venerdi 12 agosto 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer smaschera l'antisemitismo dell'Unrwa (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Fatto Quotidiano Rassegna Stampa
27.11.2021 'Le terre dello sciacallo', di Amos Oz
Recensione di Crocifisso Dentello

Testata: Il Fatto Quotidiano
Data: 27 novembre 2021
Pagina: 22
Autore: Crocifisso Dentello
Titolo: «Nel fantastico mondo di Oz c'Ŕ il kibbutz»
Riprendiamo dal FATTO Quotidiano di oggi, 27/11/2021, a pag.22 con il titolo "Nel fantastico mondo di Oz c'Ŕ il kibbutz", la recensione di Crocifisso Dentello.

Addio allo scrittore israeliano Amos Oz
Amos Oz

Beati i sognatori e sventurati coloro che hanno gli occhi aperti" si legge in Giuda, uno dei capolavori di Amos Oz, lo scrittore israeliano scomparso nel 2018. Non a caso il kibbutz Ŕ un topos della sua letteratura. Svariate le opere in cui ha raccontato l'utopia di una vita allo stato primitivo, a contatto con la terra, senza scambio di denaro e con il tab¨ della proprietÓ. In quelle comunitÓ rurali a gestione collettiva, battezzate dal sionismo laburista, la scommessa Ŕ stata vertiginosa: cambiare la natura umana, neutralizzare egoismo e crudeltÓ con l'eguaglianza. Un'illusione che nessuno meglio di Oz ha saputo rappresentare sulla pagina.

Le terre dello sciacallo - Amos Oz - Libro - Feltrinelli - I narratori | IBS
La copertina (Feltrinelli ed.)


ADOLESCENTE in rotta con il padre dopo il suicidio della madre - and˛ a vivere proprio in un kibbutz e ci rest˛ per trent'anni. Ecco allora che risuonano peculiari i dieci racconti di Le terre dello sciacallo, suo esordio del 1965 finora inedito in Italia, in libreria per Feltrinelli. E’ come tornare alle radici della sua scrittura e ricalibrare con un senso critico pi¨ compiuto tutte le sue prove successive. Nove storie (la decima ripercorre la parabola biblica di Iefte) che si smarriscono nella vastitÓ di deserti ostili e che pure sembrano riecheggiare certi toni da tragicommedia della nostra provincia: si sa tutto di tutti, i segreti non resistono all'alba, il male e il bene si mescolano in oasi di ambiguitÓ. Si avverte l'eco di un Dio dispotico che concede la sua grazia a un figlio e a un altro la nega (vedi Isacco e Ismaele nella genesi del popolo ebraico). C'Ŕ poca luce in queste storie, le righe affondano in notti dove "tutti i predatori dormono, ma non hanno il sonno profondo". Si sentono gli ululati degli sciacalli che, "come sacerdoti neri a una cerimonia del lutto", divorano gli uomini e le donne che provano a mettere un piede fuori dal cerchio. ╚ l'umanitÓ che cade il concime di queste Terre dello sciacallo: la relazione tra una ragazza e un uomo che potrebbe rivelarsi il suo padre biologico; un intellettuale costretto a subire l'umiliazione di un figlio paracadutista pavido; un eroe militare locale e un infermiere da campo arresi davanti alla lezione di un monastero trappista: "Le parole sono alla radice del peccato. Senza parole non c'Ŕ menzogna."; un membro del kibbutz che, lasciato l'insediamento, trascorre il tempo a creare mappe di porti immaginari; un anziano professore e suo figlio, entrambi in procinto di nozze, che si nascondono la veritÓ; un kibbutz danneggiato da una strana tempesta e una vecchia signora che vuole pubblicare le lettere del marito morto nella guerra civile spagnola. Nella storia tra un artigiano filatelico e una poetessa scorre il senso di queste trecento pagine: "Anche Dio ci raccoglie uno alla volta, mette ordine, ci incolla nel suo album e si gode l'armonia misteriosa che c'Ŕ dietro le nostre sofferenze" Non si distingue nemmeno chi si Ŕ sacrificato per gli altri, come nella storia di un meccanico la cui tomba "non Ŕ diversa dalle altre." La parabola di Iefte - nomade e figlio di una prostituta che riuscirÓ a diventare giudice di Israele - chiude il libro, richiamando la metafora sull'identitÓ che Amos Oz ha disseminato nella sua bibliografia: "Sono straniero, da straniero ho vissuto tutti i giorni della mia vitaö.

Per inviare la propria opinione al Fatto Quotidiano, telefonare: 06/ 328181, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfattoquotidiano.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT