domenica 28 novembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ricordiamo i profughi dimenticati (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Fatto Quotidiano Rassegna Stampa
19.07.2021 Calcio: Beitar-Barcellona, dopo le pressioni la partita salta
Commento di Fabio Scuto

Testata: Il Fatto Quotidiano
Data: 19 luglio 2021
Pagina: 15
Autore: Fabio Scuto
Titolo: «Beitar-Barša: niente sfida. I catalani solidali con gli arabi»
Riprendiamo dal FATTO Quotidiano di oggi, 19/07/2021, a pag.15 con il titolo "Beitar-Barša: niente sfida. I catalani solidali con gli arabi", l'articolo di Fabio Scuto.

Ancora una volta esponenti della Lista araba unita, oggi all'opposizione nel Parlamento israeliano, sostengono apertamente il boicottaggio del Paese di cui sono cittadini. Dopo le pressioni ricevute, il Barcellona ha chiesto di non disputare la partita con il Beitar a Gerusalemme ma altrove; richiesta che Ŕ stata comprensibilmente rifiutata dal Beitar.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata

Fabio Scuto

Beitar cancels Barcelona match after demand to not have game in Jerusalem -  The Jerusalem Post
Alcuni calciatori del Beitar

Non si giocherÓ l'amichevole di calcio Beitar Jerusalem-Barcellona che era in programma la prima settimana di agosto. E stato Moshe Hogeg, uomo d'affari israeliano e proprietario del club ad annunciare che il match con una delle squadre pi¨ famose e blasonate del mondo Ŕ stato annullato per sua volontÓ, dopo che la squadra catalana si era detta disponibile alla partita ma proponeva di giocarla in un luogo diverso da Gerusalemme per evitare uno sfruttamento politico dell'evento. "Con grande dispiacere ho dovuto annullare la partita contro il Barcellona", ha scritto Moshe Hogeg in un post su Facebook, "dopo aver ricevuto il contratto da firmare che rivelava la richiesta inequivocabile che la partita non si svolgesse nella capitale, Gerusalemme". Il deputato della Lista araba congiunta Sami Abu Shehadeh all'inizio di luglio aveva pubblicato una lettera aperta al club catalano chiedendo di annullare la partita, citando il supporto palestinese per il Barcellona, i famigerati fan razzisti tra i sostenitori del Beitar e il fatto che la decisione di giocare il match nella CittÓ Santa avrebbe dato alla partita un significato anche politico. Beitar Ŕ uno dei club di calcio pi¨ famosi di Israele, con 13 trofei nazionali e conta presidenti e premier tra i suoi fan (Rivlin, Netanyahu, Olmert). Ma ha anche attirato l'attenzione negativa per essere l'unico club a non avere mai avuto un giocatore arabo. La minoranza araba di Israele costituisce circa il 20% della popolazione, giocatori arabi giocano nelle squadre rivali e anche nella squadra nazionale di Israele. I dirigenti del Beitar non hanno mai negato di avere le mani legate da una base irriducibile di fan di estrema destra che esercitano un'influenza significativa sulle decisioni del club. Come i militanti razzisti di Lehava, un gruppo di suprematisti ebrei che si oppone alla presenza di arabi e cristiani in Israele. C'Ŕ poi un altro gruppo di tifosi, La Familia, con legami anche nella malavita locale, noto per cantare "morte agli arabi" verso i giocatori arabi avversari.

Per inviare la propria opinione al Fatto Quotidiano, telefonare: 06/ 328181, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfattoquotidiano.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT