martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Italia Oggi Rassegna Stampa
13.09.2022 Una piazza per Oskar Schindler
Commento di Roberto Giardina

Testata: Italia Oggi
Data: 13 settembre 2022
Pagina: 12
Autore: Roberto Giardina
Titolo: «Una piazza per Oskar Schindler»
Riprendiamo da ITALIA OGGI di oggi 13/09/2022, il commento di Roberto Giardina dal titolo "Una piazza per Oskar Schindler".

Immagine correlata
Roberto Giardina

Oskar Schindler - Frankfurt Duitsland -1963 - Foto en Poster te koop
Oskar Schindler

Finalmente Oskar Schindler verrà ricordato a Francoforte. La piazza innanzi alla stazione centrale avrà il suo nome, e quello della moglie Emilie. Non è stato facile. Per mesi si è discusso se fosse opportuno ricordare un poco di buono. Schindler avrà salvato 1200 ebrei, ma era un profittatore, un donnaiolo, aveva un cattivo carattere. “Se non avesse avuto dei difetti, oggi io non sarei in vita”, disse il giudice Moshe Bejski, il giudice dei giusti fra le nazioni, nato nel 1920 a Cracovia, fu salvato da Schindler. Lo invitò a Gerusalemme, lo aiutò quando era ridotto male, fisicamente e economicamente, e nel 1962 volle che fosse ricordato tra i giusti, suscitando veementi proteste in Israele, non tutti erano d´accordo. Aveva fatto lavorare gli ebrei come schiavi, nella sua fabbrica, collaborando con i nazisti. Dopo la guerra, Schindler e Emilie vissero per quattro anni a Regensburg, poi emigrarono in Argentina, ma tutte le imprese fallirono. Nel ´57, Schindler tornò in Germania, e dal 1965 fino alla morte, nel ´74 a 66 anni, visse a Francoforte, nella Banhofplatz, al numero quattro, in un appartamento di una stanza, nel quartiere a luci rosse, tra bordelli, prostitute, spacciatori, locali di spogliarello, e alberghi da pochi marchi. Finora era stata posta una semplice lapide all´ingresso del palazzo dove visse, e gli è stata dedicata una piccola via in periferia. La piazza della stazione era un omaggio esagerato? Con difficoltà sono state vinte le ultime resistenze, ed è giusto che sia ricordata anche la moglie, scomparsa nel 2001, a 94 anni, che collaborò con lui a salvare almeno 1200 ebrei.

Graf van Oskar Schindler in Jeruzalem | Columbus Travel
La tomba di Schindler a Gerusalemme

Ma Oskar era un macho, e si prendeva tutti i meriti. “Senza Schindler io non sarei mai nato”, ricorda anche Michel Friedman, ex vicepresidente del Consiglio ebraico in Germania, e presidente del Congresso ebraico europeo, “salvò i miei genitori e mia nonna dalle camere a gas di Auschwitz”. Giornalista e avvocato, ha appena pubblicato l´autobiografia “Fremd”, straniero. “Ho esitato a lungo prima di scriverla, spiega, temevo che venisse letta solo come un ricordo personale, io affronto il rapporto tra tedeschi e ebrei, oggi, tra memoria e antisemitismo”. Friedman è nato a Parigi nel 1956, dove si erano trasferiti i genitori. Dopo dieci anni tornarono in Germania, “la terra dei carnefici”, e lui bambino subì senza comprendere la scelta. A Francoforte, ricorda, Schindler veniva da loro, a pranzo e a cena. “Aveva il sorriso di un leone, era gigantesco come un orso.” Una foto lo ritrae accanto a Schindler, suo padrino a Tel Aviv per il Bar Mitzwa, il momento in cui un bambino ebreo raggiunge la maturità, a 13 anni e un giorno. La testimonianza di Friedman è importante. La nonna apparteneva a una famiglia abbiente di Cracovia, e consegnò a Schindler un sacchetto di diamanti, per salvare la figlia che era finita a Auschwitz. Ma, il tedesco accusato di fare affari con i nazisti, con i diamanti corruppe il direttore del Lager, Rudolf Höß, e riscattò la madre di Michel, e altre donne ebree. I genitori e la nonna, furono salvati, “solo loro tre, ricorda Friedman, tutti gli altri membri della mia famiglia, zii, cugini, morirono nei Lager.” Quando Spielberg volle presentare “Schindler´s List” nel 1994 in Germania, chiese consiglio a Friedman: “Non a Bonn o a Berlino, rispose, la prémiere dovrebbe avvenire a Francoforte”. Schindler diede ai suoi genitori la speranza di continuare ad avere fiducia nell´umanità il ricordo di Schindler è stato per lui sempre uno stimolo la spinta a impegnarsi quando avviene un´ingiustizia. Nel 2003, nel pieno del successo, Michel Friedman fu coinvolto in uno scandalo, aveva consumato cocaina con delle escort in un hotel di Berlino. Le ragazze erano minorenni? La legge tedesca è paradossale: non è proibito il consumo della droga, ma è vietato procurarsela, e offrirla. I suoi amici lo difesero: è un attacco antisemita. Friedman non volle ricorrere a questa difesa: “Il fatto che sia ebreo non conta, ho fatto degli errori, e devo pagare”. Se la cavò con una forte multa, ma la condanna più grave se la inflisse da solo: si dimise da tutte le cariche, rinunciò ai contratti giornalistici, e ricominciò da capo. Un atto di grande coraggio.

Per inviare a Italia Oggi la propria opinione, telefonare: 02/582191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

italiaoggi@class.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT