domenica 25 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Theodor Herzl: l'uomo e il simbolo (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Italia Oggi Rassegna Stampa
11.08.2022 Periscopio 11/08/2022
A cura di Diego Gabutti

Testata: Italia Oggi
Data: 11 agosto 2022
Pagina: 10
Autore: Diego Gabutti
Titolo: «Periscopio 11/08/2022»
Riprendiamo da ITALIA OGGI di oggi, 11/08/2022, "Periscopio" a cura di Diego Gabutti.

Più di 10,5 milioni di persone hanno attraversato il confine dell’Ucraina dall’invasione della Russia. Lo ha annunciato l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati sul suo sito web. repubblica.it.

Il ritratto più originale e drammatico di Vladimir Putin è d’un fotografo bielorusso, Pavlo Krychko, che ha utilizzato 1.500 screenshot e istantanee scattate durante i primi 57 giorni di guerra della Russia contro l’Ucraina. Immagini crude, spietate, che si fondono fino a formare i suoi lineamenti e diventano la materializzazione della barbarie di chi ha ordinato di bombardare i civili. Si vedono gli edifici in fiamme, le croci nei cortili di Bucha dove i morti sono stati sepolti in fretta, la fuga dall’ospedale pediatrico di Mariupol, i cadaveri abbandonati in strada dai russi. Ansa.

Di Robespierre è stato detto che, se fosse vissuto in tempi pacifici e tranquilli, sarebbe divenuto un notaio di provincia, virtuoso, altruista, umano. E certo, in altri tempi, l’inquisitore bolscevico Dzeržinskij, invece d’un sanguinario, sarebbe stato un uomo pieno di dolcezza e amore. Di Torquemada si sa che era di natura piuttosto dolce ed altruista. Nikolaj Berdjaev, Schiavitù e libertà dell’uomo

Il termine «grande dittatore», applicabile a un Hitler, è troppo misero per Stalin, e per lui Solženicyn ha coniato la parola, davvero perfetta nella sua mostruosità, di «egocrate». Vittorio Strada, URSS-Russia.

La modestia è l’ornamento del bolscevico. Stalin.

Ci è stato richiesto di mettere in gioco la stabilità e l’economia della nostra nazione in nome del sostegno all’Ucraina baluardo europeo. Eppure, secondo gli osservatori internazionali e le Ong presenti sul posto, «quasi il 60 percento (circa 2.300) di tutte le detenzioni legate al conflitto (in Donbass, ndr) effettuate dalle autorità tra il 2014 e il 2021 sono state arbitrarie». […] Torture, detenzioni illegali, condizioni disumane delle carceri e processi pilotati dalle istituzioni. […] Vogliamo davvero mettere a rischio l’Italia per una causa simile? Francesco Borgonovo, la Verità (in russo Pravda).

«I democratici hanno passato il Rubicone, verso lo stato di polizia e degli sbirri», si scalda sulla rete Fox il commentatore ultras trumpiano Buck Sexton. L’ex vicepresidente repubblicano Mike Pence incalza: «La perquisizione della casa del presidente Trump mina la fiducia dei cittadini nella giustizia». Gianni Riotta, la Repubblica.

[Mar a Lago, Florida]. Caccia al ladro. Titolo del Manifesto.

Io volevo soltanto rubare i soldi della gente. John Dillinger.

Tutto quello che mi serve per creare una comica è un parco, un poliziotto e una bella ragazza. Charlie Chaplin.

Appena Trump ha messo in Rete la notizia della perquisizione le «milizie di Donald». Evocano «la guerra civile» e hanno iniziato a presidiare la tenuta dell’ex presidente in Florida, lì dove ieri sono entrati una trentina di agenti dell’Fbi. E su Google tra gli argomenti più cercati c’è «lock and load», ovvero come caricare un’arma da guerra nel gergo militare. Massimo Gaggi.

Ah, i bei tempi, quando ancora si poteva mandare affanculo la gente e passare per rivoluzionari, altro che i borghesi di oggi in pochette. David Allegranti, il Machiavello.

Politicamente non mi fido di Beppe Grillo, che ancora fa da padre padrone. E io sotto Grillo non ci sto. Per rientrare nel M5s e ricandidarmi [pretendo] garanzie politiche. [E che] Grillo faccia un passo di lato. Alessandro «Dibba» Di Battista, Adnkronos.

Ogni voto in più a Forza Italia rafforzerà il profilo moderato della coalizione. Noi siamo diversi dai nostri alleati. Siamo i soli a rappresentare in modo coerente le migliori tradizioni politico-culturali italiane. Silvio Berlusconi 1.

Mussolini non ha mai ucciso nessuno, mandava gli oppositori in vacanza al confino. Silvio Berlusconi 2.

Funzione d’un partito d’avanguardia: adattarsi ai tempi che cambiano, seguendo gli sviluppi e accodandosi ai trends. Alberto Arbasino.

Pochi sanno che due sabati fa, prima dell’accordo Calenda-Letta, Azione era già pronta a coalizzarsi con Renzi. Il leader di Italia Viva era disponibile a fare un passo indietro per lasciare spazio a Calenda. Le pressioni della Bonino, ma non solo della Bonino, avevano invece convinto Azione ad accordarsi col Pd. Christian Rocca, Linkiesta.

Nel Pd ha vinto la linea della sinistra interna favorevole a una caratterizzazione «anticapitalista» […] e quindi alla ripresa di un rapporto politico con le formazioni della sinistra radicale e col M5s. Già, il M5s: persi quelli di Calenda, i suoi voti tornano necessari. Mario Lavia, Linkiesta.

Convergenze col M5S? Lo ricordo a tutti: dopo il 25 settembre c’è il 26. Nicola Fratoianni, Non stop news (Rtl).

Nicola Fratoianni? Un piccolo Bertinotti senza stile né carisma. Voto: 4,5. Luigi Bisignani 1, Affari italiani.

Calenda e Renzi. Non fatevi fregare. Questi sono del Pd. Titolo di Libero.

Calenda: «Voglio molto bene alla Bonino». La replica a distanza della senatrice: «Pensate se mi voleva male, passava alla tortura fisica». La corsa al voto (La7).

Emma Bonino? Vispa Teresa, la definiva Andreotti: pronta ad annusare dove c’è un seggio per lei. Voto: 7. Luigi Bisignani 2, Affari italiani.

Per fortuna che [il leader di Azione] viene dal mondo dell’impresa: dieci giorni li ha fatti perdere a noi, tre giorni li ha già fatti perdere a Renzi. È il classico indeciso che prova tutti i vestiti del negozio ed esce con la promessa: «Magari ripasso domani». Un esponente del Pd, la Repubblica.

Vuoi allearti con me? Sì. No. Calenda. Dal web.

Sa dove vuole arrivare, ma non sa da dove partire. Roberto Gervaso.

Immagine correlata
Diego Gabutti

italiaoggi@class.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT