domenica 26 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Linkiesta Rassegna Stampa
11.05.2022 Come i media pro Putin manipolano l'informazione
Analisi di Francesco Cundari

Testata: Linkiesta
Data: 11 maggio 2022
Pagina: 1
Autore: Francesco Cundari
Titolo: «Come i media pro Putin manipolano l'informazione»

Riprendiamo da LINKIESTA di oggi 11/05/2022, il commento di Francesco Cundari, sulla manipolazione delle notizie che appaiono sui nostri media

Francesco Cundari, Autore presso Linkiesta.it
Francesco Cundari

Homepage - Linkiesta.it

 https://www.linkiesta.it/2022/05/nato-macron-informazione/

Si tratti di giornalista professionista, opinionista occasionale o semplice twittatore a tempo perso, la vita del commentatore di cose politiche, in Italia, non è mai stata così dura. Ieri mattina non si era ancora spenta l’eco di tutte le voci che da due giorni ripetevano la bufala della generosa offerta di Zelensky sulla Crimea brutalmente stoppata da Stoltenberg – vicenda in cui non uno dei personaggi coinvolti aveva effettivamente detto quanto gli veniva attribuito in Italia – che il copione si ripeteva pari pari con le dichiarazioni di Macron al Parlamento europeo. E così, senza soluzione di continuità, passavamo dai titoli sulla «Nato contro Zelensky» e addirittura su Stoltenberg che «zittisce Kiev» (per non parlare del surreale «Nato contro Zelensky: “La Crimea è nostra”», dove sembrava quasi che la penisola fosse stata annessa agli Stati Uniti), a un’analoga sfilza di titoli fantapolitici sul presidente francese, dal secco «Macron: “Non si ottiene la pace umiliando Mosca”» al più estremo «Macron stoppa “l’atlantista ad oltranza” Draghi e avverte Biden: “Non possiamo umiliare Putin”». Affermazioni mai pronunciate dal presidente francese che imprimevano poi, come sempre accade in questi casi, un ulteriore giro alla giostra delle reazioni, per forza di cosa altrettanto infondate, con Salvini a lodare Macron per le sue «parole sagge» e con i sostenitori di Giuseppe Conte a inorgoglirsi su twitter perché il loro beniamino «lo dice da un mese». Qui c’è il testo integrale dell’intervento di Emmanuel Macron davanti al Parlamento europeo. Per i più pigri, ecco il passaggio incriminato: «Spetta all’Ucraina definire le condizioni per i negoziati con la Russia. Il nostro dovere è di stare al suo fianco per ottenere un cessate il fuoco e poi costruire la pace. Allora saremo lì per ricostruire l’Ucraina come europei, sempre. Perché, infine, quando la pace tornerà sul suolo europeo, dovremo costruire nuovi equilibri di sicurezza e non dovremo mai cedere alla tentazione dell’umiliazione o allo spirito di vendetta, perché hanno già, in passato, devastato i sentieri della pace» (Per i più sospettosi, qui c’è anche il video). Come si vede, Macron non ha detto da nessuna parte che per ottenere la pace bisogna evitare di umiliare la Russia; ha detto che, una volta ottenuta la pace, bisognerà evitare di cedere alla tentazione delle vendette e delle umiliazioni, che è discorso ben diverso. La prima versione, però, si adattava benissimo alla delirante narrazione del giorno prima, perché sembrava proprio una risposta alle affermazioni di Stoltenberg. In altre parole, un’affermazione che Macron non aveva fatto rispondeva a una dichiarazione che Stoltenberg non aveva pronunciato, che a sua volta rispondeva a un’offerta che Zelensky non aveva mai avanzato. Come vogliamo chiamare tutto questo: metaverso? Ma quello che conta è che ciascuna di queste fanta-risposte confermava la fanta-dichiarazione precedente, rafforzando il quadro d’insieme, proprio come accade in tanta pessima cronaca giudiziaria, in cui non è mai l’esattezza della contestazione, ma il cumulo e la gravità delle accuse, a confermare nel lettore la tesi del pubblico ministero (che non per niente è spesso la principale fonte del cronista). In questo caso la tesi di fondo era evidentemente quella che da settimane sentiamo ripetere, più o meno esplicitamente, da politici, giornalisti e opinionisti dei più diversi orientamenti: i veri responsabili della guerra non sarebbero i russi, ma gli americani. È la tesi che i più raffinati definiscono della «guerra per procura», secondo cui gli ucraini avrebbero sostanzialmente il ruolo delle marionette nelle mani della Nato. Teoria smentita dal fatto che, come tutti sanno, gli americani erano i primi a non credere alla resistenza ucraina, nella convinzione che i russi avrebbero li avrebbero sbaragliati in un attimo, e proprio per questo Biden aveva offerto a Zelensky un aiuto per scappare. È stato Zelensky a cambiare le carte sul tavolo della politica internazionale, rispondendo che voleva munizioni, non un passaggio. Sono stati gli ucraini, con una resistenza su cui all’inizio nessuno aveva scommesso un centesimo, a cambiare la situazione sul campo e a far ricredere gli stessi americani. Eppure la storia secondo cui sarebbe tutto un piano degli Stati Uniti e una manovra della Nato, in cui al massimo Putin avrebbe avuto la colpa di cadere (povero caro, è tanto ingenuo), c’è poco da fare, sui mezzi di comunicazione italiani sembra essere più forte di ogni smentita. Come dimostra tutta l’incredibile concatenazione di fregnacce che ci hanno travolto in questi giorni. Ricapitolando, venerdì 6 maggio, intervistato dalla Chatham House, Zelensky dice che «la condizione minima» per negoziare, banalmente, è il ritorno alla situazione precedente l’invasione del 24 febbraio: «I russi devono rientrare lungo le linee di contatto e ritirare le loro truppe. Solo in quel caso ritorneremo a discutere di pace normalmente». Dunque, siccome l’annessione della Crimea è avvenuta diversi anni prima dello scorso 24 febbraio, in Italia – e soltanto in Italia – si comincia a discutere della presunta offerta della Crimea da parte di Zelensky, offerta che non per caso nessun giornale del mondo, fuori dall’Italia, ha mai menzionato. Per la stessa ragione nessun giornale del mondo, al di fuori dell’Italia, ha ripreso la notizia dello stop che alla non-offerta sarebbe arrivato da Jens Stoltenberg, nella sua intervista al giornale tedesco Welt, dove il segretario generale della Nato si limitava a ripetere per l’ennesima volta che «i membri della Nato non accetteranno mai l’annessione illegale della Crimea», aggiungendo peraltro: «In ultima analisi la decisione su come disegnare la pace spetta al governo e al popolo sovrano dell’Ucraina. Questo non lo possiamo decidere noi». Dunque, anche qui, esattamente il contrario di quanto gli veniva attribuito in Italia. Eppure, per come funzionano le cose in Italia, c’è poco da fare: ormai la slavina è partita. Non a caso, da settimane non c’è più una dichiarazione di Conte o di Salvini che non contenga una qualche allusione a quelli che in occidente non vorrebbero la pace, fino al grottesco rovesciamento dei ruoli operato ieri dal leader leghista, secondo il quale «da più dichiarazioni si intuisce che entrambe le parti in guerra vogliano farla finita» (nel momento in cui una delle due parti continua a bombardare l’altra, si badi) e il problema sarebbe «qualcuno dall’altra parte del mondo» che «vuole consumare su campi altrui propri obiettivi geopolitici». Che è esattamente quello che sta facendo la Russia in Italia, semmai, grazie a un piccolo numero di agenti, a un discreto numero di collaboratori più o meno occasionali e a un gigantesco esercito di cialtroni.

Per scrivere a Linkiesta:  info@linkiesta.it


info@linkiesta.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT