domenica 14 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Italia Oggi Rassegna Stampa
17.08.2023 Periscopio 17/08/2023
A cura di Diego Gabutti

Testata: Italia Oggi
Data: 17 agosto 2023
Pagina: 10
Autore: Diego Gabutti
Titolo: «Periscopio 17/08/2023»
Riprendiamo da ITALIA OGGI di oggi, 17/08/2023, "Periscopio" a cura di Diego Gabutti.

https://www.lanotiziagiornale.it/wp-content/uploads/2022/03/aleksei-navalny.jpg
Aleksej Navalny

I Seminari di Jacques Lacan ti fanno sentire scemo, mentre Harmony ti fa capire la gente. Francesco Alberoni, sociologo, scomparso a 94 anni il 14 agosto 2023.

Cosa c’entra il Kgb? [C’entra perché ci ha] insegnato a falsificare le elezioni. A rubare la proprietà d’intere industrie. A cambiare le leggi a proprio piacimento. A mentire ai media. A sopprimere l’opposizione con la forza. Persino a organizzare guerre idiote, stupide, e senza la capacità di farle. Aleksej Navalny (colonia penale di Melechova).

La guerra è stata necessaria a un gruppo di bastardi per trionfare e promuoversi. Evgenij Prigozhiin.

Con gli avversari politici conduci la tua battaglia, sigli una tregua, fai la pace e magari diventi loro alleato in un’altra battaglia. Ma combatti a viso aperto. Invece il traditore si professa tuo amico e, nel momento in cui sei debole, ti pugnala alle spalle. Nei suoi confronti, nessuna pietà. Vladimir Putin (da Repubblica).

Manda a fare una passeggiata chi paragona i campi di concentramento col carcere de la Santé. Danilo Kiš, Homo poeticus.

Mani Pulite a Kiev. Zelensky caccia i reclutatori dal congedo facile. Titolo di Repubblica.

Offensiva addio. [Alè ho-ho!]. Titolo del Fattosky quotidiano.

Sono [ormai] crollati i tre pilastri della propaganda occidentale che riassumo come segue: i russi sono alto sbando, odiano Putin e stanno per andare in bancarotta. Alessandro Orsini, il Fattosky quotidiano.

L’Ucraina picchia duro dietro le linee. Kiev fatica nello scontro diretto. Ma ha successo nel portare la guerra dentro il territorio russo con missili, droni e sabotaggi. Titolo di Libero.

Papa Francesco, nuovo appello di pace: «Basta armi». YouTube.

Sarebbe della massima utilità se Lei esponesse il problema della pace mondiale alla luce delle Sue scoperte, perché tale esposizione potrebbe indicare la strada a nuovi e validissimi modi d’azione. Albert Einstein a Sigmund Freud (in Perché la guerra, Bollati Boringhieri 1997).

[Persino, è tutto dire,] i bolscevichi sperano di riuscire a far scomparire l’aggressività umana, garantendo il soddisfacimento dei bisogni materiali e stabilendo l’uguaglianza sotto tutti gli altri aspetti tra i membri della comunità. Io la ritengo un’illusione. Sigmund Freud ad Albert Einstein (in Perché la guerra, Bollati Boringhieri 1997).

È abbastanza divertente se uno somma al proprio io il gatto, il maiale arrosto, un cane, l’amore per la doccia fredda. Le cose si fanno meno idilliche se uno decide di sommare all’io l’amore per il comunismo, per la patria, per Mussolini, per la chiesa cattolica, per il fascismo o per l’antifascismo. Milan Kundera, L’immortalità.

Diane Johnson del New York Times suona la campana a morto [per Milan Kundera]: «Il mondo è andato oltre alcuni dei problemi che ancora lo preoccupavano». Altrimenti perché l’ultimo Nobel è stato comminato alla scrittrice francese Annie Ernaux che ci serve il menù del giorno – abortismo da salotto, outing a sinistra, boicottaggio d’Israele e cacciata dalle case editrici dei colleghi «fascisti» – anziché a lui? Giulio Meotti, il Foglio.

In America voterei Trump. Marco Rizzo, presidente del Partito Comunista (si fa per ridere).

Musk e Zuckerberg faranno a botte in Italia. Titolo della Verità.

[Ciò] renderà omaggio al passato e al presente del nostro paese. Stiamo ragionando su come organizzare un grande evento benefico e d’evocazione storica, nel rispetto e nella piena tutela dei luoghi. Gennaro Sangiuliano.

«Già li vedo: due eroi mitologici moderni, Elon Musk-Achille e Mark Zuckerberg-Ettore, sfidarsi al centro del Colosseo», rilancia ispirato il critico d’arte e sottosegretario alla Cultura Vittorio Sgarbi. Giovanna Cavalli, Corriere della sera.

Sia sbranato al Colosseo / Sia spellato al Colosseo / Sia scannato al Colosseo / Sia incornato al Colosseo. Vinicio Capossela, Al Colosseo.

Noooo, ovunque ma non al Colosseo, dice Gennaro Sangiuliano, ministro (un po’ fuori forma) della cultura fisica. E se poi i due zompano de qua e de là in simultanea? Si rischia un terremoto. Pierpaolo Albricci, Italia Oggi.

Da Verona a Pompei gara per ospitare il duello. Titolo del Corriere della sera.

Prendete me! Prendete me! Dal web.

Però a pensacce bene ’n sarebbe male falli combatte [ar Colosseo] coi leoni da tastiera. Osho, il Tempo.

Quell’era un Culiseo, sori Cardei. / Sti cosi tonni com’er culo, a Rroma / se sò ssempre chiamati Culisei. Gioacchino Belli, Li bbattesimi de l’anticajje.

Ora Zuckerberg frena: «Musk non è serio». corriere.it

Sulle banche ho deciso io. È un messaggio da Stato giusto. Giorgia Meloni (da HuffPost).

Non accada mai più. Antonio Tajani, più infelice del solito.

Il governo non si vuol bene. Chi darebbe un pugno nello stomaco al proprio creditore e minaccerebbe i propri elettori? Nelle banche ci sono i risparmi dell’81 per cento degli italiani. Vale a dire di tutti gli elettori. Sabino Cassese (Carmelo Mancuso, il Foglio).

È il caso dell’estate: le corna dell’alta borghesia sabauda spopolano ovunque, dai giornali alla rete. Marco Franchi, il Fatto quotidiano.

Adesso [però] ci vorrebbe il colpo di scena. «Voi uomini ci sospettate solo quando siamo innocenti», diceva una delle amanti del Magnifico cornuto. Adesso l’avvocato, l’industriale, tutti i presunti colpevoli di concorso in cornutaggine dovrebbero, per salvare la reputazione della signora, confessare d’essere gay. Guia Soncini, Linkiesta.

[Ma il colpo di scena è un altro:] il filmato della serata fa il giro dei social e [niente meno che] il garante della privacy apre un’inchiesta. Titolo della Stampa.

[PS:] Che la miglior vendetta sia il perdono lo dice solo chi non ha subito torti. Roberto Gervaso.

Immagine correlataitaliaoggi@class.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT