venerdi 14 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Fatto Quotidiano Rassegna Stampa
25.02.2022 Carlo Rossella impazzito?
Le dichiarazioni pro-Putin del giornalista

Testata: Il Fatto Quotidiano
Data: 25 febbraio 2022
Pagina: 10
Autore: F. Giar.
Titolo: «'Non mi pento, sto con Putin. Gli Usa dovevano ascoltarlo'»

Riprendiamo dal FATTO QUOTIDIANO di oggi, 25/02/2022, a pag. 10, con il titolo 'Non mi pento, sto con Putin. Gli Usa dovevano ascoltarlo', l'intervista a firma F. Giar.

Carlo Rossella - Wikipedia
Carlo Rossella

Forza Putin! I russi, ma anche molti italiani sono con te". Parola di Carlo Rossella, giornalista, per una vita dirigente berlusconiano, oggi tra l'altro collaboratore del Foglio su cui cura la rubrica Alta società. È in quel riquadrino che due giorni fa Rossella ha incitato il presidente russo ad andare avanti, forte del sostegno del suo popolo ma pure di tanti italiani di buona volontà. Frasi di cui Rossella assicura "di non essersi pentito", nonostante il tempismo di quell'uscita - a poche ore dall'invasione ucraina - avrebbe potuto consigliare lo stesso dietrofront compiuto da altri (ex) estimatori nostrani di Putin.

Carlo Rossella, si è pentito di aver scritto quelle frasi due giorni fa? No, affatto. Non mi sono pentito e non mi pentirò, il pentimento è una categoria che seguo soltanto col mio confessore, con il quale però non parlo certo di Putin.

Ma questa volta Putin l'ha fatta grossa. Bisogna mettersi nella sua testa, la Russia è un Paese che si sente dentro un clima da guerra fredda. E Putin questo sentimento lo sente in maniera particolare, vuole un ritorno alla grande nazione sovietica.

E secondo lei ha ragione? Dico che bisogna comprendere cosa pensa e il motivo della sua inca..atura. Credo che nei confronti di Putin ci sia un odio esagerato anche in Italia, provocato soprattutto dagli americani. Ecco, chiediamoci perché gli americani fanno tutto quello che gli pare e in Italia nessuno si permette mai di dire nulla contro di loro. Basta leggere i giornali: non c'è mezza parola critica verso gli americani.

Adesso però è Putin a rischiare di trascinarci in un conflitto. Non credo che si aprirà un conflitto anche con gli altri Stati europei. Certo questa storia non finirà bene lo stesso, perché trovarsi di fronte un Putin così incazzato non è un bel vivere dal punto di vista diplomatico. Però anche su questo mi pare che non abbia fatto tutto da solo.

Cioè? Oggi è complicato cercare una strada diplomatica. Ma in passato si poteva fare molto di più per evitare che si arrivasse fin qua e invece non si è mai provato a trovare un'intesa con Putin neanche quando aveva posto le condizioni per farlo. Ora la situazione non sarà certo più semplice e noi ci siamo in mezzo, perché come sempre gli Stati Uniti spingeranno in avanti i loro fedeli amici italiani.

Per inviare la propria opinione al Fatto Quotidiano, telefonare 06/328181, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfattoquotidiano.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT