domenica 03 marzo 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






israele.net Rassegna Stampa
02.12.2023 Ancora ‘ebreo discolpati’
Commento di Miriam Feiler

Testata: israele.net
Data: 02 dicembre 2023
Pagina: 1
Autore: Miriam Feiler
Titolo: «Ancora ‘ebreo discolpati’»
Riprendiamo dal sito www.israele.net - diretto da Marco Paganoni - un articolo tradotto dal TIMES OF ISRAEL del 02.12.23, dal titolo "Ancora una volta, “ebreo discolpati”".

Miriam Feiler

Nikki Haley on Instagram:

Ciò che Israele e le comunità ebraiche di tutto il mondo stanno sperimentando, a partire dal massacro del 7 ottobre, è un mondo alla rovescia, un’atmosfera in cui siamo costretti a dimostrare il nostro diritto di esistere, sia nella nostra patria ancestrale in Terra d’Israele sia come ebrei che vivono nella diaspora. E’ dilagata per il mondo una narrazione piena di menzogne e di odio con l’obiettivo di cancellare ciò che siamo, per cosa ci battiamo, a cosa apparteniamo. Questa narrazione da universo parallelo, che oggi si è diffusa a macchia d’olio, è stata forgiata nel corso di decenni in modo subdolo e martellante da persone che vogliono semplicemente che gli ebrei scompaiano: da Israele e da ogni altra parte. A quanto pare, nel mondo alla rovescia viene più facile odiare che amare. In un mondo che non fosse capovolto, i popoli e i loro governi sarebbero rimasti profondamente scossi e ammutoliti dalla furia terrorista scatenata da Hamas il 7 ottobre, e avrebbero immediatamente condannato Hamas e i suoi complici in modo forte, netto e inequivocabile. Il mondo avrebbe affermato con chiarezza che spetta ai responsabili dello spietato attacco del 7 ottobre (Hamas & co.) dimostrare che non sfruttano ospedali, scuole e abitazioni per le loro attività terroriste. Sarebbe stato inconcepibile pretendere che le vittime dell’attacco (gli israeliani) si mettessero ulteriormente in pericolo per fornire le prove di quegli abusi. Manifestazione anti-Israele. Sul cartello: “Tieni il mondo pulito”, getta lo stato ebraico nella spazzatura Le organizzazioni umanitarie avrebbero fatto tutto ciò che era in loro potere per localizzare rapidamente e assistere gli ostaggi israeliani deportati da Hamas a Gaza. Le organizzazioni femminili avrebbero espresso profondo orrore, ripugnanza e compassione per le centinaia di donne e ragazze brutalizzate il 7 ottobre. In un mondo non capovolto, tutti i finanziamenti (diretti e indiretti) alle organizzazioni terroristiche sostenute dall’Iran, come Hamas e Jihad Islamica, sarebbero stati immediatamente congelati. I capi di Hamas che vivono all’estero da milionari sarebbero stati arrestati. In un mondo non capovolto, personalità e mass-media avrebbero espresso unanimemente shock e simpatia per gli israeliani uccisi, mutilati, sequestrati e deportati e si sarebbero fatti portavoce del messaggio che il terrorismo non deve trovare spazio né indulgenza in nessuna società. Nelle principali città del mondo, centinaia di migliaia di persone sarebbero scese in piazza in modo unitario per esigere il rilascio degli ostaggi innocenti e la liberazione della Palestina da Hamas e dai suoi boss. I campus universitari sarebbero stati luoghi in cui gli ebrei avrebbero potuto continuare a studiare e insegnare in serena sicurezza. In un mondo non capovolto, la attivista filo-palestinese Gigi Hadid avrebbe utilizzato la sua piattaforma da 79 milioni di follower per denunciare la condizione dei palestinesi sotto i capi psicopatici e guerrafondai di Hamas a Gaza e la dirigenza dispotica e corrotta dell’Autorità Palestinese in Cisgiordania, e per esprimere la necessità che vengano soppiantati da una leadership moderata e pragmatica che cerchi davvero di costruire uno stato palestinese vitale e pacifico accanto al suo vicino, Israele. Ma evidentemente, al momento viviamo in un mondo alla rovescia. È tempo che tutti decidano se vogliono vivere in un mondo capovolto in cui viene più facile odiare che amare. (Da: Times of Israel, 29.11.23)

Per inviare a israele.net la propria opinione, cliccare sull'indirizzo sottosstante

http://www.israele.net/scrivi-alla-redazione.htm

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT