lunedi` 16 maggio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I musulmani sono infelici nei paesi in cui vivono, in uno solo sono felici, quale? (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Rassegna Stampa
13.10.2012 Premio Nobel per la Pace all'Europa: 'Insopportabile 'Politically Correct'
Commento di Fiamma Nirenstein

Testata:
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Insopportabile 'Politically Correct'»

I giornali traboccano oggi, 13/10/2012, di esultanze per l'attribuzione del Premio Nobel per la Pace all'Europa. Pochissime la voci discordi. Lo è quella di Fiamma Nirenstein sul GIORNALE, con un commento a pag.13, dal titolo
" Insopportabile 'Politically Correct'.

Fiamma Nirenstein

Ma come mai i signori del premio Nobel sono così incartati nei loro smoking da non avvertire il freddo né il vento di tempesta? Capisco che vogliano dare all'Europa una pacca di incoraggiamento sugli stracci, ma che cosa gli è venuto in mente di assegnarle il Nobel per la pace? Quali sognanti fantasie norvegesi li dominano, quali autorizzano in loro un insopportabile politically correct che non può che danneggiarci? Per risolvere i guai, non biosgna seppellirli nella melassa.

La Spagna è al 50 per cento di disoccupazione giovanile e in buona compagnia, la Grecia è appena stata teatro di manifestazioni contro la Merkel con sventolio di croci uncinate, l'antisemitismo risorge tanto da costringere gli ebrei svedesi e francesi alla fuga, l'impatto con le comunità radicalizzate degli immigrati islamici ci trova impreparati.

Serbi,Kosovari, Croati, Azeri, Armeni, Curdi, Turchi, Ciprioti,Osseti, Ceceni, Albanesi, Macedoni...

chiedete a loro e agli altri protagonisti dei conflitti come va la vita. I conflitti risarciti, li vedi in trasparenza sotto una pelle sottile appena risarcita spesso con un little help from my friends, gli americani. Chiedete agli abitanti delle metropoli, ai sindacati, ai governi ormai in conflitto economico l'uno con l'altro, se questa è un'Europa nel segno della pace. Laddove si impegna in mediazioni riesce a peggiorare le cose, per esempio in Medio Oriente, dove il tocco europeo, anti israeliano, ripete il suo fallimento. Dove aiuta i nuovi governi delle rivoluzioni arabe, lo fa preoccupata di non scontentare, non riesce a trattare termini che garantiscano regimi moderati, ma lascia che la Fratellanza Musulmana si erga su tutto senza metterla in discussione.

Il Premio Nobel ne ha già fatte di tutti i colori, basta pensare che è finito in mano a Yasser Arafat, inventore del terrorismo di massa; che ha deificato Mohammed El Baradei che, quando era capo dell'Aiea, ha minimizzato fino ad azzerarlo il pericolo atomico iraniano; che ha bizzarramente premiato Obama perchè non era George Bush; e Jimmy Carter, quando c'era tanto da criticare... C'è ancora una lunga fila.

Tutti insieme ci raccontano la favola bella di una classe dirigente troppo buona per essere vera, e che con le sue fantasie evita i problemi veri. Quelli di un'Europa che tutti sognamo, unita, in pace, ma davvero, non per finta come oggi.

Per inviare il proprio commento al Giornale, cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT