venerdi 14 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






ANSA Rassegna Stampa
29.09.2023 Israele: nuovo braccio di ferro Corte Suprema-governo Netanyahu
I giudici esaminano la legge sulla rimozione di premier 'incapacitato'

Testata: ANSA
Data: 29 settembre 2023
Pagina: 1
Autore: Ansa
Titolo: «Israele: nuovo braccio di ferro Corte Suprema-governo Netanyahu»
Riprendiamo oggi, 29/09/2023, da ANSA la notizia "Israele: nuovo braccio di ferro Corte Suprema-governo Netanyahu".

A destra: la Corte Suprema

(ANSAmed) - TEL AVIV, 28 SET - In un nuovo sviluppo del confronto in corso da mesi fra il governo israeliano e il potere giudiziario, 11 giudici della Corte Suprema sono impegnati oggi a esaminare i ricorsi contro un emendamento a una legge fondamentale che riguarda le modalità con cui sarebbe possibile dichiarare "incapacitato" un primo ministro. L'emendamento - approvato a marzo alla Knesset - rileva che in passato c'era in merito una lacuna e stabilisce che una eventuale dichiarazione di "incapacità" potrebbe essere collegata soltanto a ragioni gravi di salute. Anche allora la rimozione di un premier in carica necessiterebbe l'assenso di tre quarti dei ministri e di due terzi dei deputati. Ma nei ricorsi presentati alla Corte Suprema è stato sostenuto che quell'emendamento sarebbe stato "confezionato su misura" per proteggere Benyamin Netanyahu, che è sotto processo per corruzione e frode. "Si tratta di una legge di carattere personale - ha sostenuto l'ex ministro Avigdor Lieberman nel presentare uno dei ricorsi - che va annullata, o quanto meno rinviata alla prossima legislatura". Di parere opposto un avvocato di fiducia del premier secondo cui i giudici "non hanno il potere di annullare una legge fondamentale" e nemmeno quello di rinviarne la applicazione. 

Netanyahu fa marcia indietro sulla riforma della giustizia: via la clausola  che imbriglia la Corte Suprema.
Benjamin Netanyahu

Due settimane fa 15 giudici della Corte Suprema erano stati convocati per discutere lo stesso principio, esaminando i ricorsi contro la abolizione di fatto della cosiddetta "clausola di ragionevolezza", cosa che limiterebbe le prerogative del potere giudiziario. Il ministro della giustizia Yariv Levin (Likud), principale teorico della riforma giudiziaria intrapresa dal governo Netanyahu, ha scritto su X (ex twitter) che la udienza odierna alla Corte Suprema "significa di fatto una discussione sull'annullamento dell'esito delle elezioni. Coloro i quali hanno presentato ricorsi vogliono estromettere Netanyahu per por fine al governo di destra". "La Corte Suprema pretende di interferire su una Legge fondamentale senza averne alcuna autorità. Si pone così sopra il governo, sopra il parlamento, sopra il popolo e sopra la legge. Questa - ha concluso Levin - non è democrazia". Furiosa la reazione del movimento di protesta 'Forza Kaplan' che ha accusato a sua volta Levin di condurre "un putsch giudiziario". Il dibattito alla Corte Suprema è trasmesso interamente in diretta dalle emittenti nazionali. La sentenza dei giudici sarà pubblicata entro gennaio. (ANSAmed).

Per inviare a Ansa la propria opinione, cliccare sulla e-mail sottostante


redazione.internet@ansa.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT