giovedi` 23 settembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cos'è Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Fatto Quotidiano Rassegna Stampa
15.02.2021 Da Israele arriva la bistecca in 3D
Commento di Fabio Scuto

Testata: Il Fatto Quotidiano
Data: 15 febbraio 2021
Pagina: 15
Autore: Fabio Scuto
Titolo: «Stop allevamenti, si punta sulla bistecca in 3D»
Riprendiamo dal FATTO Quotidiano di oggi, 15/02/2021, a pag.15 con il titolo "Stop allevamenti, si punta sulla bistecca in 3D", l'articolo di Fabio Scuto.

Immagine correlata

Fabio Scuto

Risultato immagini per Aleph Farms steak
Una bistecca in 3D di Aleph Farms

Una bistecca di manzo prodotta con cellule di carne coltivate in laboratorio dalla start-up israeliana Aleph Farms è pronta per arrivare sulle tavole, il "prototipo" è stato presentato la scorsa settimana. Il bioprinting tridimensionale - realizzato dalla Aleph Farms, in team con il Technion Institute of Technology di Tel Aviv - ha prodotto una bistecca con "gli attributi di una deliziosa e succosa costata che compreresti dal macellaio" secondo i suoi realizzatori. L'azienda-secondo i programmi che ha reso pubblici - è in grado di coltivare "deliziose bistecche di manzo" da cellule non geneticamente modificate che sono state isolate da una mucca, il metodo utilizza molte meno risorse di quelle necessarie per allevare un intero ani male per la macellazione e senza la necessità di antibiotici.

Risultato immagini per Aleph Farms

Si supererebbero così anche i danni all'ambiente derivanti dall'allevamento intensivo e questo potrebbe essere un aspetto che troverebbe il consenso di ecologisti e detrattori di quel tipo di attività commerciale L'obiettivo di Didier Toubia, co-fondatore e amministratore delegato di Aleph Farms, è"realizzare la nostra visione di un mondo più sostenibile, equo e sicuro ma senza derogare dal gusto e dal sapore". La tecnologia di bioprinting utilizza "elementi costitutivi naturali della carne" sviluppati da vere cellule di mucca, spiegano dalla Aleph, il processo non implica ingegneria genetica né la coltivazione delle cellule utilizza sieri derivati da animali macellati. Le cellule vengono prelevate da due donatrici e poi cresciute in incubatrici. Le bistecche 3D saranno disponibili in alcuni ristoranti fin dal prossimo anno - almeno questa è l'intenzione dell'azienda - , anche se si stimano in due-tre anni i tempi per il commercio al minuto. La Aleph Farms ha già un accordo con il gruppo dell'industria alimentare Mitsubishi Corporation per portare la carne coltivata sulle tavole giapponesi. Fra i partner c'è anche Migros, gruppo industriale svizzero e la società alimentare Usa Cargill, che hanno investito nella startup israeliana.

Per inviare la propria opinione al Fatto Quotidiano, telefonare: 06/ 328181, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfattoquotidiano.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT