martedi` 17 maggio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I musulmani sono infelici nei paesi in cui vivono, in uno solo sono felici, quale? (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Fatto Quotidiano Rassegna Stampa
15.03.2021 Pericolo Iran, ecco chi lo sottovaluta
Fabio Scuto riporta con enfasi la notizia

Testata: Il Fatto Quotidiano
Data: 15 marzo 2021
Pagina: 19
Autore: Fabio Scuto
Titolo: «Minaccia Iran, ex capi Mossad per il dialogo»
Riprendiamo dal FATTO Quotidiano di oggi, 15/03/2021, a pag.19 con il titolo "Minaccia Iran, ex capi Mossad per il dialogo", l'articolo di Fabio Scuto.

Pur di costruire un articolo di critica a Israele e a Benjamin Netanyahu, Fabio Scuto dilata le dichiarazioni di due ex capi del Mossad riportate dalla stampa israeliana fino a farne un articolo. La tesi è che l'Iran per Israele non sia un serio pericolo e che occorra a tutti i costi trovare un dialogo con gli ayatollah di Teheran. Purtroppo per Scuto e per il quotidiano fondato da Marco Travaglio, lo Stato ebraico non ha alcuna intenzione di suicidarsi, continuerà perciò a vigilare bene sulle azioni aggressive della dittatura sciita.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata

Fabio Scuto

Iran's Nuclear Capabilities Fast Facts - CNN

Non capita di frequente che due "Gatekeepers" d'Israele, due guardiani della sicurezza come Tamir Pardo e Efraym Halevy - entrambi hanno diretto il Mossad - escano allo scoperto per dire chiaramente che con l'Iran degli ayatollah bisogna parlare o trovare un "modus vivendi': Una smentita secca della politica del premier Benjamin Netanyahu, convinto che solo una soluzione militare contro Teheran possa tenere al sicuro lo Stato ebraico. "Sull'Iran, le politiche del governo mancano di un approccio unificato alle sfide future" - ha scritto Pardo sul quotidiano Yedioth Aaronoth - "Israele ha affrontato il trinceramento iraniano lungo la sua frontiera settentrionale (Siria, ndr) isolandosi dalle altre questioni relative alle politiche della Repubblica islamica. Ciò significa che la frontiera settentrionale è vista separatamente dalla minaccia predominante della corsa dell'Iran per ottenere armi nucleari e i mezzi per consegnarle".

The Coming Iran Nuclear Talks: Openings and Obstacles | The Washington  Institute

Israele, scrive Pardo, ignora anche i vantaggi che potrebbero essere ottenuti dagli sforzi degli Stati Uniti e dei loro alleati per contrastare i piani dell'Iran, così come le politiche nei confronti dei palestinesi improntate a un maggior dialogo sarebbero parte di una strategia di più ampio respiro. "È tempo che Israele metta fine alle sue politiche reattive", conclude Pardo, "e formi un'ampia strategia basata su tutti gli interessi e le preoccupazioni che il paese sta affrontando". Intervistato alla tv anche l'ex Consigliere per la sicurezza nazionale ed ex capo del Mossad Efraim Halevy, che afferma che Israele dovrebbe rivisitare la sua strategia sull'accordo nucleare iraniano. "Sarebbe un errore mantenere la politica adottata da Israele quando il presidente Trump è stato eletto, convincendolo a lasciare l'accordo sul nucleare", ha spiegato Halevy, "e una volta che si lascia un accordo non c'è più una leva da usare sull'altra parte". Halevy crede che alla fine il modo migliore per servire gli interessi di Israele dovrebbe essere l'apertura di un dialogo con l'Iran. Dagli incontri segreti che ha avuto con gli iraniani negli ultimi dieci anni, racconta nell'intervista, ha colto il desiderio di molti iraniani di avere un dialogo, ma perché ciò avvenga, le due parti devono rispettarsi a vicenda.

Per inviare la propria opinione al Fatto Quotidiano, telefonare: 06/ 328181, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfattoquotidiano.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT