giovedi` 02 febbraio 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco l'Israele che non ti aspetti (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Italia Oggi Rassegna Stampa
20.01.2023 Periscopio 20/01/2023
A cura di Diego Gabutti

Testata: Italia Oggi
Data: 20 gennaio 2023
Pagina: 10
Autore: Diego Gabutti
Titolo: «Periscopio 20/01/2023»
Riprendiamo da ITALIA OGGI di oggi, 20/01/2023, "Periscopio" a cura di Diego Gabutti.

Děláme, co můžeme, dušoval se Lukašenko šéfovi ruské diplomacie. Lavrov  opět zamířil do Minsku | iROZHLAS - spolehlivé zprávy
Sergej Lavrov

Gli Usa e i suoi alleati vogliono mettere in pratica «una soluzione finale» contro la Russia «come Hitler con gli ebrei». Lo ha detto il ministro degli esteri russo Sergej Lavrov in conferenza stampa. Dagospia.

In diverse città russe – Mosca, San Pietroburgo, Krasnodar, Ekaterinburg – sono apparsi memoriali spontanei per la strage di Dnipro, dove un missile russo ha [ucciso] almeno 45 civili. A Krasnodar e San Pietroburgo sono stati deposti fiori, candele e giocattoli sotto al monumento del poeta ucraino Taras Shevchenko. A Ekaterinburg è stato scelto il monumento per le vittime della repressione politica. A Mosca sono stati portati fiori e candele al monumento della poetessa Lesya Ukrainka. repubblica.it  

Un elicottero si schianta a Brovary, in Ucraina. Quattordici le vittime, tra le quali anche il ministro degli Interni, Denys Monastyrskyi. La tragedia vicino a un asilo. L’ombra di un sabotaggio. Corriere della sera.

Se al posto del nazionalista in tuta mimetica Zelensky, il popolo ucraino fosse stato guidato da un nazionalista spirituale come Gandhi a che punto saremmo oggi? semprenews.it

[Combattenti inglesi, state] compiendo la stessa opera di distruzione dei soldati tedeschi. Non voglio che la Britannia venga sconfitta né che risulti vincitrice in una gara di forza bruta. [...]. Deponete le armi e invitate Herr Hitler e il Signor Mussolini a prendere ciò che vogliono della vostra bella isola. Se questi gentlemen decidono di occupare le vostre case, voi le evacuerete. Se non vi lasceranno uscire, voi, uomini, donne e bambini, vi lascerete trucidare, ma non vi sottometterete a loro. Gandhi, To every Briton, 3 luglio 1940 (da Roberto Massari, Reazionari sinistri).

Il Parlamento europeo ha votato a stragrande maggioranza a favore dell’inserimento dei Pasdaran iraniani nella lista delle organizzazioni terroristiche. repubblica.it

Una docente della Hamline University, Minnesota, ha mostrato in classe un’immagine del Profeta e l’università ha rifiutato di rinnovarle il contratto. La docente, Erika López Prater, aveva mostrato le immagini di due dipinti di Maometto del XIV e del XVI secolo. Opere medievali considerate canoniche. [...] Il rettore ha detto che «il rispetto per gli studenti musulmani deve sostituire la libertà accademica». Il Foglio.

Giorgia leader più amato d’Europa. Titolo di Libero.

Giorgia Meloni è inadeguata a governare l’Italia, si è circondata d’una squadra di saltimbanchi con cui però, grazie all’inconsistenza degli avversari e alla complicità dei media, riesce a dominare il discorso pubblico intorno a temi da asilo infantile, tipo il Pos, le «accise» e padre Dante fondatore della destra. Christian Rocca, Linkiesta.

Oggi, come nel 1300, una nuova era storica si affaccia. L’Italia ci darà essa il nuovo Dante, che segni l’ora della nascita della nuova èra proletaria? Friedrich Engels, prefazione del 1893 all’edizione italiana del Manifesto del partito comunista.

Quello che Meloni fatica a capire è che la destra è uscita dalla sua età dell’innocenza e adesso governa. Non attacca più i manifesti contro americani e sovietici ma sta a palazzo Chigi. Mario Lavia, Linkiesta.

Il piano garantista di Nordio passa senza i voti dei dem. II ministro punta su presunzione di innocenza e riforma delle intercettazioni. Troppo per il Pd. il Giornale.

In un paese civile Nordio non farebbe il ministro della giustizia. Marco Travaglio, il Fatto.

«Ci penserà la magistratura», «lo accerterà la magistratura», «lo stabiliranno i magistrati». Cioè: ti lincio in tv, poi dico che i miei sono solo dubbi di giornalista curioso, e sul piano giudiziario «valuterà la magistratura». [...] Quando sentite «lo stabiliranno i magistrati» suonate l’allarme: è il forcaiolo che parla. Pierluigi Battista, HuffPost.

Ho passato ore a cercare chi avesse fatto le camicie da uomo con le stampe d’anguria [indossate da Messina Denaro]: Gucci? Prada? Google è come sempre inutile, e le prime che ti mostra sono di H&M. Il che, però, apre uno scenario forse ancora più bello, ancora più da film di Dino Risi. E se Messina Denaro avesse spacciato per camicia da 700 euro una H&M da 14 euro e 99? Se il temibile boss colpevole di atroci delitti fosse innanzitutto un italiano, innanzitutto un mitomane? Guia Soncini, Linkiesta.

Fino a quando il favoleggiato archivio [di Messina Denaro] non viene trovato [...] si potrà continuare a parlare e scrivere dell’«archivio segreto» di Cosa Nostra con indicibili e destabilizzanti segreti che riguardano le più svariate «entità» (espressione che ha sostituito l’ormai logoro «terzo livello»). Avanti dunque con articoli, interviste, libri, comparsate tv. Valter Vecellio, HuffPost.

Anno nuovo, vita vecchia nei talk show. [...] Giornalisti che insegnano virologia, virologi che insegnano giornalismo, politici che si travestono da moralisti, moralisti che si improvvisano politologi, tuttologi ai quali nessun argomento è precluso, sia esso economico, storico, filosofico, religioso. [...] Altrettanti omaggi [involontari] a Bouvard e Pécuchet, protagonisti del romanzo omonimo di Gustave Flaubert. Come loro, ce la mettono tutta per passare da competenti, ma di fatto restano due idioti. Michele Magno, Italia Oggi.

Non potrebbe venirmi in testa di rimproverare a qualcuno un cambiamento d’opinione. È noto che per mio conto ne cambio volentieri, e me ne trovo magnificamente. Ulysse Pinc, 1864 (dallo Sciocchezzaio di Gustave Flaubert).

Esiste una stupidità lieve, oppure dovuta all’effettiva scarsa intelligenza d’una persona, e allora che farci... pazienza, non è rovinosa per nessuno. Invece mi fa paura la stupidità aggressiva, che si esprime solo con violenza – l’idiozia convinta d’essere nel giusto. Wisława Szymborska, L’indispensabile naturalezza.

Gli stupidi hanno risorse inesauribili. Roberto Gervaso.

Immagine correlata
Diego Gabutti

italiaoggi@class.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT