mercoledi` 10 agosto 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer smaschera l'antisemitismo dell'Unrwa (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






L'Opinione Rassegna Stampa
24.09.2008 Condannato a morte per omosessualità
accade in Iran

Testata: L'Opinione
Data: 24 settembre 2008
Pagina: 0
Autore: Giorgio Bastiani
Titolo: «Impiccato un gay nel Paese dove “non esistono”»
Da L'OPINIONE del 24 settembre 2008:

Giro di vite nella repressione in Iran, come se non fosse già abbastanza soffocante. Proprio all’indomani della trasferta del presidente Mahmoud Ahmadinejad all’Onu,ieri, Nemat Safavi, arrestato nel 2006 all’eta’ di 16 anni appena compiuti, è stato condannato alla pena capitale dal tribunale di Ardebil, capoluogo dell’Azerbaijan iraniano. La condanna a morte è stata comminata per l’accusa di rapporti con altri ragazzini del suo sesso. Negli atti processuali non si parla mai di omosessualità, che, secondo le dichiarazioni di Ahmadinejad “in Iran non esiste”. Sono citati unicamente “rapporti sessuali non ammessi”. La Repubblica Islamica conferma così la propria linea di repressione totale dei rapporti omosessuali. E il pugno di ferro non riguarda solo loro. L’ayatollah Seyyed Ahmad Elm al Hoda, di Mashad, meta di milioni di pellegrini in visita al mausoleo dell’imam Reza, è tornato proprio ieri a parlare di donne e hijab (velo islamico), definendo coloro che non indossano il velo come “fanterie del nemico” e come un male “peggiore dell’Aids”. “L’Occidente ha testato la sua ’rivoluzione morbida’ in Georgia e Ucraina, perchè vuole metterla in pratica anche nel nostro paese”, ha detto Elm al Hoda. “Diffondendo la prostituzione e incoraggiando le donne a non rispettare l’obbligo del hijab - ha aggiunto - il nemico vuole allontanarci da Allah”. Anche la possibilità di convertirsi ad una religione al di fuori dell’Islam è negata. Recentemente l’apostasia è stata riconosciuta da Teheran come reato capitale. Un cristiano, Ramtin Soudman, figlio del pastore evangelico Hossein Soudmanti, impiccato 20 anni fa per essersi convertito al cristianesimo, rischia di fare la stessa fine del padre. Sposato e padre di due figli, Ramtin è stato arrestato un mese fa e potrebbe essere condannato a morte con l’accusa di ’ertedad’, abbandono dell’Islam.

Per inviare una e-mail alla redazione dell'Opinione cliccare sul link sottostante

diaconale@opinione.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT