domenica 14 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






israele.net Rassegna Stampa
12.02.2024 Netanyahu risponde a Biden
Articolo del Times of Israel e Jerusalem Post

Testata: israele.net
Data: 12 febbraio 2024
Pagina: 1
Autore: Times of Israel e Jerusalem Post
Titolo: «Netanyahu: La reazione degli Stati Uniti a un attacco come quello del 7 ottobre sarebbe stata forte almeno quanto quella di Israele»

Riprendiamo dal sito www.israele.net - diretto da Marco Paganoni - un estratto di due articoli tradotti da Times of Israel e Jerusalem Post del 11/02/2024 dal titolo: "Netanyahu: La reazione degli Stati Uniti a un attacco come quello del 7 ottobre sarebbe stata forte almeno quanto quella di Israele”.

WATCH: Netanyahu To ABC News: “Those Who Say Not To Enter Rafah Want Us To  Lose The War” – The Yeshiva World
Netanyahu risponde a Biden: "noi stiamo procedendo come nessun altro esercito al mondo ha mai fatto, adottando molte precauzioni per prevenire vittime civili”
Netanyahu Meets With Families of Israeli Hostages - The New York Times
Il primo ministro israeliano ha ribadito la sua ferma intenzione di riportare tutti gli ostaggi di Hamas a casa

Intervistato da Fox News, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha risposto a una domanda circa il severo commento del presidente degli Stati Uniti Joe Biden che di recente ha definito “esagerata” la controffensiva israeliana contro Hamas nella striscia di Gaza. “Guardi – ha detto Netanyahu – Noi siamo stati attaccati con il peggiore attacco contro il popolo ebraico dai tempi della Shoà. Il massacro del 7 ottobre equivale (in proporzione) a 29 volte l’11 settembre, a 50.000 americani massacrati, bruciati, mutilati, stuprati, decapitati in un solo giorno e altri 10.000 presi in ostaggio, comprese madri e bambini. Quale sarebbe stata la reazione dell’America? Direi che sarebbe stata forte almeno quanto quella di Israele, e molti americani mi dicono: li avremmo rasi al suolo, li avremmo polverizzati”. Al contrario, ha continuato Netanyahu, “noi stiamo procedendo come nessun altro esercito al mondo ha mai fatto, adottando molte precauzioni per prevenire vittime civili”. Ricordando le telefonate e i volantini distribuiti ai civili e la creazione di corridoi e zone sicure, Netanyahu ha detto: “Israele ha reagito in modo responsabile, ma anche determinato, con la ferrea determinazione di cancellare il gruppo terrorista Hamas dalla faccia della terra, ed è ciò che faremo. Hamas si è impegnata a compiere ancora altri massacri più e più volte. Dobbiamo portare a termine il lavoro. La vittoria è a portata di mano. Tre quarti dei battaglioni di Hamas sono stati distrutti, 18 su 24: non lasceremo gli altri sei. Sarebbe come lasciare un quarto dell’Isis in Iraq e dire: beh, possono tenersi il loro territorio, è okay. Ovvio che l’Isis si ristabilirebbe. Anche Hamas-Isis si ristabilirà, se non distruggiamo il suo ultimo bastione rimasto” a Rafah. Netanyahu si è detto d’accordo con gli Stati Uniti sulla necessità di un piano per “sgomberare la popolazione civile” nella città più meridionale della striscia di Gaza. E ha aggiunto: “Distruggere Hamas ci dà speranza per il Medio Oriente, speranza per la pace”. Netanyahu ha inoltre ribadito che lo sradicamento di Hamas e il ritorno a casa dei rimanenti ostaggi “sono obiettivi reciprocamente compatibili” e che la chiave sta in “uno sforzo militare sostenuto”. Diversi osservatori hanno ricordato in questi giorni che Hamas ha tenuto ostaggi per anni, in mancanza di una reazione militare forte, e che solo la forte reazione militare israeliana ha spinto Hamas a un primo rilascio di ostaggi alla fine dello scorso novembre. In una successiva intervista alla ABC andata in onda domenica, alla domanda su quanti degli ostaggi siano ancora vivi, Netanyahu ha risposto: “Abbastanza da giustificare gli sforzi che stiamo facendo”. Ed ha aggiunto: “Faremo del nostro meglio per riavere tutti coloro che sono vivi e, francamente, anche i corpi di quelli morti”. (Da: Times of Israel, Jerusalem Post, 11.2.24)

Per inviare a israele.net la propria opinione, cliccare sull'indirizzo sottostante


http://www.israele.net/scrivi-alla-redazione.htm

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT