lunedi` 22 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






ANSA Rassegna Stampa
17.08.2023 Arriva in Libano la piattaforma di esplorazione energetica
Per verificare presenza gas naturale in area frontaliera marittima con Israele

Testata: ANSA
Data: 17 agosto 2023
Pagina: 1
Autore: Ansa
Titolo: «Arrivata in Libano la piattaforma di esplorazione TransOcean Barents»
Riprendiamo oggi, 17/08/2023, da ANSA la notizia "Arrivata in Libano la piattaforma di esplorazione TransOcean Barents".

TRANSOCEAN BARENTS
La piattaforma di esplorazione energetica TransOcean Barents

BEIRUT - E' arrivata in Libano la piattaforma di esplorazione energetica TransOcean Barents incaricata di verificare la quantità di gas naturale presente in uno dei potenziali siti di combustibile fossile a largo delle coste libanesi e israeliane, in un'area frontaliera marittima definita tra i due paesi soltanto nei mesi scorsi. Il governo uscente libanese e Total Energies, che guida il consorzio energetico di cui fanno parte l'italiana Eni e QatarEnergy, hanno annunciato che l'arrivo della piattaforma TransOcean Barents dà formalmente il via all'esplorazione nel lotto numero 9. Il ministro dei Trasporti pubblici libanese Ali Hamiye ha affermato che ci vorranno almeno due mesi per conoscere gli esiti delle esplorazioni nel lotto. Una volta terminata questa fase, se nel giacimento saranno trovate riserve sufficienti, potrà cominciare la fase di estrazione del gas naturale. Israele e Libano, paesi in stato di belligeranza sin dalla loro nascita come Stati indipendenti più di 70 anni fa, lo scorso ottobre hanno raggiunto un accordo, mediato dagli Stati Uniti, per la spartizione delle risorse energetiche e la definizione del confine marittimo. I due paesi rimangono in stato di guerra e non hanno finora manifestato serie intenzioni di definire la frontiera terrestre.

Per inviare a Ansa la propria opinione, cliccare sulla e-mail sottostante


redazione.internet@ansa.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT