venerdi 29 settembre 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Maresha e Bet Guvrin: l'archeologia in Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






israele.net Rassegna Stampa
12.05.2023 La lotta al terrorismo, le vittime innocenti e quello che i mass-media non vogliono vedere
Analisi di Naveh Dromi, da Israele.net

Testata: israele.net
Data: 12 maggio 2023
Pagina: 1
Autore: Naveh Dromi
Titolo: «La lotta al terrorismo, le vittime innocenti e quello che i mass-media non vogliono vedere»
La lotta al terrorismo, le vittime innocenti e quello che i mass-media non vogliono vedere
Analisi di Naveh Dromi, da Israele.net

Naveh Dromi - Wikidata
Naveh Dromi

The War on Truth: How Israel's Social Media Trolls Conquered Facebook -  Palestine Chronicle

A quanto pare non esiste una singola operazione militare israeliana che possa passare senza essere sommersa da indignazione e condanne internazionali, e l’operazione anti-terrorismo Scudo e Freccia non fa differenza. Nonostante gli oltre 100 razzi lanciati contro Israele la scorsa settimana e ben tre coppie di fratelli assassinati a sangue freddo dai terroristi nell’ultimo mese e mezzo, i titoli dei mass-media dimenticano spesso e volentieri questi fatti, e il fatto che tutti questi spargimenti di sangue fanno parte chiaramente dell’accerchiamento terroristico alimentato dall’Iran e che incombe su Israele. Sebbene il giornalismo richieda di presentare fatti e rispecchiare la realtà, evidentemente per molti mass-media quando si tratta di Israele professionalità e obiettività vanno a farsi benedire. Invece di andare a vedere e documentare, issano la bandiera dell’Olp e si trasformano in fedeli portavoce dei portavoce palestinesi. Da decenni Israele deve combattere pregiudizi e ipocrisia, cercando di spiegare la realtà del conflitto con i palestinesi. Forse è ora di farlo mettendo da parte ogni remora e sottolineare chiaramente che, mentre i nostri nemici festeggiano regolarmente per le strade ogni bambino israeliano assassinato, noi piangiamo ogni bambino innocente ucciso a Gaza la cui unica colpa era quella di convivere con un padre terrorista assassino. Un padre direttamente responsabile dell’omicidio di Tali Hatuel, incinta di otto mesi, insieme alle sue quattro figlie Hila, Hadar, Roni e Merav: trucidate a bruciapelo nella loro auto da terroristi palestinesi che le guardavano negli occhi. Dubito che qualche mass-media straniero abbia avuto l’audacia di mostrare l’immagine di Tali Hatuel e delle sue splendide bambine, che non avevano mai fatto del male a nessuno. Noi ve la mostriamo qui. Sì, come chiunque altro anche noi ci preoccupiamo innanzitutto dei nostri figli. Ma con questa significativa differenza: quei padri dei bambini morti a Gaza erano determinati a uccidere quanti più bambini israeliani possibile. Al contrario, Israele adotta ogni misure possibile per evitare vittime incolpevoli e da decenni rinuncia a una vittoria militare decisiva per evitare di colpire innocenti. Sono fatti evidenti e sotto gli occhi di tutti, ma a quanto pare molti mass-media hanno perso la bussola e sembrano dimenticare il loro compito, e che anche in tempo di guerra vanno riportati i fatti: perfino quando non sono in linea con il pregiudizio favorevole ai palestinesi. Dovrebbero sapere che è perfettamente possibile manifestare compassione per i bambini palestinesi innocenti e allo stesso tempo tralasciare il disprezzo per Israele e rispettare la professione, i lettori e la realtà dei fatti. Un po’ di verità non farebbe male. Il terrorismo palestinese, invece, fa del male eccome.
 (Da: YnetNews, 10.5.23)

http://www.israele.net/scrivi-alla-redazione.htm

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT