava preparando. Denise S. è anche accusata di aver organizzato una raccolta fondi per un membro dello Stato islamico che avrebbe dovuto essere liberato da un campo profughi curdo. I pubblici ministeri durante una conferenza stampa hanno affermato che Denise S., “ha una visione del mondo estremista e islamista” e che voleva a tutti i costi “sostenere gli obiettivi dell’IS e in particolare di promuovere la lotta armata del gruppo”.

https://www.confessioni-elvetiche.ch/

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT