venerdi 25 giugno 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Autorità palestinese insegna ai giovani che i terroristi sono 'martiri' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






L'Osservatore Romano Rassegna Stampa
06.06.2021 Su OR una velina contro Israele
Demonizzato lo Stato ebraico, sminuiti i crimini dei terroristi di Hamas

Testata: L'Osservatore Romano
Data: 06 giugno 2021
Pagina: 4
Autore: la redazione di OR
Titolo: «Proteste palestinesi per un nuovo insediamento»
Riprendiamo dall' OSSERVATORE ROMANO di oggi, 06/06/2021, a pag. 4, l'articolo "Proteste palestinesi per un nuovo insediamento".

Oggi OR pubblica la solita velina contro Israele. Vengono riportate prima - e con maggiore evidenza - le risposte israeliane ai terroristi, in modo da demonizzare quelle e attenuare le azioni criminali di questi. Come se non bastasse, viene messa in dubbio la natura terrorista del movimento Hamas, descritto come "un gruppo palestinese considerato da molti Paesi come una organizzazione terroristica". La parola "terrorista" viene d'altronde in tutto il pezzo sostituita con "palestinese".

Ecco l'articolo:

Leader di Hamas esorta i palestinesi nel mondo a uccidere ebrei ovunque |  Mosaico
A Gaza noi di Hamas non ci siamo arresi. E abbiamo dimostrato che Israele  non è impenetrabile

Oltre 100 palestinesi sono rimasti feriti venerdì sera in scontri con i militari israeliani nei pressi di Nablus. Lo ha reso noto la Mezzaluna Rossa. I palestinesi stavano protestando contro la costruzione di un nuovo insediamento israeliano vicino Beita, in Palestina. Hamas, un gruppo palestinese considerato da molti Paesi come una organizzazione terroristica, aveva indetto ieri una "giornata di collera" contro gli insediamenti in Cisgiordania. La protesta si è concentrata in sette punti della regione. Secondo quanto riportano i media locali, sul monte Sabih, vicino Nablus, si sono verificati gli incidenti più gravi. Come accennato, centinaia di persone provenienti dal vicino villaggio di Beta si sono dirette verso un grande avamposto israeliano, Eviatar, allestito nelle ultime settimane su terre reclamate dagli agricoltori palestinesi. I soldati sono intervenuti per disperdere la folla. Ad Eviatar — dicono i media — vivono già alcune decine di famiglie israeliane malgrado l'avamposto non abbia nemmeno ricevuto i permessi dal governo. La settimana scorsa, sul monte Sabih, un palestinese era stato colpito a morte dall'esercito e decine di altri erano stati feriti. Proseguono, intanto, i lavori e le trattative per la ricostruzione della Striscia di Gaza dopo undici giorni di bombardamenti. Ieri «mezzi e squadre egiziane hanno attraversato il passaggio di Rafah per smantellare i detriti a Gaza» ha annunciato l'agenzia ufficiale del Cairo, la Mena, riferendosi all'unico ingresso nella Striscia non controllato da Israele.

Per inviare la propria opinione all' OSSERVATORE ROMANO, telefonare 06/ 69883461, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

ornet@ossrom.va

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT