giovedi` 23 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Un piccolo ripasso di storia di Gaza con Naftali Bennett 22/05/2024

Un piccolo ripasso di storia di Gaza con Naftali Bennett
Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello

Ecco il video:
http://www.informazionecorretta.com/video/naftalibennet.mp4


Naftalì Bennett



Clicca qui






israele.net Rassegna Stampa
20.11.2023 L’Autorità Palestinese dice che è stato Israele a compiere il massacro di giovani il 7 ottobre al festival musicale
Da Israele.net

Testata: israele.net
Data: 20 novembre 2023
Pagina: 1
Autore: la redazione di Israele.net
Titolo: «L’Autorità Palestinese dice che è stato Israele a compiere il massacro di giovani il 7 ottobre al festival musicale»
L’Autorità Palestinese dice che è stato Israele a compiere il massacro di giovani il 7 ottobre al festival musicale
Da Israele.net

L'Autorità Palestinese premierà i carnefici del 7 ottobre con quasi 3  milioni di dollari - Israele.net - Israele.net

L’Autorità Palestinese ha diffuso un documento in cui sostiene falsamente che un’indagine preliminare della polizia israeliana avrebbe rivelato che Israele ha “fabbricato” materiale mediatico per giustificare il suo attacco a Gaza. In una dichiarazione del suo Ministero degli esteri, l’Autorità Palestinese sostiene che elicotteri israeliani hanno bombardato i civili israeliani il 7 ottobre durante il festival musicale Supernova. La dichiarazione mette in dubbio tutti i resoconti israeliani delle atrocità di quel giorno e il materiale visivo che le documenta, e invita i media, i funzionari delle Nazioni Unite e i governi nazionali a dubitare di ciò che pubblicano i media ebraici. L’affermazione secondo cui un elicottero militare arrivato sul luogo del festival vicino a Re’im potrebbe aver colpito per sbaglio alcuni civili israeliani è comparsa sabato su Ha’aretz, che citava una fonte anonima della polizia israeliana. La notizia è stata smentita dalla polizia che ha detto di non aver mai fornito “alcuna indicazione su danni ai civili dovuti ad attività aerea militare”. E’ accertato che il primo elicottero israeliano raggiunse l’area solo alle 11.12, ore dopo l’inizio del massacro. “Invitiamo espressamente i media ad assumersi la responsabilità delle notizie che danno e a fare affidamento solo su fonti ufficiali”, aggiunge la nota della polizia. Tuttavia alcune frasi dell’articolo di Ha’aretz sono state immediatamente citate fuori contesto da stampa e social network arabi per sostenere, senza alcuna prova né fondamento, che Israele il 7 ottobre avrebbe causato la morte di centinaia di civili israeliani. Durissima la reazione del primo ministro israeliano Benjamin netanyahu. “Oggi – ha dichiarato domenica in un video in ebraico e in inglese – l’Autorità Palestinese ha detto qualcosa di assolutamente assurdo. Ha negato che sia stata Hamas a compiere l’orrendo massacro al festival vicino a Gaza. In effetti, ha accusato Israele d’aver compiuto quel massacro: un completo ribaltamento della verità. Il presidente dell’Autorità Palestinese Abu Mazen, che in passato ha negato l’esistenza della Shoà, oggi nega l’esistenza del massacro di Hamas e questo è inaccettabile. Il giorno dopo la distruzione di Hamas – ha concluso Netanyahu – qualsiasi futura amministrazione civile a Gaza non negherà il massacro, non educherà i suoi figli a diventare terroristi, non pagherà i terroristi e non dirà ai suoi figli che il loro obiettivo finale nella vita è annientare lo stato di Israele: non sarebbe accettabile e non è questo il modo per arrivare alla pace”. Il leader dell’opposizione Yair Lapid ha detto che “si unisce alla dura condanna del primo ministro Netanyahu nei confronti della ripugnante e falsa dichiarazione del ministero degli esteri palestinese. Chiunque neghi il massacro si rende complice del più terribile crimine contro il popolo ebraico dai tempi della Shoà”. 
(Da: Times of Israel, YnetNews, 19.11.23)

http://www.israele.net/scrivi-alla-redazione.htm

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT