venerdi 25 giugno 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Autorità palestinese insegna ai giovani che i terroristi sono 'martiri' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Moked Rassegna Stampa
02.06.2021 Israele, isola nel mare dell'islam
David Meghnagi

Testata: Moked
Data: 02 giugno 2021
Pagina: 1
Autore: David Meghnagi
Titolo: «Un’isola nel mare»
Riprendiamo da MOKED del 02/06/2021, con il titolo "Un’isola nel mare" il commento di David Meghnagi.

Isola di Bergeggi - Wikipedia

“Chi vive in un’isola deve farsi amico il mare”, così recita un antico proverbio arabo. Israele è una piccola isola accerchiata da un oceano arabo e islamico che per decenni l’ha respinta e non l’ha mai realmente accettata. Nonostante l’odio e il rifiuto di cui è stata fatto oggetto, Israele è riuscita a svilupparsi e a crescere ed è questo che non viene perdonato. Ma non è ancora riuscita a vincere la sfida più difficile. Farsi amico il mare da cui è circondata, è per Israele un’esigenza politica e morale. Aprirsi un varco nel cuore dei vicini, risanare le ferite sanguinanti, restituire significato alla sofferenza, immaginare e costruire uno spazio per un futuro diverso è per Israele una necessità, non solo politica: per restare fedeli alla propria vocazione, pur nella consapevolezza di non possedere tutti gli strumenti per giungere a una composizione politica del conflitto con i vicini. Per la saggezza ebraica, grande è chi riesce a trasformare il nemico in un amico. Una sfida che Israele dovrà vincere per restare fedele a se stessa. L’accettazione piena di Israele e della sua esistenza nella sua antica striscia di terra madre, come ebbe a chiamarla Freud in una struggente lettera all’amico Ferenczi, libererebbe l’Islam dalle pastoia di una lettura religiosa del conflitto arabo israeliano e dal contenzioso israeliano palestinese, aprendo la via a un rinnovamento culturale e religioso per tutta la Regione. Il futuro del mondo arabo e dell’Islam poggiano sulla scommessa di una possibile coesistenza in un’area del mondo dove i destini dell’Occidente e dell’Oriente appaiono divisi. Accettare l’esistenza di Israele è per la civiltà araba e islamica la condizione per rompere la catena di violenze e lutti in cui è tragicamente avviluppata. Per Israele la realizzazione delle aspirazioni più profonde che portarono generazioni di giovani a sacrificare le loro esistenze per ricostruire una vita ebraica indipendente. L’Europa e il mondo arabo, l’Occidente e l’Islam, potranno parlarsi se Israele, in pace con il mondo arabo, sarà presente come testimone dei propri lutti e dei loro.

Immagine correlata
David Meghnagi

info@ucei.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT