domenica 03 marzo 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






israele.net Rassegna Stampa
01.12.2023 “Gay per la Palestina”: da ridere se non fosse tragico
Commento di Ayaan Hirsi Ali

Testata: israele.net
Data: 01 dicembre 2023
Pagina: 1
Autore: Ayaan Hirsi Ali
Titolo: «“Gay per la Palestina”: da ridere se non fosse tragico»

Riprendiamo da ISRAELE.NET


Ayaan Hirsi Ali

Rishi Bagree on X:

In una recente intervista esclusiva con UnHerd, un sito web per il quale è editorialista, la celebre scrittrice e attivista ex musulmana Ayaan Hirsi Ali ha severamente criticato il movimento pro-palestinese “Queers for Palestine”. Dopo aver affrontato un’ampia gamma di argomenti come la guerra Israele-Hamas, i manifestanti filo-palestinesi, l’antisemitismo, il liberalismo, l’immigrazione, i valori occidentali, Ayaan Hirsi Ali ha risposta alla domanda di una persona del pubblico che le ha chiesto cosa pensasse dei manifestanti pro-palestinesi che usano slogan come “omosessuali per la Palestina”. “Beh, sarebbe divertente – ha risposto Ali – Sarebbe solo materiale per una comica se non fosse così… L’esperienza dell’ISIS non è di tanto tempo fa. La Repubblica Islamica dell’Iran esiste, Hamas governava realmente Gaza. E cosa facevano agli omosessuali? Non credo che arrivino a indicarli con l’acronimo LGBTQ, non sono così sofisticati. Ma li gettano giù dagli edifici alti. Se sei una famiglia musulmana e all’interno della tua famiglia c’è qualcuno sospettato di essere gay, è obbligo della famiglia commettere delitto d’onore. Quindi non si arriva nemmeno al governo, ai tribunali e ai processi. E quando succede, lo si fa pubblicamente e nel modo più raccapricciante. Quindi Queers for Palestine penso sia un’altra manifestazione di come la nostra società stia davvero diventando stupida”.

http://www.israele.net/scrivi-alla-redazione.htm

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT