venerdi 12 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






israele.net Rassegna Stampa
03.04.2024 Guai a ignorare altri 7 ottobre in preparazione
Analisi di Ariel Kahana

Testata: israele.net
Data: 03 aprile 2024
Pagina: 1
Autore: Ariel Kahana
Titolo: «Guai a ignorare altri 7 ottobre in preparazione»

Riprendiamo dal sito www.israele.net - diretto da Marco Paganoni - un articolo di Ariel Kahana, tradotto da Israel HaYom dal titolo "Israele propone di sostituire l’Unrwa con altre agenzie internazionali"

Ariel Kahana
L'attacco ai posti di frontiera a gaza del 7 ottobre. È accaduto nel 2023, ma può succedere ancora, considerando che Haniyeh, il leader di Hamas, si è incontrato più volte con i vertici iraniani per parlare di azioni future, altrettanto letali.

Uno dei gravi difetti che abbiamo noi ebrei è la tendenza a concentrarci sulle controversie interne, mentre fuori infuria una tempesta mortale. E’ accaduto nell’anno 2023. Potrebbe benissimo accadere di nuovo anche in questi giorni.

Dalla metà della scorsa settimana, uno dei capi degli assassini di Hamas, Ismail Haniyeh, ha preso parte a una serie di incontri a Teheran. È stato ricevuto, letteralmente su un tappeto rosso, al Ministero degli esteri e ha incontrato i funzionari di più alto rango, a cominciare dalla Guida Suprema Ali Khamenei, uno da cui non tutti riescono a farsi ricevere.

Haniyeh ha incontrato anche il presidente iraniano Ebrahim Raisi, il capo di stato maggiore dell’esercito e altre personalità. Opportunamente, agli incontri ha partecipato anche il capo della Jihad Islamica Palestinese Ziyad al-Nakhalah.

In una dichiarazione pubblica durante la visita, Haniyeh ha espresso immensa soddisfazione per il fatto che Israele sia stato “abbandonato” dagli Stati Uniti al Consiglio di Sicurezza. Ha affermato che il “nemico sionista” è precipitato nell’isolamento diplomatico, aggiungendo che la guerra di Israele è in stallo.

Il suo impudente gongolare trasmetteva un messaggio molto diverso dalle interviste in preda al panico rilasciate da Haniyeh e dei suoi compari assassini all’inizio della guerra. Questa volta appariva pienamente soddisfatto e compiaciuto.

Alla luce di questi dati di fatto ben noti, possiamo supporre che i due gangster a capo delle organizzazioni jihadiste terroristiche non siano andati in Iran solo per mangiare baklava. Verosimilmente, una tale serie di incontri con i più alti funzionari nell’arco di quattro giorni indica che i capi dell’asse del male stanno cercando una seconda opportunità per ottenere ciò che non hanno ottenuto la prima volta. E cioè, sferrare un secondo colpo combinato contro Israele su più fronti, un colpo che, Dio non voglia, non ci permetterebbe di rimetterci in piedi.

Cosa stiano architettando esattamente è difficile da sapere. Forse le agenzie di intelligence lo sanno, o forse no. Ciò che è certo è che il popolo israeliano e i suoi leader devono prenderli in parola quando affermano che non hanno affatto abbandonato il progetto di distruggere Israele e che non si lasceranno scappare quella che considerano un’altra opportunità per realizzarlo.

Il 7 ottobre i loro piani non sono andati come volevano. I partecipanti al rave vicino al confine sono stati gli eroi inconsapevoli che hanno bloccato con i loro corpi l’avanzata dei mostri di Hamas, impedendo che il massiccio attacco entrasse in profondità dentro Israele (con l’ambizione di raggiungere grandi città o di congiungersi con altre forze che contavano si sollevassero nella vicina Cisgiordania, spezzando in due Israele ndr). Questo oggi è ormai chiaro. D’altra parte Hezbollah, l’Iran e le milizie filo-iraniane non erano pronti e sono stati presi alla sprovvista dalla tempistica segreta stabilita da Sinwar: disorientati, non si sono subito uniti alla campagna aspettando di vedere come si sviluppava. Per noi israeliani è stato un miracolo.

Ma i miracoli non sono una strategia. Se distogliamo nuovamente lo sguardo dal vero nemico esterno che sta ancora tramando, allora ciò che non è accaduto il 7 ottobre a Simchat Torah potrebbe accadere alla Pasqua ebraica, nel Giorno dell’Indipendenza o in qualsiasi altro giorno. Nessuno ci ha promesso che il peggio è alle spalle. Al contrario, abbiamo imparato che il nemico è molto più sofisticato e più forte di quanto pensassimo.

Purtroppo, al momento è impossibile dire che Hamas si è sgretolata sotto la pressione militare. Ed anzi, attualmente la guerra sembra in qualche modo ristagnare da parte israeliana. A ciò si aggiunge il messaggio di un ritorno alla routine, proiettato dalla leadership israeliana che appare incessantemente occupata in mediocri giochi politici e lotte intestine personali.

I malvagi che tramano la distruzione dello stato ebraico vedono e sentono queste voci e senza dubbio ne traggono incoraggiamento, mentre pianificano la fase successiva. Abbiamo imparato a nostre spese che le loro micidiali aspirazioni non sono pensate solo per i comizi in piazza, ma per il mondo reale.

Pertanto quello che devono fare il primo ministro, il ministro della difesa, il capo di stato maggiore, il gabinetto di guerra e tutti gli altri decisori israeliani è assicurarsi che questa volta siamo pienamente preparati, ed esaminare ogni angolazione da dove il nemico potrebbe sorprenderci in modo che il 7 ottobre non abbia a diventare il precursore di altro a venire.

(Da: Israel HaYom, 1.4.24)

 

Per inviare a israele.net la propria opinione, cliccare sull'indirizzo sottostante


http://www.israele.net/scrivi-alla-redazione.htm

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT