mercoledi` 24 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






israele.net Rassegna Stampa
01.06.2024 I volonterosi alleati di Hamas in Occidente
Commento di Nadav Shagai

Testata: israele.net
Data: 01 giugno 2024
Pagina: 1
Autore: Nadav Shagai
Titolo: «I volonterosi alleati di Hamas in Occidente»

Riprendiamo dal sito www.israele.net - diretto da Marco Paganoni - un articolo di Nadav Shagai da Israel HaYom, dal titolo "I volonterosi alleati di Hamas in Occidente".

Nadav Shagai
La Corte dell'Aja ordina lo stop delle operazioni militari di Israele contro Hamas. Se fosse successa la stessa cosa nel 1945? Se un tribunale internazionale (che allora per fortuna non esisteva) avesse ordinato lo stop delle operazioni degli Alleati contro la Germania, nella fase finale del conflitto, cosa sarebbe successo? I nazisti sarebbero rimasti al potere. E cosa accadrebbe adesso? Che i nuovi nazisti di Hamas rimarranno al potere.

Si immagini uno scenario in cui la Corte dell’Aia (che allora non esisteva) o qualche altro tribunale internazionale avesse ordinato a Winston Churchill di fermare, completamente o in parte, lo sforzo bellico contro la Germania. Se fosse accaduta una cosa così impensabile, e gli Alleati avessero dovuto sospendere i combattimenti, ciò avrebbe aiutato i nazisti, ovviamente avrebbe ritardato la loro resa e avrebbe permesso loro di continuare con i loro crimini e lo sterminio del popolo ebraico.

Il parallelo storico con il 1945 viene subito in mente perché oggi la Corte dell’Aia sta aiutando Hamas – i nazisti del nostro tempo, che hanno ripetutamente promesso di distruggere Israele e sterminare il suo popolo – a persistere senza arrendersi.

Hamas si rifiuta di arrendersi e di rilasciare gli ostaggi. La Corte dell’Aia sta dunque aiutando una delle organizzazioni terroristiche più odiose del mondo a mantenere il proprio potere e persistere con le sua malvagità continuando a perpetrare crimini di guerra e crimini contro l’umanità.

Sul piano sia morale che pratico, Israele deve rifiutarsi di sottostare alla sentenza della Corte Internazionale di Giustizia.

Nessun altro esercito al mondo si comporta come le Forze di Difesa israeliane a Gaza. I giudici dell’Aia che cercano di bloccarle a Rafah (e questo è solo l’inizio) lo sanno benissimo. Ma la loro sentenza arrogante e ipocrita non è legale: è politica, faziosa e alimentata da ostilità di preconcetta verso Israele, dunque antisemita.

E’ anche macchiata da un evidente doppio standard, dal momento che vengono ignorate guerre ed eserciti contemporanei che hanno ucciso decine di migliaia di non-combattenti, mentre si prende di mira in modo aggressivo Israele, il paese che passa cibo acqua e carburante ai suoi nemici nel pieno dei combattimenti, fornendo anche aree protette per i “non implicati”.

Negli annali della storia, la sentenza della Corte dell’Aia sarà ricordata come un record di bassezza. Gli storici analizzeranno come questo organismo giudiziario abbia potuto  deteriorarsi fino a questo punto, mentre il prevedibile rifiuto di Israele di sottomettersi alla sentenza apparirà, col senno di poi, come uno spiraglio di luce nell’oscurità più profonda.

(Da: Israel HaYom, 30.5.24)

 

Per inviare a israele.net la propria opinione, cliccare sull'indirizzo sottostante


http://www.israele.net/scrivi-alla-redazione.htm

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT